Questo sito contribuisce alla audience di
 
Diritto e Fisco | Articoli

Cessione quinto pensione di cittadinanza: è possibile?

2 Febbraio 2019 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 2 Febbraio 2019



Prestito personale con cessione del quinto della pensione integrata dal reddito di cittadinanza: è consentito?

Hai bisogno di un prestito, ma non puoi cedere il quinto della tua pensione perché risulta inferiore al trattamento minimo, che nel 2019 ammonta a 513,01 euro mensili.

Da quest’anno, però, hai diritto al reddito di cittadinanza, il nuovo sussidio che spetta alle famiglie in situazione di bisogno economico. Considerando che il tuo nucleo familiare è numeroso, hai diritto al sussidio massimo, che per il 2019 consente un’integrazione del reddito sino a 1.330 euro mensili.

In questo modo, la tua pensione, integrata dal reddito di cittadinanza, arriva a 1.330 euro mensili: di conseguenza superi il trattamento minimo e, tolto il quinto della pensione, ti resta comunque una cifra maggiore della vecchia pensione.

Ma la cessione quinto pensione di cittadinanza è possibile? In altre parole, è possibile la cessione del quinto della pensione se la prestazione ha un importo più basso del trattamento minimo, quindi di per sé non è cedibile, ma supera il minimo integrata dalla pensione di cittadinanza, o dal reddito di cittadinanza?

Facciamo il punto della situazione.

Come funziona la cessione del quinto della pensione?

La cessione del quinto della pensione consente di ottenere un prestito personale con una trattenuta diretta sulla rata mensile del trattamento. È possibile cedere sino a 1/5 della prestazione, che non deve mai scendere al di sotto del trattamento minimo: per questo motivo, i trattamenti pensionistici integrati al minimo non possono essere oggetto di cessione, e l’ammontare della rata ceduta dipende dall’importo della pensione.

Nel caso in cui il pensionato risulti titolare di più pensioni cedibili, il calcolo si effettua sull’importo totale delle pensioni percepite.

Come si calcola la cessione del quinto della pensione?

Vediamo, nel dettaglio, come si calcola la quota cedibile:

  • per prima cosa, bisogna dividere la pensione netta per 5, di modo da ottenere così il quinto della pensione.
  • il risultato ottenuto deve essere sottratto al valore della pensione netta;
  • la pensione netta decurtata del suo quinto deve essere quindi confrontata con il valore del trattamento minimo: se è maggiore, la quota cedibile corrisponde esattamente al quinto della pensione; se è minore, la quota cedibile corrisponde alla differenza tra pensione netta e trattamento minimo.

Per quali pensioni non si può chiedere la cessione del quinto?

La cessione del quinto può essere chiesta su tutte le pensioni, ad eccezione dei seguenti trattamenti:

  • pensione sociale e assegno sociale;
  • pensione integrata al minimo
  • pensione d’invalidità civile;
  • pensione d’inabilità civile, o assegno mensile di assistenza per gli invalidi civili totali;
  • sussidi di sostegno al reddito;
  • assegni al nucleo familiare;
  • pensioni con contitolarità per la quota parte non di pertinenza del soggetto richiedente la cessione;
  • prestazioni di esodo.

A quanto ammontano il reddito e la pensione di cittadinanza?

L’importo del reddito e della pensione di cittadinanza è determinato da due quote:

  • la prima quota, a integrazione del reddito familiare, ammonta a una soglia massima pari a 6mila euro annui, 500 euro al mese (630 euro al mese, 7.560 euro annui nel caso di pensione di cittadinanza) per il singolo componente; in presenza di più componenti, il reddito di cittadinanza può arrivare a massimo 12.600 euro, cioè a 1.050 euro al mese;
  • la seconda quota, a integrazione del reddito familiare, è riconosciuta ai nuclei che pagano l’affitto dell’abitazione, ed è pari al canone annuo previsto dal contratto di affitto, sino a 280 euro al mese (150 euro al mese, 1.800 euro annui nel caso di pensione di cittadinanza);
  • la seconda quota è pari alla rata del mutuo, fino a un massimo di 150 euro al mese, 1.800 euro annui, nel caso di nuclei familiari residenti in abitazioni di proprietà per il cui acquisto o per la cui costruzione sia stato stipulato un contratto di mutuo da un componente della famiglia.

In ogni caso il beneficio economico:

  • non può superare la soglia di 9.360 euro annui (780 euro al mese), moltiplicata per la scala di equivalenza, ridotta del valore del reddito familiare; la misura massima in caso di più componenti può arrivare, al momento, a 15.960 euro all’anno (1.330 euro al mese) per il reddito di cittadinanza;
  • non può essere inferiore a 480 euro annui (40 euro al mese).

Il reddito e la pensione di cittadinanza aumentano la pensione?

Fatte queste necessarie premesse, è importante sottolineare che né il reddito, né la pensione di cittadinanza determinano un aumento diretto dell’importo della pensione.

La prestazione percepita (pensione di vecchiaia, anticipata, di anzianità…), difatti, resta sempre la stessa: l’assegno erogato dall’Inps non aumenta per effetto del reddito di cittadinanza o della pensione di cittadinanza, perché entrambi i sussidi sono riconosciuti con una carta acquisti.

In pratica, il cittadino riceve una sorta di bancomat, nel quale mensilmente è accreditato l’importo del sussidio spettante: con la carta acquisti (la carta Rdc) è possibile pagare le utenze, acquistare i generi di prima necessità, eseguire i bonifici per pagare l’affitto o il mutuo, e prelevare da 100 a 210 euro mensili (a seconda dei componenti del nucleo familiare).

Cessione del quinto reddito di cittadinanza

In base a quanto osservato, anche se il reddito di cittadinanza (o la pensione di cittadinanza), integrando la pensione, consente di superare il trattamento minimo, non rende possibile la cessione del quinto della prestazione. Innanzitutto, perché, come abbiamo visto, il reddito di cittadinanza non fa aumentare direttamente la pensione, ma integra il reddito attraverso una carta acquisti.

In secondo luogo, anche nel caso in cui il reddito di cittadinanza, da solo, superi il trattamento minimo, non sarebbe possibile chiedere un prestito con cessione del quinto del sussidio.

Perché non è possibile la cessione del quinto del reddito di cittadinanza? Chiedere un prestito con cessione del quinto del reddito di cittadinanza, o della pensione di cittadinanza, non è possibile perché si tratta di sussidi di sostegno al reddito, quindi di prestazioni non cedibili.


scarica gratis il tuo contratto su misura

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA