Business | Articoli

Pignoramento del quinto dello stipendio: vale anche in maternità e malattia

25 Ottobre 2013 | Autore:
Pignoramento del quinto dello stipendio: vale anche in maternità e malattia

Sono un imprenditore e, dopo un procedimento di pignoramento presso terzi ai danni di una mia dipendente (io sono il terzo pignorato), il giudice mi ha ordinato di versare il quinto dello stipendio di quest’ultima al creditore, cosa che ho fatto per circa 2 anni; ora la lavoratrice mi chiede la restituzione della somma che ho versato al creditore pignorante perché – sostiene la  dipendente – per la maggior parte dei due anni essa è stata in malattia o in maternità. Come mi devo comportare?

In quanto destinatario di un provvedimento del giudice, il datore di lavoro è tenuto a rispettarlo pedissequamente (e ciò, sia nell’ipotesi che le somme siano dovute a titolo di retribuzioni, sia che vengano erogate per anticipazione su quanto dovuto dall’Inps a titolo di malattia o di maternità). In caso contrario, l’imprenditore potrebbe essere passibile anche di un procedimento penale [1].

Infatti, a prescindere della natura delle somme erogate a titolo di maternità o malattia, queste ultime trovano comunque causa in un rapporto di lavoro dipendente in corso e sono sostitutive del reddito costituito dal salario o stipendio.

Inoltre, benché le somme percepite dalla lavoratrice a titolo di malattia o maternità siano in tutto o in parte a carico di enti previdenziali e/o assistenziali, è sempre il datore di lavoro ad essere il debitore della medesima somma nei confronti della dipendente (salvo casi particolari come, per esempio, lavoratrici stagionali, lavoratrici agricole dipendenti, ecc.). Pertanto, di primo acchito, non vi sono idonei motivi a sostegno della pretesa della dipendente.

A tutto voler concedere, la lavoratrice dovrebbe rivolgersi al giudice dell’esecuzione [2] per la rettifica del provvedimento pregresso.

In ultimo, bisogna evidenziare che la pretesa della dipendente, comunque, si scontra con l’emergere di un nuovo debito: il rimborso a carico della dipendente in favore del datore di lavoro di quanto da quest’ultimo “pagato” al creditore pignorante.


note

[1] In ipotesi per violazione dell’art. 388 cod. pen.

[2] Eventualmente nelle forme dell’opposizione all’esecuzione ex art. 615 cod. proc. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube