Diritto e Fisco | Articoli

Reddito di cittadinanza: si può uscire dal nucleo familiare?

6 Febbraio 2019 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 6 Febbraio 2019



È possibile ottenere stati di famiglia separati per soddisfare i requisiti necessari al reddito di cittadinanza?

Soddisfare le condizioni per ottenere il reddito di cittadinanza non è semplice: le soglie di reddito e patrimoniali stabilite per il diritto al sussidio, difatti, non devono essere superate da parte dell’intero nucleo familiare, non soltanto del singolo richiedente.

Se il richiedente, ad esempio, non possiede immobili, ma un altro componente del suo nucleo familiare possiede un immobile (ad esclusione della casa di abitazione) che vale oltre 30mila euro, il reddito di cittadinanza non spetta. Lo stesso accade se il richiedente non possiede alcun veicolo, ma un componente del nucleo possiede un veicolo immatricolato di recente (nei 6 mesi precedenti alla domanda di sussidio), o di cilindrata superiore a 1600 cc, o un motoveicolo di cilindrata superiore a 250 cc o immatricolato 2 anni prima.

In riferimento al patrimonio mobiliare, se il richiedente non possiede conti, carte, libretti, titoli, partecipazioni, ma la famiglia, nel suo complesso, supera la soglia massima di patrimonio mobiliare consentito, il reddito di cittadinanza non spetta.

Un componente del nucleo familiare ha rassegnato le dimissioni? Tutta la famiglia perde il diritto al reddito per un anno. Un componente del nucleo familiare viene trovato a lavorare in nero, oppure non partecipa alle iniziative formative, di riqualificazione e orientamento, o si rifiuta di lavorare gratis per il Comune? Tutta la famiglia decade dal reddito di cittadinanza.

In base a quanto esposto, in diversi casi far parte di un nucleo familiare rappresenta più un problema che un vantaggio. Ma, ai fini del reddito di cittadinanza, si può uscire dal nucleo familiare? È possibile, cioè, avere due stati di famiglia separati, anche se si risiede nello stesso posto?

Per rispondere alla domanda, dobbiamo prima capire chi rientra, secondo la legge, nello stato di famiglia, e chi è considerato facente parte della famiglia in base alla normativa sul reddito di cittadinanza.

Chi rientra nello stato di famiglia?

Nello stato di famiglia, che è un certificato che rilascia il Comune, rientrano tutti i componenti della famiglia anagrafica: la famiglia anagrafica è un insieme di persone, conviventi, legate da un vincolo di matrimonio, di parentela, di affinità, di tutela o semplicemente affettivo.

Il reddito di cittadinanza considera lo stato di famiglia?

Ai fini del reddito di cittadinanza non si considera il nucleo familiare quale appare dallo stato di famiglia, ma si ha riguardo alla composizione del nucleo familiare ai fini della dichiarazione Isee. Da questa dichiarazione si ricavano gli indicatori della situazione economica, reddituale e patrimoniale della famiglia.

Chi è nel nucleo familiare Isee?

Il nucleo familiare ai fini Isee solitamente coincide col nucleo che figura nello stato di famiglia, ad eccezione di particolari situazioni:

  • i genitori conviventi e non sposati si considerano parte di un unico nucleo familiare; il genitore dichiarante deve indicare il convivente nell’Isee come “altra persona nel nucleo”;
  • i genitori non sposati né conviventi non fanno parte della stessa famiglia anagrafica, ma il genitore che non convive deve essere inserito nello stesso nucleo ai fini Isee a meno che:
    • risulti sposato con una persona diversa dall’altro genitore;
    • risulti avere figli con una persona diversa dall’altro genitore;
    • sia obbligato, con provvedimento dell’autorità giudiziaria, al versamento di assegni periodici destinati al mantenimento dei figli;
    • sia stato escluso dalla potestà sui figli o sia stato allontanato dalla residenza familiare;
    • sia stato accertato, in sede giurisdizionale o dalla pubblica autorità competente in materia di servizi sociali, estraneo in termini di rapporti affettivi ed economici;
    • se il genitore non convivente è sposato o ha figli con un’altra persona è considerato nell’Isee del nucleo come componente aggiuntiva;
  • i coniugi che vivono in una diversa residenza non fanno parte della stessa famiglia anagrafica, ma sono comunque considerati facenti parte dello stesso nucleo; devono prendere, come riferimento per l’Isee, la famiglia anagrafica di uno dei due, di comune accordo, oppure l’ultima residenza avuta in comune;
  • i coniugi separati ma conviventi si considerano parte di un unico nucleo familiare;
  • i coniugi separati e non conviventi, se separati legalmente e non di fatto, non fanno più parte dello stesso nucleo;
  • i figli che convivono con i nonni, se sono fiscalmente a carico dei genitori, fanno parte del nucleo dei genitori; se non a carico del padre o della madre, entrano nel nucleo familiare dei nonni;
  • il figlio maggiorenne non convivente con i genitori e a loro carico ai fini Irpef, nel caso non sia coniugato e non abbia figli, fa parte del nucleo familiare dei genitori; nel caso i genitori appartengano a nuclei familiari distinti, il figlio maggiorenne, se a carico di entrambi, fa parte del nucleo familiare di uno dei genitori, da lui identificato.

Chi è nel nucleo familiare per il reddito di cittadinanza?

Il decreto sul reddito di cittadinanza chiarisce che, ai fini del sussidio, la composizione del nucleo familiare è la stessa valida ai fini Isee, ma modifica parzialmente alcune regole, includendo dei componenti ed escludendone altri.

Nuovo nucleo familiare Isee

Nello specifico, a partire dall’entrata in vigore del decreto in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni [1]:

  • i coniugi restano nello stesso nucleo ai fini Isee anche a seguito di separazione e divorzio, se risiedono nella stessa abitazione;
  • il figlio maggiorenne non convivente con i genitori fa parte del nucleo familiare Isee dei genitori esclusivamente quando è di età inferiore a 26 anni, è nella condizione di essere a loro carico a fini Irpef, non è coniugato e non ha figli.

Come uscire dal nucleo familiare per ottenere il reddito?

Nella generalità dei casi, per uscire dal nucleo familiare ai fini Isee, quindi anche ai fini del reddito di cittadinanza, è sufficiente cambiare residenza.

Cambiare indirizzo non basta, però, quando si rientra nelle ipotesi particolari in cui si considerano facenti parte dello stesso nucleo anche persone con residenza diversa.

Ad ogni modo, si può uscire dal nucleo familiare quando la residenza è la stessa?

Si possono ottenere due stati di famiglia con la stessa residenza?

Ottenere due stati di famiglia differenti, se si convive, è possibile quando non esistono vincoli di parentela, di affinità, di matrimonio, di tutela o affettivi, ad esempio tra semplici coinquilini.

Ma che fare quando questi vincoli esistono e si convive? Ad esempio, se a convivere sono i genitori, assieme alla figlia ed al coniuge di quest’ultima, si possono ottenere due famiglie anagrafiche?

L’unico modo di ottenere due famiglie anagrafiche è ottenere due residenze differenti, o meglio figurare residenti in due differenti unità immobiliari. Bisogna dunque frazionare l’immobile.

Attenzione, però: frazionare l’immobile non è una passeggiata, e non sempre è consentito. A titolo esemplificativo, bisogna presentare al Comune la Cila o la Scia, presentare l’aggiornamento catastale, richiedere l’autorizzazione al condominio, effettuare nuovi allacci gas ed elettricità…Inoltre, sono stati previsti nuovi controlli “anti-furbetti”, per portare alla luce tutte quelle situazioni in cui si fanno “carte false” per ottenere stati di famiglia separati.

Non dimentichiamo che la punizione è molto severa, per chi ottiene il reddito di cittadinanza in modo “truffaldino”: si rischiano sino a 6 anni di carcere.


scarica gratis il tuo contratto su misura

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

15 Commenti

  1. Buongiorno, volevo chiedere se una persona ha 26 anni, non è carico dei genitori però vive nella casa di proprietà dei genitori separatamente in quanto ha una zona della casa in comodato d’ uso con residenza diversa alla principale cioè insiste sulla via affianco, ha diritto al reddito di cittadinanza in quanto disoccupato? Grazie

    1. Ma insomma sto cavolo isee “io prendo un assegno sociale già invalido” mia figlia non vive con me ma ha la residenza con me e devo fare l’ise con lei “mi sembra assurdo visto che non mi da neanche un centesimo”

      1. Purtroppo l’Isee, ai fini del nucleo familiare, tiene conto solo della residenza, o delle particolari situazioni descritte nell’articolo. Non rileva, invece, il fatto che i componenti del nucleo contribuiscano o meno a sostenere le spese della famiglia.

        1. Grazie di aver risposto”ma questo quisito non se lo chiede nessuno mettendo in difficoltà noi povereri che dopo aver fatto tanto ci ritroviaviamo a non chiedere quello di cui abbiamo bisogno”ma sta cavolo di legge xchè non si cambia? Confido in voi grazie

  2. Mi sono sposata alcuni mesi fa ma in realtà con mio marito non abbiamo mai convissuto e abbiamo sempre avuto residenze diverse,conti e case separate,risulto comunque nello stesso nucleo familiare? Io ho i requisiti per il rdc ma se risulto con lui dato che lavora non credo di poter avere accesso,anche se nella realtà lui non mi mantiene

    1. In merito ai componenti del nucleo familiare, le situazioni particolari che possono verificarsi sono davvero numerose. Bisogna tener presente, però, che la composizione del nucleo familiare non è unica, ma varia a seconda della normativa di riferimento: un conto, difatti, sono i componenti della famiglia anagrafica, un conto i componenti della famiglia ai fini della dichiarazione Isee. Per saperne di più leggi il nostro articolo Nucleo familiare: nuove regole https://www.laleggepertutti.it/273621_nucleo-familiare-nuove-regole

  3. Salve, io ho quasi 27 anni, vivo ancora con i miei genitori, non possiedo beni di alcun genere e vorrei andare a vivere finalmente da sola, oltre che usufruire delle agevolazioni per trovare un lavoro. L’Isee verrebbe calcolato tenendo conto dell’anno precedente? Oppure, una volta uscita dallo stato di famiglia e presa altra residenza, verrebbe presa in considerazione la mia reale situazione economica?
    Grazie in anticipo.

    1. Buongiorno Marta, il decreto sul reddito di cittadinanza dispone che, per il diritto al sussidio, il valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non deve superare la soglia di 30mila euro. Il valore del patrimonio immobiliare a cui riferirsi è quello utilizzato nella dichiarazione Isee. Per sapere come si calcola il valore di un immobile ai fini Isee, quindi anche ai fini del reddito di cittadinanza, leggi il nostro articolo Reddito di cittadinanza: come calcolare il valore degli immobili https://www.laleggepertutti.it/273676_reddito-di-cittadinanza-come-calcolare-il-valore-degli-immobili

  4. padre separato: salve sono proprietario della casa lasciata alla mia ex compagna (non sposati dunque) con la quale abbiamo un figlio, con sentenza tribunale ho lasciato nel 2017 casa mia alla madre e do un assegno di mantenimento, con turni per il figlio presocchè equivalenti. Non abito da tempo in casa, ma ho lasciato per tutta una serie di motivi la residenza lì (ancora non so se poi dovrei pagare IMU in quanto casa dove non ho più residenza se la tolgliessi..), al momento mi appoggio a casa dei miei genitori ma non metteri residenza lì. La mia domanda è: devo chiedere il reddito con isee familiare congiunto per forza? se traferisco la residenza in altro posto perdo però la possibilità del rdc perchè risulto proprietario di casa ma in affitto in altra, anche se sono costretto a non vivere nella mia..? sarebbe incredibile.. grazie

  5. Buonasera, qualora separato e disoccupato ma possessore di una vettura di 2000 cmq immatricolata 10 anni fa, si ha ugualmente diritto al reddito di cittadinanza?

    1. Si delinea, giorno dopo giorno, la fascia del reddito di cittadinanza in attesa della legge che, stando alle dichiarazioni del Ministro del Lavoro, dovrebbe essere varata entro marzo 2019. Per mantenere la promessa elettorale si attingerà a piene mani dalla pace fiscale e da un innalzamento del deficit dall’1,6% promesso all’Ue all’1,9%. Con tutte le ricadute in termini di interessi che lo Stato dovrà pagare sul proprio debito pubblico. Come spesso succede quando ci sono lavori in corso è difficile sfuggire alla tentazione di vedere cosa c’è dietro il telo e cosa nascondono le novità. Leggi il nostro articolo https://www.laleggepertutti.it/240793_reddito-di-cittadinanza-a-chi-spetta-i-requisiti e Scopri quali sono le condizioni per ottenere il reddito di cittadinanza.

  6. Nel caso in cui la moglie risiede all’estero con il permesso di soggiorno scaduto già nel 2015 (quindi assente dal territorio nazionale da 4 anni) con la procedura di cancellazione della residenza effettuata già dalla polizia municipale da un anno ma non accora conclusa. In questo caso il marito può chiedere l’isee singolo?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA