Diritto e Fisco | Articoli

Conti correnti dormienti: ereditare un tesoro e non conoscerne l’esistenza

11 Aprile 2013 | Autore:
Conti correnti dormienti: ereditare un tesoro e non conoscerne l’esistenza

Essere ricchi e non saperlo: capita a volte di ereditare conti correnti della cui esistenza non si è mai avuto conoscenza; ecco come fare per saperlo.

Una legge del 2007 [1] ha regolamentato i cosiddetti “conti dormienti”: ossia somme di denaro depositate in banca (anche sottoforma di strumenti d’investimento comunque prontamente pagabili in denaro) su conti o libretti di risparmio ove non è stata eseguita alcuna operazione o movimentazione negli ultimi dieci anni e che siano di importo superiore a 100 euro. Si tratta quindi di soldi lasciati in un certo senso a “dormire” in banca. Pertanto, basta una semplice richiesta di estratto conto per risvegliare il deposito.

La situazione si verifica non poche volte: per esempio, quando si eredita l’intero asse di un parente, il quale ha tenuto nascosta l’esistenza di un conto corrente a lui intestato; pertanto gli eredi, non consapevoli di ciò, non hanno mai provveduto al prelievo delle somme.

Fino al 2006, tali somme rimanevano di proprietà delle banche, andando ad alimentare un vero e proprio tesoretto. Nel 2006, invece, la legge finanziaria ha stabilito che i conti dormienti debbano confluire nel fondo istituito dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, da utilizzare per il risarcimento delle vittime da crack finanziario.

Dal 2010 la gestione dei conti dormienti è passata interamente alla Consap, una società completamente partecipata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Così, tutte le Banche e gli Istituti di Credito hanno dovuto dichiarare al Ministero tali conti e i relativi intestari.

Già al 15 novembre 2008, i conti dormienti segnalati al ministero dell’Economia erano oltre un milione.

Tutti i conti di cui è stato accertato l’inutilizzo decennale negli anni 2008, 2009 e 2010 sono stati classificati e si possono verificare presso il sito del Ministero al link www.mef.gov.it/depositi-dormienti  nella sezione ricerca.

Pertanto ogni cittadino che voglia verificare eventuali fortune nascoste a proprio favore, deve prima collegarsi al sito della Consap e accertarsi dell’esistenza di un conto dormiente a suo favore. È sufficiente indicare il nome e cognome dell’interessato.

Sul predetto sito della società è possibile scaricare la domanda di rimborso, da spedire con raccomandata AR alla sede della Consap.

I titolari dei conti o anche i loro eredi possono richiedere la restituzione delle somme depositate sui conti, sempreché non siano decorsi 10 anni dalla data di trasferimento del conto al Fondo.


note

 

[1] D.p.r. 116/2007.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube