Diritto e Fisco | Articoli

Condominio: revisione tabelle millesimali

24 Marzo 2019
Condominio: revisione tabelle millesimali

L’assemblea di condominio ha approvato la revisione delle tabelle millesimali in quanto sono in corso da più di un anno lavori per il rifacimento della facciata del palazzo. Io come altri ho una veranda chiusa che non supera il 20% della cubatura originale, mentre ai piani attici l’ampliamento è superiore al 50%. Il tecnico ha consegnato, prima dell’approvazione, le nuove tabelle mlm aumentando anche i miei millesimi. È legale tutto ciò?

Come è noto, il nuovo testo dell’articolo 69 delle disposizioni di attuazione del Codice civile stabilisce che i valori proporzionali delle singole unità immobiliari (cioè i millesimi) che sono espressi nelle tabelle millesimali possono essere rettificati o modificati in ogni caso se c’è l’unanimità dei consensi (cioè voto favorevole di 1.000 millesimi su mille).

Se invece non c’è l’unanimità dei 1.000 millesimi, le tabelle possono essere aggiornate con la maggioranza di metà dei partecipanti all’assemblea che rappresenti almeno la metà del valore dell’edificio (cioè almeno 501 millesimi) ma solo nei seguenti casi:

1) se le tabelle sono conseguenza di un errore;

2) quando, per le mutate condizioni di una parte dell’edificio, in conseguenza di sopraelevazione, di incremento di superfici o di incremento o diminuzione delle unità immobiliari, è alterato per più di un quinto il valore proporzionale dell’unità immobiliare anche di un solo condomino.

Pertanto, a maggioranza (e senza unanimità) le tabelle possono essere modificate solo se le mutate condizioni dell’edificio siano la conseguenza o di una sopraelevazione o di un incremento di superfici o di un incremento o di una diminuzione delle unità immobiliari che causino la variazione per più di un quinto del valore proporzionale (cioè dei millesimi) anche dell’unità immobiliare di un solo condomino.

Nel caso del condominio del lettore, quindi, basta che l’unità immobiliare anche di un solo condomino abbia subìto un incremento di superficie tale da causare un’alterazione di più del 20% del valore millesimale perché sia poi consentito (con la maggioranza sopra specificata) modificare le tabelle ed i valori millesimali in esse contenuti.

Si noti che il valore millesimale viene normalmente calcolato dai tecnici sulla base non soltanto della superficie, ma anche sulla base di una serie di altri parametri indicati nella circolare ministeriale n. 12.480 del 1966, ma anche sulla base delle migliori conoscenze tecniche del momento.

Ciò che si vuole dire è che l’eventuale aumento dei valori millesimali non dipende soltanto dall’incremento della superficie, ma anche da una serie di altri parametri (ad esempio esposizione ed illuminazione dell’appartamento, destinazione dei locali, superficie coperta ecc.) con la conseguenza che può accadere che un incremento di superficie anche inferiore al 20% possa però causare un’alterazione del valore millesimale superiore al 20% perché sono contemporaneamente variati anche altri parametri.

In sostanza, il valore millesimale è calcolato sulla base di diversi parametri (superficie, esposizione, illuminazione, destinazione dei locali ecc.) e questi parametri, quando aumenta la superficie, possono modificarsi anch’essi e quindi il tecnico chiamato, in sede di modificazione delle tabelle, a calcolare il valore millesimale di ogni singolo appartamento dovrà valutare complessivamente tutti i parametri (non solo la superficie) per determinare l’eventuale incremento millesimale.

In sede di assemblea condominiale si potrà, prima di approvare le nuove tabelle, chiedere al tecnico che le ha redatte (che si immagina sarà presente) ogni spiegazione al riguardo dei metodi e dei parametri da lui utilizzati nel calcolo millesimale (tali spiegazioni dovrebbero comunque essere già state inserite dal tecnico nella premessa alle tabelle da lui stesso redatte).

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Angelo Forte



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. A seguito del cambio di destinazione d’uso della propria proprietà da ufficio ad appartamento, un condomino ha chiesto di ricalcolare i millesimi. L’amministratore intende portare in assemblea l’approvazione dei nuovi millesimi da lui calcolati considerando solo la richiesta del condomino e diminuendo le sue quote millesimali e aumentando, quindi quelle di tutti gli altri. Ritengo che l’amministratore stia sbagliando perché, oltre al fatto che la variazione quasi sicuramente non supera 1/5, se si propongono nuovi millesimi questi dovrebbero essere calcolati considerando eventuali altre variazioni che ci sono state tipo chiusura verande, sopraelevazioni, altri cambi di destinazione. Per queste variazioni, non è stato chiesto il ricalcolo dei millesimi essendo sfavorevole. È legittimo far approvare in assemblea la richiesta del condomino che ne avrebbe vantaggio o la nuova tabella millesimale deve considerare e fotografare la nuova situazione dell’intero stabile? L’approvazione di tali nuove tabelle preparate dall’amministratore dev’essere a maggioranza o all’unanimità? Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube