Diritto e Fisco | Articoli

Isee: conto corrente, saldo attivo, negativo e giacenza media

23 Febbraio 2019 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 23 Febbraio 2019



Io e mia moglie abbiamo diversi conti correnti bancari come persone fisiche. Al 31/12/2018 alcuni di questi conti hanno un saldo positivo, altri conti hanno un saldo negativo, ai fini ISEE il dato “giacenza al 31/12/18” è pari a totale saldi attivi – totale saldi negativi? Per le giacenze medie annue il dato da dichiarare è pari a totale giacenze medie attive – totale giacenze medie passive? Devo dichiarare il saldo a debito al 31/12/2018 della mia carta di credito? Ho una carta “Revolving” (senza IBAN) con un saldo a debito al 31/12/18 di 8.000,00 Euro: devo dichiarare l’esistenza di questa carta di credito? Questo importo lo posso mettere in deduzione per calcolare la giacenza totale al 31/12/18? Anche per questa carta devo dichiarare la giacenza media annua? Io e mia moglie siamo i soci di una sas chiusa al 31/12/18 e di una snc ed entrambe queste società hanno debiti per Iva non versata. Quali sono i dati da dichiarare nei rispettivi modelli?

I rapporti indicati dal lettore costituiscono componenti del patrimonio mobiliare che devono essere necessariamente dichiarate ai fini Isee. In particolare occorre dichiarare:

– depositi, conti correnti bancari o postali, carte prepagate (estremi del rapporto, saldo al 31 dicembre 2018 e giacenza media annua);

– titoli di Stato, obbligazioni, buoni fruttiferi postali, certificati di deposito;

– azioni o quote di investimento e qualsiasi altro rapporto di tipo finanziario;

– contratti di assicurazione;

– patrimonio netto delle imprese in contabilità ordinaria e valore rimanenze finali e del costo dei beni ammortizzabili per le imprese in contabilità semplificata.

Con riferimento al conto corrente, deve essere dichiarato l’importo del saldo attivo, al lordo degli interessi, alla data del 31 dicembre del 2018; se, l’importo della giacenza media annua del conto corrente è superiore al saldo del 31 dicembre, si prenderà in considerazione l’ammontare della giacenza media. Se il saldo è nullo o negativo, il rapporto deve essere comunque dichiarato inserendo nella DSU il valore “0”.

La legge prevede che, se durante l’anno vi sono stati acquisiti immobiliari, o incrementi del patrimonio mobiliare, e la giacenza media è superiore al saldo, devono essere indicati entrambi i valori (saldo + giacenza media).

La giacenza media si calcola, per ogni singolo rapporto bancario, non con la semplice differenza tra saldi attivi e passivi, bensì dividendo la somma delle giacenze giornaliere per 365.

Il lettore deve dunque distinguere i vari rapporti di conto corrente e indicare, per ciascuno di essi, il saldo attivo al 31 dicembre o, se superiore, la giacenza media annua. Nel modello DSU indicherà poi il totale delle giacenze.

Nella dichiarazione il lettore dovrà indicare tutti rapporti finanziari a lui intestati (compresa la carta di credito senza Iban); se il rapporto è a debito, occorre scrivere “0” alla voce “saldo”.

Il saldo negativo del conto corrente non diminuisce il patrimonio mobiliare ma, semplicemente, non viene considerato (appunto valore “0”). Difatti, l’unico debito considerato dalla dichiarazione, utile a diminuire il patrimonio della famiglia ai fini Isee, è l’eventuale mutuo per l’acquisto dell’abitazione principale. Ne consegue che il saldo negativo non andrà dedotto dal totale delle giacenze (le quali si calcolano secondo il metodo sopra indicato).

Con riguardo ai dati societari, occorre dichiarare, facendo riferimento all’ultimo bilancio, se si tratta di imprese in contabilità ordinaria, il patrimonio netto, o, se si tratta di imprese in contabilità semplificata, il valore delle rimanenze finali e del costo dei beni ammortizzabili.

Vista la possibile difficoltà per i calcoli suddetti, sarebbe opportuno l’ausilio di un commercialista o consulente fiscale.

 

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Maria Monteleone


scarica un contratto gratuito
Creato da avvocati specializzati e personalizzato per te

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA