Diritto e Fisco | Articoli

I bambini italiani vivono male: dal rapporto Unicef, Italia agli ultimi posti

11 Aprile 2013
I bambini italiani vivono male: dal rapporto Unicef, Italia agli ultimi posti

Istruzione, benessere, condizioni di salute e ambientali: i bambini italiani sono quelli che stanno peggio tra i Paesi sviluppati. L’allarme dell’Unicef.

 

Sono quelli che stanno peggio tra le nazioni avanzate: secondo l’Unicef, dopo i bambini italiani ci sono solo quelli dell’Estonia, Slovacchia e Grecia.

In una classifica di 29 Paesi sviluppati, l’Italia è al ventiduesimo posto per il benessere generale dei bimbi, collocandosi nella terza fascia più bassa relativa alla povertà infantile.

Il nostro Paese vanta una serie di primati negativi allarmanti:

– abbiamo il più alto tasso di “Niet” (alla lettera: “né … né”) ossia dei giovani non iscritti a scuola, inoccupati e che non frequentano corsi di formazione. Peggio di noi c’è solo la Spagna;

– c’è il più basso indice di bambini che svolgono esercizio fisico quotidiano: i nostri bimbi sono sedentari e non curano il corpo;

– siamo al ventiseiesimo posto per l’esposizione dei bambini a uno dei livelli più alti di inquinamento in tutti i Paesi industrializzati;

– siamo al venticinquesimo posto (su ventinove) per l’istruzione minorile;

– al ventiquattresimo posto per il rendimento scolastico;

– al ventitreesimo posto per il benessere materiale;

– al ventiduesimo posto per l’uso di sigarette tra i minori;

– al ventunesimo posto per condizioni abitative e ambientali;

– al diciassettesimo posto per la salute e la sicurezza;

– al decimo posto per comportamenti pericolosi.

Dall’altro lato, però, l’Italia ha la più bassa percentuale di gravidanze in età adolescenziale: ciò tuttavia potrebbe essere dovuto alla riduzione del tasso di fertilità tra le adolescenti (oltre un terzo dal 2000). Abbiamo anche il quarto tasso più basso nell’abuso di alcolici e uno degli indici più ridotti di mortalità infantile tra i Paesi dell’Europa meridionale.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube