Business | Articoli

Ryanair rischia multa milionaria

13 Dicembre 2017
Ryanair rischia multa milionaria

Ryanair ha omesso di informare adeguatamente i viaggiatori delle cancellazioni e rischia pesanti sanzioni

Ryanair non rispetta le regole. È questa in parole semplici la realtà dei fatti che coinvolge da un lato la compagnia low cost irlandese e dall’altro l’Antitrust e migliaia di passeggeri coinvolti nei disservizi causati dalle massicce cancellazioni dei voli di settembre e ottobre scorsi. Per questo motivo potrebbe rischiare l’inflizione di una multa molto salata.

Alla base della vicenda, la decisione di Ryanair di cancellare oltre 2000 voli, ben 50 voli al giorno per un periodo di circa sei settimane, poi prolungato sino a marzo 2018, coinvolgendo circa 400 mila passeggeri. Le ragioni delle cancellazioni, inizialmente imputate alla volontà di recuperare i ritardi accumulati, si sono poi rivelate riconducibili a ragioni organizzative e gestionali del vettore. Per saperne di più leggi Ryanair cancellerà 2000 voli: che fare?Ryanair cancella altri voli: previsti rimborsi e bonus.

Ryanair: i provvedimenti dell’Antitrust

A tutela dei passeggeri era scesa in campo l’Antitrust, la quale, con un proprio provvedimento cautelare dell’ottobre scorso [1], aveva ordinato a Ryanair di informare in maniera chiara e dettagliata i passeggeri italiani dei diritti nascenti dalla cancellazione dei voli. L’Autorità aveva infatti imposto alla compagnia l’adozione di specifiche misure volte a fornire informazioni chiare, trasparenti e immediatamente accessibili sui diritti dei consumatori italiani.

Secondo il provvedimento dell’Autorità per la concorrenza ed il mercato, Ryanair avrebbe dovuto fornire ai consumatori italiani – anche attraverso il proprio sito internet – tutte le informazioni inerenti ai diritti nascenti dalla cancellazione dei voli, così da garantire ai passeggeri piena conoscenza e consapevolezza in ordine:

  • al diritto al rimborso e/o alla modifica gratuita del volo cancellato ma anche alla compensazione pecuniaria, ove dovuta;
  • all’elenco completo delle date, delle tratte e del numero di ogni volo cancellato in relazione al quale è sorto non solo il diritto al rimborso e/o alla modifica gratuita del volo ma anche alla compensazione pecuniaria, ove dovuta;
  • alla procedura da seguire per richiedere il rimborso e/o la modifica gratuita del volo e la compensazione pecuniaria.

Ryanair: l’inottemperanza

La compagnia low cost ha impugnato il provvedimento dell’Antitrust dinanzi al Tar del Lazio il quale, però, ha respinto la domanda di sospensione dell’esecuzione del provvedimento cautelare [2].

Ma nonostante il monito dell’Antitrust ed il rigetto da parte del Tar Lazio, Ryanair non ha comunicato l’avvenuta esecuzione di quanto prescritto dal provvedimento cautelare e le modalità di attuazione, né risulta che abbia in qualche modo posto in essere azioni volte all’esecuzione del provvedimento dell’Autorità. L’inottemperanza a queste prescrizioni, potrebbe costare alla compagnia irlandese l’irrogazione di una sanzione pecuniaria compresa tra 10mila e 5 milioni di euro. Ma va detto, altresì, che nei casi di reiterata inottemperanza l’Autorità può disporre anche la sospensione dell‘attività di impresa per un periodo non superiore a trenta giorni.


note

[1] Agcm, provvedimento n. 26806 del 25.10.2017.

[2] Tar Lazio, ordinanza del 22.11.2017.

Autore immagine: Pixabay.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube