Diritto e Fisco | Articoli

Legge 104: chi paga la badante ha agevolazioni fiscali?

8 Marzo 2019 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 8 Marzo 2019



Sono in procinto per mia madre, invalida civile 100% anche con Legge 104,di assumere in forma privata contrattuale una badante. So che il costo dello studio commercialista che elabora la busta paga non può essere detratto. Posso detrarre in IRPEF mod.730 il costo della busta paga che pago alla badante?

Le norme di legge prevedono la detraibilità delle spese sostenute per l’assistenza ad anziani o a soggetti non autosufficienti.

Pertanto occorre prima di tutto precisare chi siano i soggetti non autosufficienti, cioè coloro i quali non sono in grado da soli, ad esempio, di assumere alimenti, di espletare le funzioni fisiologiche e di igiene personale, di deambulare o di vestirsi e spogliarsi, oppure ancora persone che necessitano di sorveglianza continua.

Qualora la persona da assistere rientri in queste casistiche allora sarà possibile assumere un/una badante mettendolo/a in regola secondo un contratto di lavoro apposito.

Al contribuente che paga la badante è concessa una detrazione d’imposta del 19% di massimo 2.100,00 euro, ma solo se il reddito complessivo dichiarato non è superiore a 40.000,00 euro annuali, pertanto la detrazione d’imposta totale ammonta ad euro 399,00, che dovranno essere divisi fra più contribuenti qualora il pagamento venga effettuato da diversi soggetti, ciascuno dei quali abbia un reddito complessivo non superiore a 40.000,00 euro annuali.

La documentazione necessaria per usufruire della detrazione suddetta, da conservare e da esibire su eventuale richiesta degli uffici fiscali, è la seguente:

– ricevuta o fattura del/della badante con indicazione degli estremi anagrafici e del codice fiscale del soggetto che effettua il pagamento e di quello che presta

l’assistenza, nonché del soggetto a favore del quale l’assistenza è stata prestata;

– certificazione medica attestante lo stato di non autosufficienza o autocertificazione attestante il possesso della certificazione medica;

– se la spesa è sostenuta in favore di un familiare anche una autocertificazione che il familiare rientra fra quelli indicati nell’art. 433 del codice civile.

Infine la detrazione di cui sopra è cumulabile con la deduzione dei contributi a carico del datore di lavoro, pagati per conto del/della badante con il limite annuale di euro 1.549,37.

Articolo tratto dalla consulenza resa dal dott. Mauro Finiguerra


scarica gratis il tuo contratto su misura

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA