Diritto e Fisco | Articoli

Ecotassa ed ecobonus auto: chi paga e chi risparmia?

1 Marzo 2019 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 1 Marzo 2019



Qual è la soglia oltre la quale si versa l’imposta o si ha lo sconto sull’acquisto della macchina? Quali sono i veicoli interessati?

Comprare un’auto costa di più. Ma anche di meno. Dipende quale auto acquisti e la quantità di CO2 che esce dal tubo di scappamento. L’entrata in vigore dell’ecotassa sulle macchine più inquinanti fa storcere il naso sia ai consumatori sia ai venditori di auto. I primi, però, si possono consolare con l’ecobonus, cioè con lo sconto sull’acquisto di un veicolo meno inquinante o, comunque, al di sotto di una certa soglia di emissioni. La domanda che l’automobilista si pone è: con l’ecotassa e l’ecobonus auto, chi paga e chi risparmia? O, in altri termini: quale auto conviene comprare? Quali modelli costeranno di più e quali di meno?

Si era parlato di una legge «anti-Panda», cioè di una normativa che avrebbe colpito l’acquisto di utilitarie e, quindi, la fascia medio bassa della popolazione. In realtà, lo scatto dell’ecotassa non dipende dal prezzo del veicolo ma da quanto inquina. Per questo motivo, è stata fissata una soglia di emissioni di CO2 oltre la quale ci sarà da versare l’imposta in una soluzione unica al momento dell’acquisto. Tale soglia è 160 grammi di CO2 per chilometro. Da lì in su, più anidride carbonica butta fuori la tua macchina e più pagherai di ecotassa. Manca, tuttavia, un decreto attuativo che darà ulteriori dettagli.

Viceversa, chi predilige un modello meno inquinante (ma non per questo meno economico, almeno guardando i listini) avrà diritto all’ecobonus per risparmiare, sempre al momento dell’acquisto, ed essere, diciamo così, premiato per la scelta ecologica fatta.

Vediamo, allora, chi paga e chi risparmia con l’ecotassa e l’ecobonus auto e quali sono i modelli interessati dall’una e dall’altro.

Ecotassa ed ecobonus: cosa dice la legge

Ricordiamo, intanto, che cosa dice la legge sull’ecotassa e l’ecobonus auto, cioè quando si paga di più e quando si può risparmiare sull’acquisto di una macchina.

L’ecotassa auto

Come detto, l’ecotassa viene richiesta quando si acquista fino al 31 dicembre 2021 un veicolo nuovo che emette più di 160 grammi di CO2 per chilometro. Ci sono quattro scaglioni, ovvero:

  • da 161 a 175 g/km: 1.100 euro di ecotassa;
  • da 176 a 200 g/km: 1.600 euro di ecotassa;
  • da 201 a 250 g/km: 2.000 euro di ecotassa;
  • oltre 250 g/km: 2.500 euro di ecotassa.

Il pagamento deve essere effettuato in una soluzione unica al momento dell’acquisto tramite modello F24. Il codice tributo è 3500 e viene chiamato «Ecotassa – imposta per l’acquisto e l’immatricolazione in Italia di veicoli di categoria M1 con emissioni eccedenti la soglia di 160 CO2 g/km» [1].

Il valore di riferimento che riguarda le emissioni è quello che risulta dal ciclo NEDC, riportato alla riga V7 della carta di circolazione. Che cos’è? Si tratta di un test che consiste nella ripetizione di quattro cicli urbani ad una velocità massima di 50 km/h e di uno extraurbano a non più di 120 km/h. Questo test rappresenta (o dovrebbe rappresentare) l’utilizzo tipico di un’auto e far riscontrare, di conseguenza, il livello di consumo di carburante e di emissioni inquinanti. Com’è facile intuire, i veicoli più penalizzati dall’ecotassa sono i Suv e le supercar, ma non saranno i soli interessati da un’imposta che, comunque, risparmia i veicoli ad uso speciale. Si parla di camper, ambulanze, mezzi blindati o veicoli per disabili con accesso per la sedia a rotelle.

L’ecobonus auto

E questo è il bastone. La carota è rappresentata dall’ecobonus. Si tratta, come spiega l‘Agenzia delle Entrate, di un contributo riconosciuto dalla legge di Bilancio 2019 da 1.500 euro a 6.000 euro per l’acquisto e l’immatricolazione entro il 31 dicembre 2021 di un’auto per il trasporto di persone fino a 8 posti oltre il conducente. Parliamo, quindi di veicoli di categoria M1. L’auto deve essere:

  • nuova di fabbrica;
  • con emissioni inquinanti inferiori a 70 grammi di CO2 per chilometro;
  • con prezzo da listino ufficiale non superiore a 50mila euro Iva esclusa.

Una delle variabili dell’importo dell’ecobonus auto è la consegna per la rottamazione di un veicolo della stessa categoria omologato alle classi Euro 1, Euro 2, Euro 3 o Euro 4. L’incentivo viene riconosciuto sotto forma di sconto dal venditore, il quale potrà recuperare quei soldi successivamente dalla casa costruttrice o importatrice dell’auto.

Le categorie dell’ecobonus sono due:

  • veicoli inquinanti fino a 20 g/km (si tratta, quindi, di auto elettriche): incentivo di 4.000 euro;
  • veicoli inquinanti da 21 a 70 g/km: incentivo di 1.500 euro.

L’importo, però, aumenta rispettivamente a 6.000 e a 2.500 euro se l’acquisto del veicolo viene accompagnato dalla rottamazione di un’auto da Euro 1 a Euro 4 intestata alla stessa persona a cui verrà intestata l’auto da acquistare oppure ad un suo familiare convivente da almeno 12 mesi, circostanza da dimostrare presentando lo stato di famiglia alla concessionaria.

Ecotassa auto: i veicoli interessati

Quali sono, però, i veicoli interessati dall’ecotassa auto, cioè quelli il cui acquisto comporterà il pagamento dell’imposta? Tra le marche ed i modelli più popolari, possiamo segnalare questi.

Fiat

  • 500X Cross Lock 2.0 Mjet;
  • Doblò 1.4 e 1.6;
  • Qubo 1.4.

Opel

  • Insignia 2.0 e Insignia Country Tourer 2.0;
  • Mokka X 1.4.

Renault

  • Espace 1.8;
  • Koleos 2.0;
  • Mégane RS 1.8;
  • Talisman 1.8.

Alfa Romeo

  • 4C 1.750;
  • Giulia 2.0 Turbo;
  • Giulietta 1.4 Turbo.

Audi

  • Q3 40 e 45 TFSI;
  • Q7 3.0;
  • S3 TFSI;
  • S4 e S5 3.0;
  • TT 40 TFSI;
  • TTS 2.0.

BMW

  • Serie 1 M140;
  • Serie 2 M240;
  • Serie 3 335dA e 340iA e Gran Turismo;
  • Serie 4 430i, 435i e 440i;
  • Serie 5 540i e M550d;
  • Serie 6 Gran Turismo 640d;
  • Serie 8 840d;
  • X3, X4, X5 e X7.

Ford

  • Focus RS 2.3;
  • Galaxy 1.5;
  • Kuga 2.0;
  • Mondeo 1,5 e 2.0.

Honda

  • CR-V 1.5.

Hyunday

  • Santa Fe 2.2;
  • Tucson 1.6.

Jeep

  • Cherokee 2.2;
  • Compass 2.0;
  • Renegade 2.0.

Land Rover

  • Discovery Sport 2.0;
  • Range Rover Evoque 2.0;
  • Range Rover Velar 2.0 e 3.0.

Volkswagen

  • Golf GT 2.0;
  • Sharan 2.0;
  • Tiguan 2.0;
  • Tuareg 3.0.

Questi sono alcuni dei modelli su cui si paga l’ecotassa minima, cioè quella da 1.100 euro. Per i veicoli di cilindrata superiore e più inquinanti, l’ecotassa sarà sicuramente da pagare in maggiore misura.

note

[1] Art. 1 co. 1042 legge n. 145/2018.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA