HOME Articoli

Miscellanea Firma la petizione per il ripristino del quinto pignorabile della pensione

Miscellanea Pubblicato il 11 aprile 2013

Articolo di




> Miscellanea Pubblicato il 11 aprile 2013

L’allarme da noi lanciato negli scorsi giorni ha fatto il giro di tutta Italia. Giornali, tv, radio e web tv non fanno che parlare di quello che laleggepertutti.it ha evidenziato nel dicembre 2012 e lo scorso lunedì: ossia che il cosiddetto “quinto pignorabile” delle pensioni è stato di fatto abrogato dal Decreto “Salva Italia”. Con la conseguenza che i pensionati – categoria tra le più deboli – possono subire il pignoramento del 100% della pensione.

Per maggiori approfondimenti sul tema, rinviamo ai due articoli:

1) Abolito di fatto il limite del “quinto” pignorabile: pensioni integralmente aggredibili

2) Abolizione del pignoramento del “quinto” della pensione: strade alternative?

Perciò chiediamo a tutti i nostri lettori di firmare la presente petizione (qui sotto), al fine di raggiungere l’obiettivo di 50.000 firme e poterla inviare agli organi deputati alla rappresentanza del popolo.

PETIZIONE

Alla Camera dei Deputati della Repubblica Italiana

Capigruppo Camera e Senato, Presidente del Senato e Presidente della Camera dei Deputati

p.c. al Ministro della Giustizia

p.c. al Ministro del Lavoro e delle politiche sociali

A seguito dell’introduzione della legge n. 214/2012 (c.d. Decreto “Salva Italia”), tutte le pensioni superiori a mille euro devono necessariamente transitare su un conto corrente bancario. In questo modo, la norma che prevede la pignorabilità della pensione nei limiti di un quinto è facilmente eludibile. Difatti, come noto, una volta confluita in banca, la pensione diventa “risparmio”, si confonde con il patrimonio del correntista e quindi è pignorabile integralmente. Dall’altro lato, il pensionato non può più evitare questa situazione, essendogli impedito di ritirare a mani, presso le Poste, la suddetta pensione.

Si elude così anche il divieto di pignoramento della c.d. pensione sociale, che dovrebbe invece servire a garantire il minimo sostentamento all’anziano.

In questo modo, diventa più appetibile, per il creditore procedente – primo tra tutti Equitalia S.p.A. -aggredire il conto corrente del pensionato. Se, infatti, prima del Decreto “Salva Italia”, il creditore procedente aveva l’incertezza circa la capienza del conto, oggi questa incertezza è venuta meno – trovandosi in esso depositati, per legge, tutti gli emolumenti erogati dall’Inps.

Non è difficile, inoltre, rintracciare il conto ove il beneficiario riceve la pensione, posto che:

– gran parte dei pensionati utilizza un conto postale;

– nei piccoli centri urbani risulta più facile individuare la banca di appoggio del beneficiario (in molte realtà rurali esistono solo due o tre banche);

– vi sono ditte che svolgono queste attività di investigazioni.

Chiediamo quindi che venga risolto questo grave difetto della legge, eventualmente suggerendo:

– il ripristino della situazione anteriore alla riforma, consentendo così all’anziano di ritirare la pensione a mano, presso le Poste, così come avveniva prima del dicembre 2012;

– diversamente, disporre il limite della pignorabilità del quinto anche per il cosiddetto “conto pensione”, a condizione che sullo stesso non transitino redditi di altra natura.

Con osservanza

Ass.ne professionale

La Legge Per Tutti

Avv. Angelo Greco


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

37 Commenti

  1. a seguito del DECRETO DEL FARE è stato ripristinato il quinto pignorabile per le pensioni accreditate OBBLIGATORIAMENTE sul c/c

  2. Normalmente a legiferare per il pignoramento del 1/5 è il Giudice dell’esecuzione, mentre, inmvece, ho notato che a stabilire l’importo del 1/5 è l’avvocato la mia pensione l’ho vista decurtata di un determinato importo, superiore del 1/5, pur vero che non mi sono costituito, ma di questa decurtazione non ne ho avuto conoscenza da parte del Tribunale. E’ regolare tutto quersto? Saluti Rusconi

  3. MARCIAMO SU ROMA !!
    Tiriamoli fuori ce né troppi a mangiare alle nostre spalle!!
    E ci prendono pure in giro!!! Con partiti che si sdoppiano o fanno alleanze !!
    Ma bastaaaa !!!!
    Devono esistere partiti solo con un minimo di votanti ! Altrimenti a lavorareee
    Se nn ci ribelliamo questi ci uccidono prima la dignità e poi a noi!

  4. Renzi se non altro ha dimostrato di avere a cuore le persone in gravi difficolta’ finanziare,provvedendo a dare a questi un aiuto di 80 euro. Non e’ certo molto ma e’ pur sempre qualcosa e tenendo conto delle oggettive difficolta’ che attraversa l’Italia,non e’ stato un provvedimento da poco. Alla luce di cio’ ritengo che questo Governo debba obbligatoriamente rimediare subito a questa gravissima stortura che si e’ creata e che rende possibile il pignoramento totale delle somme presenti sui conti correnti. Ci sono decine di migliaia di persone che purtroppo hanno come unica risorsa solo una modesta pensione o un altrettanto modesto assegno di invalidita’. Consentire che questi soldi possano essere pignorati totalmente significa costringere queste persone all’accattonaggio, a delinquere e in molti casi al suicidio. Sarebbe una cosa imperdonabile e non credo che Renzi possa far finta di nulla e non rimediare ad una ingiustizia cosi’ palese ed eclatante. Vorrebbe dire portare sulla coscienza un peso enorme per avere abbandonato ad un destino tragico migliaia di persone cadute in disgrazia. Ho fiducia in Renzi e non credo che possa permettere cio’. L’importante e’ insistere nel far presente questa grave situazione raccogliendo fime ma anche inviando twitter a Renzi stesso,che va anche capito,perche’ le difficolta’ e i problemi che quotidianamente e’ costretto ad affrontare sono enormi e difficilissimi, quindi come cittadini bisogna continuare incessantemente a battere il ferro e tenerlo ben caldo per costringere Renzi ed il Suo Governo a porre rimedio anche a questo grave problema che non e’ certamente inferiore o meno preoccupante degli altri.

  5. x un danno subito da un legale ho subito il pignoramento della pensione totale adesso non ho nulla di cui usufruire x vivere d.s

  6. giusto se uno a dei debiti paghi ma gia il 5 e gia troppo se prendono tutto e da ladri bastardi come vivono le persone tutti anno una dignita personale, spero che fate qualcosa auguri.

  7. Si stanno aggirando molte leggi che dovrebbero proteggere il cittadino meno abbiente e /o gli anziani pensionati. Trovo che tutto ciò sia vergognoso e tipico di un governo dittatoriale.

  8. Questo é un ladrocinio legalizzato é una manovra per far diventare i poveri sempre più poveri. Se oggi non riusciamo più ad affrontare pagamenti di imposte e quant’altro é perché il governo stesso ci mette in queste condizioni e permettendo questo furto finito questi NON PAGHEREMO PIÙ NULLA sarà la volta che so sbraneranno tra ricchi e noi poveracci saremo sempre più poveri…. Grazie per quell o che ci state facendo …..state impoverendo tutti i cittadini Italiani.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI