Diritto e Fisco | Articoli

Srl: regime forfettario e nuovi limiti di accesso per i soci

30 Marzo 2019
Srl: regime forfettario e nuovi limiti di accesso per i soci

Sono amministratore delegato di una srl  nonché socio al 15%. Dando le dimissioni posso passare alla partita iva forfettaria?

Le norme di legge contenute nella Legge di bilancio 2019 hanno modificato profondamente le regole per accedere al regime forfetario da parte delle imprese individuali.

I nuovi limiti prevedono l’impossibilità di accedere al regime forfetario da parte di coloro che:

– sono soci di Srl – sia trasparenti che non trasparenti – che hanno come oggetto sociale una attività analoga o similare o collegata a quella svolta dal soggetto che vorrebbe accedere individualmente al regime forfetario;

– sono soci di Srl – sia trasparenti che non trasparenti – titolari di una partecipazione di controllo – diretto o indiretto – della società cui partecipano.

Inoltre qualora il possesso di una quota di controllo di una Srl sussista al 1.1 dell’anno “n” per quell’anno “n” il socio non potrebbe accedere al regime forfetario o se vi si trovasse già dovrebbe uscirne immediatamente.

Allo stato invece non sembra rilevare la posizione di amministratore delegato, anche se si ritiene che in futuro sicuramente la giurisprudenza e la prassi torneranno su questo argomento, in quanto, in caso di amministratore dotato di tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione, senza limite alcuno, sarebbe difficile confutare, in caso di contestazione, l’esistenza di un potere di controllo sulla società, seppur indiretto.

Dunque, al momento, in attesa delle evoluzioni che sicuramente si verificheranno, si può ritenere che l’amministratore delegato e socio al 15% di una Srl, qualora non eserciti di fatto un controllo indiretto sulla società – anche se la società avesse come oggetto sociale e svolgesse effettivamente una attività analoga e similare a quella del socio – possa accedere al nuovo regime forfetario come previsto per legge.

Articolo tratto dalla consulenza resa dal dott. Mauro Finiguerra



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube