Diritto e Fisco | Articoli

Bloccata la tabella unica nazionale sui tagli ai risarcimenti

11 Aprile 2013
Bloccata la tabella unica nazionale sui tagli ai risarcimenti

L’allarme per l’approvazione di un decreto che avrebbe dimezzato i risarcimenti in caso di microlesioni e lesioni gravi e gravissime sembra rientrato: il governo non lo firmerà.

Alla fine non verrà portato in Consiglio dei Ministri il cosiddetto decreto “ammazza risarcimenti”, fino a qualche giorno fa in procinto di essere approvato

(ne avevamo parlato in questo articolo “Risarcimento danni da incidenti e medici: il Governo taglia gli indennizzi” e in “Ecco la tabella unica nazionale per danno biologico da incidenti stradali”).

La tabella unica nazionale, che avrebbe uniformato in tutto il territorio italiano la misura degli indennizzi in caso di sinistro stradale e responsabilità medica, era stata fortemente osteggiata dagli avvocati, legati ormai alle tabelle stabilite dal Tribunale di Milano e indicate dalla Cassazione come criterio standard e preferenziale. Ma il niet era giunto anche dalle associazioni di tutela delle vittime della strada e dei consumatori.

Le polemiche hanno riguardato soprattutto l’opportunità di mettere mano alla materia dei risarcimenti proprio in un momento, come quello attuale, dove il cittadino ha già dovuto ingoiare tagli e limitazioni di ogni genere. Non si comprendeva, dunque, la necessità, da parte di un governo “ad interim”, di mettere mano in tutta fretta alla spinosa materia.

Così, il ministero ha deciso di prendere tempo e provare a riunire vittime, consumatori, legali e assicurazioni al tavolo delle trattative per addivenire a tabelle condivise.


note

[1] Cass. sent. n. 12408/2011.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube