Diritto e Fisco | Articoli

Fornitura elettrica: prescrizione e scadenza delle bollette

4 Maggio 2019
Fornitura elettrica: prescrizione e scadenza delle bollette

Ci capita di ricevere delle bollette per l’addebito di energia elettrica relative a consumi effettuati diversi anni prima. Vorremmo sapere qual è il termine di prescrizione per gli addebiti dell’energia elettrica per gli utenti “aziende”.

Alla luce del quesito posto dalla società lettrice è opportuno esporre sinteticamente quanto segue:

La prescrizione della fornitura elettrica

Una recente disposizione legislativa [1] ha stabilito che la prescrizione del corrispettivo dovuto dall’utente consumatore per la fornitura elettrica è pari a due anni.

Si tratta di una regola che però, sempre per la predetta legge, è applicabile soltanto a partire da un determinato momento.

Infatti, secondo specifica disposizione, la prescrizione del corrispettivo dovuto sarà biennale, ma soltanto in relazione alle fatture emesse successivamente al 01 marzo 2018 [2].

Inoltre, la stessa legge appena citata, ha precisato che questo termine prescrizionale più breve, è applicabile soltanto ai rapporti con:

– gli utenti domestici;

– i professionisti;

– le microimprese, cosi come definite da una raccomandazione della Commissione delle Comunità Europee [3];

Pertanto, per le fatture emesse antecedentemente alla predetta data, così come per i soggetti non rientranti in quelli indicati dalla predetta legge, bisogna fare riferimento alla prescrizione che era normalmente prevista in questi casi, prima dell’entrata in vigore della richiamata normativa e cioè quella quinquennale.

Infatti, la prestazione fornita dal servizio elettrico (piuttosto che da quello idrico, ecc) è di natura periodica e, pertanto rientra in quei crediti che, per dettato di legge, si prescrivono ogni cinque anni [4].

CASO CONCRETO

In materia di prescrizione, la legge indicata in premessa ha distinto due periodi temporali:

– il primo, antecedente al marzo del 2018, dove la bolletta elettrica e le somme in essa contemplate, si prescrivono dopo cinque anni (se ad esempio, l’utente ha ricevuto la bolletta, contenente il classico esoso conguaglio, il 10 febbraio del 2018, sarebbero prescritti tutti i corrispettivi dovuti per il periodo antecedente al 10 febbraio 2013);

– il secondo, successivo al marzo del 2018, dove la bolletta elettrica e le somme in essa contemplate, si prescrivono dopo due anni (se ad esempio, l’utente dovesse ricevere la bolletta il 10 aprile del 2022, sarebbero prescritti tutti i corrispettivi dovuti per il periodo antecedente al 10 aprile 2020). Tuttavia, la legge stessa ha escluso dall’applicabilità di questa prescrizione più breve tutte le forniture elettriche riguardanti le aziende/imprese, ad eccezione di quelle definite quali microimprese, secondo quanto precisato dalla raccomandazione della Commissione delle Comunità Europee già citata in nota [4]. Ebbene, in particolare, secondo la detta raccomandazione, sono microimprese quelle che occupano meno di 10 persone e realizzano un fatturato annuo oppure un totale di bilancio annuo non superiori a 2 milioni di euro.

Pertanto, solo se l’azienda lettrice non dovesse rientrare nella definizione appena indicata, la prescrizione applicabile ai consumi elettrici fatturati nelle sue bollette sarebbe sempre quinquennale, indipendentemente dal periodo di scadenza delle fatture emesse dal venditore.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Marco Borriello


note

[1] Art. 1 co. 4 L. 205/2017

[2] Art. 1 co. 10 L. 205/2017

[3] Racc. della Comm. delle Comunità Europee n. 2003/361/CE del 6 maggio 2003

[4] Art. 2948 cod. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. purtroppo sono diverse le compagnie che mandano bollette scadute tempo prima, a me è capitato anni fa con hera. quando ero con acea anche li le bollette mi arrivavano già scadute. quando sono stato con enel era meglio se non mi arrivavano dato quanto erano alte, anche con iren sempre avuto fatture super gonfiate. ho scoperto poi edison e sono finalmente tranquillo, arriva sempre tutto puntuale e giusto.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube