Business | Articoli

Inps: milioni di certificati medici, soprattutto di lunedì

7 Dicembre 2017
Inps: milioni di certificati medici, soprattutto di lunedì

Secondo i dati resi noti dall’Inps il lunedì è la giornata dei malanni. Attenzione, però, ai cosiddetti furbetti del week-end

Il lunedì non è solo un giorno della settimana, ma è anche uno “stato d’animo”, che per molti diventa addirittura patologico. Non a caso, ci si ammala soprattutto di lunedì. Le statistiche sul punto sono chiare e lampanti: il lunedì è la giornata dei certificati medici. Ora, che si tratti di una pura coincidenza o piuttosto di una “furbizia” dei dipendenti non è dato saperlo, ciò che non lascia spazio a dubbi sono i numeri raccolti dall’Inps: nel primo giorno della settimana si verificano il 29,6% degli eventi di malattia del settore privato e il 26,8% di quelli della Pubblica amministrazione. Lo si legge nell’Osservatorio Inps sui certificati di malattia nel quale si sottolinea che sono stati 18,9 milioni i certificati di malattia trasmessi dai lavoratori nel 2016, di cui 12,6 milioni hanno riguardato il settore privato e 6,3 milioni la Pubblica Amministrazione, con i primi che sono aumentati del 4,4% mentre i secondi sono scesi, anche se in misura del tutto irrilevante (-0,03%). La concentrazione degli eventi malattia con riferimento ai giorni della settimana è simile per entrambi i comparti, con frequenza massima il lunedì: 2,7 milioni di eventi per il settore privato e 1,3 milioni per la Pubblica Amministrazione.

Certificati medici e Regioni

Con riferimento alla distribuzione regionale, si segnala – per il settore privato – una forte tendenza ad ammalarsi soprattutto al centro-nord: in Lombardia si
concentra la maggior parte dei certificati medici del 2016, con 2,7 milioni di certificati pari al 21,5%, seguita dal Lazio (11,2%). Per la Pubblica Amministrazione invece, al primo posto troviamo  il Lazio con il 13,3% e la Sicilia con il 12,5%, e a seguire Lombardia (11,4%) e la Campania (11,1%). Nel settore privato, a fronte dell’aumento del 4,4% del numero dei certificati medici trasmessi nell’anno 2016 rispetto all’anno precedente, si evidenzia – a livello regionale – un incremento massimo in Sicilia (+6,3%) e minimo in Valle
d’Aosta (+1,4%). Nella Pubblica Amministrazione, data una sostanziale stabilità del numero dei certificati medici trasmessi nell’anno 2016 rispetto al 2015, si registra un incremento in Calabria del 7,5% e in Puglia del 4,0%, mentre nel Molise e nel Lazio si registra un decremento rispettivamente pari al 4,4% e 2,7%.

Certificati medici ed età dei lavoratori

Nel settore privato la classe di età dei lavoratori con almeno un evento di malattia, è quella tra i 40 e 44 anni (15,7%) a differenza della Pubblica Amministrazione in cui, invece, la classe di età a maggior frequenza è quella tra i 55 e 59 anni (21,0%).

No ai furbetti del week-end

Come anticipato, non ci è dato sapere se la forte tendenza ad ammalarsi di lunedì sia soltanto un caso, oppure una “strategia” per allungare il week-end. Fatto sta che questo “trucchetto” tra non molto potrebbe costare molto caro ai dipendenti pubblici, che potranno essere puniti addirittura con il licenziamento. La novità in parola è contenuta nella bozza del nuovo contratto per gli statali, attualmente  in discussione e che il Ministro Marianna Madia auspica di firmare entro Natale, o al più entro fine anno. Tra i contenuti più salienti che emergono dalla bozza si rintracciano certamente le ipotesi di sospensione o licenziamento derivanti da comportamenti abusivi dei dipendenti pubblici come:

  • abusi o molestie di carattere sessuale;
  • richiesta o ricezione di regali come contropartita per il lavoro svolto;
  • assenze strategiche: assentarsi di lunedì e venerdì o a ridosso delle feste potrebbe comportare la sospensione dall’ufficio e della retribuzione e addirittura il licenziamento.

Per saperne di più, si rimanda alla lettura dei seguenti articoli: Molestie in ufficio: in arrivo i licenziamentiRegali vietati ai dipendenti della P.A.Furbetti del week-end: licenziamenti in arrivo.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube