Diritto e Fisco | Articoli

Minaccia di sfratto: è reato?

14 Febbraio 2019


Minaccia di sfratto: è reato?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 14 Febbraio 2019



Prospettare lo sfratto come conseguenza del mancato pagamento dell’affitto è illegale? Cosa può fare l’inquilino moroso?

Immaginiamo – ma non è tanto difficile – un inquilino in perenne ritardo con il pagamento dell’affitto. Il padrone di casa – che ben sa quanto gli costerebbe una procedura di sfratto in termini di tempo e di denaro – è venuto spesso incontro alle esigenze dell’affittuario il quale tuttavia non ha mai inteso regolarizzare i versamenti del canone ed ora si trova in arretrato di alcune mensilità. Si avvicina la scadenza del contratto e finalmente il locatore trova il modo per far valere i propri diritti anche senza un tribunale. Così si rivolge all’inquilino e gli intima: «Se non mi paghi entro oggi tutti i debiti accumulati, domani stesso ti invio la lettera di disdetta del contratto. Così sarai costretto a fare le valigie e ad andartene». Quasi impossibile procurarsi una somma così elevata in solo 24 ore. In questa retorica richiesta l’inquilino intravede una forma di velata minaccia. Si reca così dal proprio avvocato affinché denunci il proprietario dell’appartamento. «È solo una scusa per mandarmi via di casa, ponendomi di fronte a un onere che difficilmente potrei adempiere. Insomma è un abuso» dice al legale, ricordandosi solo ora che esiste una legge e una giustizia. Cosa prevede la legge? Si può procedere penalmente? La minaccia di sfratto è reato?

Già in passato la stessa questione è stata prospettata davanti alle aule dei tribunali. I giudici hanno cercato di spiegare se la minaccia di agire in giudizio è vietata dal nostro ordinamento. Ora la Cassazione ripropone lo stesso tema e, con una sentenza pubblicata lo scorso 8 gennaio [1], spiega i seguenti principi.

Quando c’è minaccia?

Quando si parla di minaccia si pensa comunemente a un “ricatto” che non lascia scelte, dove le alternative sono tutte svantaggiose o onerose. In verità, c’è un aspetto nodale del reato di minaccia [2] che serve per identificare tutti i comportamenti vietati penalmente da quelli consentiti. La minaccia deve prospettare un male grave e ingiusto. Dire «Se non mi paghi ti do un pizzicotto» non equivale a una minaccia grave anche se ingiusta; dire «Se non mi paghi ti faccio fallire» equivale a una minaccia grave ma non ingiusta visto che il fallimento è una delle conseguenze previste dalla legge per l’inadempimento e, in ogni caso, la valutazione finale è rimessa a un organo – il giudice – esterno e imparziale.

Tuttavia la minaccia deve prospettare una conseguenza del tutto estranea al fatto in discussione. Dire «Se non mi paghi ti denuncio perché so che hai evaso le tasse» è una minaccia: e ciò perché, nonostante sia diritto di ogni persona denunciare un’evasione fiscale, qui la conseguenza prospettata non è il normale mezzo di difesa che l’ordinamento prevede per quel determinato comportamento.

La minaccia deve anche essere credibile e il fatto prospettato alla vittima deve dipendere dal comportamento del colpevole. Dire: «Se non mi paghi ti tiro una maledizione» non è reato perché il male non risponde ad entrambe le predette caratteristiche. Dire invece: «Se non mi paghi dirò a tutti che hai tradito tua moglie» è reato.

Con parole un po’ più tecniche, la Cassazione ha detto che, per aversi il reato di minaccia, è necessario che vi sia la limitazione della libertà psichica, laddove compromessa mediante la prospettazione del pericolo che un male possa essere cagionato, purché la stessa si configuri come ingiusta e, in quanto tale, possa essere dedotta dalla situazione contingente [3].

Sfrattare l’inquilino è una minaccia?

Di per sé, lo sfratto non può mai essere una minaccia visto che la decisione non dipende dal padrone di casa ma esclusivamente dal tribunale. Tribunale che prima è chiamato a valutare la sussistenza dei presupposti di legge. Dunque, se è già la legge a consentire lo sfratto in caso di morosità, il danno minacciato – anche se grave – non può mai dirsi ingiusto. Pertanto, dire «Se non mi paghi l’affitto ti faccio sfrattare» non è reato.

Disdire l’affitto è una minaccia?

Ritorniamo all’esempio da cui siamo partiti all’inizio di questo articolo. Il locatore che “minaccia” al conduttore, non in regola con i pagamenti del canone di locazione, di: «buttare dalla finestra tutti i suoi effetti personali e di staccare le utenze (elettriche ed idriche)», non commette alcun reato.

Nella specie il danno minacciato non è stato ritenuto come tale (cioè “ingiusto”), poiché – secondo la Cassazione – la frase pronunciata dal locatore (imputato) in sé evocherebbe l’esercizio di una facoltà giuridica, di cui egli è legittimamente titolare.

In altri termini, se l’affittuario è moroso e quindi non paga il canone di affitto, il proprietario dell’appartamento che ha concesso in godimento il proprio immobile è perfettamente legittimato ad intimare, già verbalmente e secondo le forme del caso, lo sfratto dall’abitazione.

Prospettare la possibilità di adire le vie legali costituisce l’esercizio di una prerogativa giuridica riconosciuta dal nostro ordinamento; dunque, non implica la sussistenza di un cosiddetto “danno ingiusto”, e, come tale, non rientra nel reato di minaccia [4].

 

note

[1] Cass. pen. sent. n. 563/2019.

[2] Art. 612 cod. pen.: «Chiunque minaccia ad altri un ingiusto danno è punito, a querela della persona offesa, con la multa fino a 1.032 euro. Se la minaccia è grave o è fatta in uno dei modi indicati nell’articolo 339, la pena è della reclusione fino a un anno. Si procede d’ufficio se la minaccia è fatta in uno dei modi indicati nell’articolo 339».

[3] Cass. sent. n. 45502 del 22.04.2014.

[4] Cass. sent. n. 20320 del 07.05./2015, n. 44381, 26.09.2017, n. 51246 del 30.09.2014.

Autore immagine: Sfratto, Di Nito


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

6 Commenti

  1. Possono comunicarmi la convocazione di assemblea condominiale tramite email?La legge per tutti rispondetemi per favore grazie

    1. Il codice civile stabilisce che l’avviso di convocazione dell’assemblea debba essere inoltrato con lettera raccomandata, posta elettronica certificata (Pec), fax o con foglio consegnato a mano e controfirmato per accettazione in copia.

  2. Abito da 33anni in un condominio ho sempre messo la mia micro car sotto al portico e prima di me i miei cognati e mio marito e non cera problemi ora una famiglia che che abita da circa 13 none riuscita a mettermi i piedi in testa e riuscita a mettermi contro gli altri inquilini e con un nuovo amministratore mi stanno pressando ho meglio provocando cosa posso fare ?grazie

    1. Liliana ti consigliamo di leggere i nostri articoli:
      -Parcheggio in condominio: qualche regola utile https://www.laleggepertutti.it/124299_parcheggio-in-condominio-qualche-regola-utile
      -Parcheggio in condominio: è possibile l’utilizzo esclusivo? https://www.laleggepertutti.it/154869_parcheggio-in-condominio-e-possibile-lutilizzo-esclusivo
      -Parcheggio in condominio: chi ne ha diritto e in che misura? https://www.laleggepertutti.it/117720_parcheggio-in-condominio-chi-ne-ha-diritto-e-in-che-misura
      -Condominio: il parcheggio sull’area comune dell’edificio https://www.laleggepertutti.it/94655_condominio-il-parcheggio-sullarea-comune-delledificio
      -Uso delle parti comuni in condominio https://www.laleggepertutti.it/267619_uso-delle-parti-comuni-in-condominio

  3. DAI PADRONI DEL PRECEDENTE LOCALE,ATTENDO DA CIRCA 7/8 ANNI IL RIMBORSO DI CIRCA “13MILA EURO”,(ACCLARATO DALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI FOGGIA),(OLTRE CIRA “100MILA EURO DI DANNI E’ SPESE FATTOMI SOSTENERE PER DIFENDERMI),RELATIVO DEL CONSUMO DELL’ENERGIA ELETTRICA, POICHE’ DACCORDO CON VARIE LORO AMICIZIE CONSIMILI E’ COMPIACENTI,E’ DACORDO CON ALCUNI DIPENDNTI DELL’ENEL “CONSIMILI E’ COMPIACENTI”,ALCUNI AMINI,NON AVEVANO NEANCHE IL CONTATORE ENEL;E’ I LORO CONSUMI PER VARI ANNI HO SUBITO MINACCIE DI PAGARE. IN SEGUITO BLOCCAI I PAGAMENTI DI PIGIONE POICHE’ I PREDETTI MI AVEVANO FATTO SPILLARE MOLTO DENARO,PER CUI NON AVEVO PIU’ DENARO PER POTER PAGARGLI ANCHE LA PIGIONE POICHE’ DAI PREDETTI RIDOTTA IN POVERTA’,E’ NONOSTANTE LA NETTA EVIDENZA MI MINACCIAVANO,MI DIFFAMAVANO,ECC,.ECC.,E’ INIZIARONO CAUSA;ED IO ARCISTUFA,”4″ ANNI FA’ HO PRESO UN ALTRO LOCALE E’ PAGO IL MUTUO ANZICCHE’ ESSERE MINACCIATA,DIFFAMATA,E’ PAGARE I CONSUMI DEGLI STOLTI.
    PER CUI,(COME HO AVUTO MODO DI SCRIVERE ALTRE VOLTE),PER CORTESIA,CELERMENTE,CREATE DELLE SEMPLICISSIME “LOGICHE”,POICHE’ E’ INDESCRIVIBILE LO STATO D’ANIMO IN CUI MI TROVO PER I CASI PREDETTI,(ED ANCHE VARI ALTRI ONESTI CITTADINI),. PER CUI CHE FARE SI SFORTUNATAMENTE VARI ONESTI CITTADINI CI IMBATTIAMO IN SIMILE PREDETTA GENTAGLIA ??
    COME IN TANTI SIAMO HA CONOSCENZA CHE E’ REALMENTE ESISTENTE TANTA FALSITA’,ANOMALIE, “INGIUSTIZIA”,ED IN MODO PARTICOLARE TANTA, TANTA IGNORANZA,POICHE’ HA MIO MODESTO AVVISO,ED AD AVVISO DI SVARIATI PIU’ FORTUNATI;(SONO LA PORTAVOVE DI CHI NON HA VOCE),TRATTASI DI GENTE IGNORANTE POICHE’ CHI E’ DOTATO DI “BUON SENZO”,RAGIONA E’ SI COMPORTA DA ESSERE UMANO,E’ PENSA PER FAR VIVERE DA ESSERE UMANI LE PERSONE,ANZICCHE’ BUTTARE IN MEZZO ALLA STRADA LE PERSONE E’ FARLI MORIRE DI FAME E’ DI FREDDO,MENTRE, PENSANO PIU’ DI TANTO IN MODO PARTICOLARE PER GLI STRANIERI NONOSTANTE TRASCINANO IN ITALIA “VELENI,ECC.,ECC.,),INOLTRE,FANNO VIVERE IN CASA GLI ANIMALI,LI VESTONO E’ LI CIBANO CON CIBI PRELIBATI. PER CORTESIA NON GIUDICATEMI MALE POICHE’ NON AUGURO A NESSUNO IL MALE SUBITO E’ SUBENDO DA PARTE DEGLI STOLTI,ECC..
    CHIEDO SCUSA DEGLI EVENTUALI ERRORI ORTOGRAFICI,E’ GRAMMATICALI POICHE’ O FREQUENTATO SOLO LA IV E. PER IGNOBILTA’ E’ CRUDELTA’ DI TERZI.
    PER FAVORE “LA LGGE PER TUTTI” RISPNDETEMI.
    RINGRAZIO. PORGO OSSEQUI. IN FEDE CECILIA LOLIVA PINTO STUDENTE DETECTIVE.

    1. Cecilia non devi assolutamente scusarti per errori ortografici ecc. La minaccia è reato e in alcuni casi la querela deve essere tempestiva. La lingua può essere più tagliente della spada, si dice. Niente di più vero. Non a caso, il codice penale punisce alcune condotte lesive della dignità e della reputazione di una persona: ci riferiamo alla diffamazione, reato tanto più odioso se solo si pensa che esso è commesso in assenza della persona interessata. Possiamo consigliarti la lettura dei nostri articoli. Magari puoi trovare la risposta alle tue domande e sapere come tutelarti:
      -Diffamazione: come difendersi https://www.laleggepertutti.it/218910_diffamazione-come-difendersi
      -Affitto: quando c’è minaccia del proprietario di casa? https://www.laleggepertutti.it/219723_affitto-quando-ce-minaccia-del-proprietario-di-casa
      -Il reato di minaccia https://www.laleggepertutti.it/218210_il-reato-di-minaccia
      -Minaccia di sfratto: è reato? https://www.laleggepertutti.it/274957_minaccia-di-sfratto-e-reato

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA