Diritto e Fisco | Articoli

Certificazione unica: richiesta, tempi e modalità di consegna

6 Aprile 2019
Certificazione unica: richiesta, tempi e modalità di consegna

Ho da poco cambiato lavoro e sono in attesa di ricevere il CUD dell’anno scorso dal mio vecchio datore di lavoro. Sono obbligato ad andare io in azienda a prendermelo? Oppure il mio datore di lavoro può farmelo avere tramite pec per esempio? Qualche mese fa, pur dicendo che mi avrebbe mandato le ultime buste paga alla fine sono dovuto andare a prenderle io. Ho letto che se il datore di lavoro non fa avere il CUD è soggetto a una multa, in tal caso potrebbe rivalersi su di me per esempio dicendo che non mi sono mosso per andarlo a prendere pur avendolo lui pronto?

Per rispondere al quesito in esame occorre partire da quello che stabilisce l’articolo 4, comma 6 quater, del decreto del Presidente della Repubblica n. 322 del 1998.

Secondo questa norma, in caso di interruzione del rapporto di lavoro, il datore di lavoro deve rilasciare all’ex dipendente la certificazione unica (detta CU, che è l’ex Cud) entro dodici giorni dalla richiesta del suo ex dipendente.

Quindi innanzitutto si consiglia al lettore di formalizzare (con raccomandata con avviso di ricevimento) la richiesta al suo ex datore di mettergli a disposizione la certificazione unica.

L’ex datore di lavoro, a quel punto, dovrà comunicare al lettore che la certificazione unica è a sua disposizione entro il termine massimo di dodici giorni da quando gli sarà pervenuta la sua richiesta.

Se, dopo l’invio della richiesta del lettore al suo ex datore di lavoro, il lettore non dovesse avere risposta e la certificazione unica non fosse messa a sua disposizione entro dodici giorni da quando la sua richiesta sarà stata recapitata, allora il lettore potrà segnalare la violazione all’Agenzia delle Entrate per l’irrogazione al suo ex datore di lavoro delle sanzioni previste dalla legge per questo tipo di violazioni.

Per quanto riguarda le modalità di consegna della certificazione unica, l’Inps, con risoluzione n. 145 del 21 dicembre 2006, ha escluso che essa si possa trasmettere con una Pec nel caso di cessazione del rapporto di lavoro per cui, in mancanza di altre disposizioni specifiche, trova applicazione

l’articolo 1182, 2° comma, del Codice civile in base al quale l’obbligo di consegnare una cosa certa e determinata deve essere adempiuto nel luogo in cui si trovava la cosa quando l’obbligazione è sorta.

Ciò vuol dire che se il datore di lavoro comunicherà al lettore entro il termine di legge che la certificazione unica è pronta ed è a sua disposizione, il luogo dove la consegna dovrà avvenire è la sede del suo ex datore di lavoro considerato che la certificazione unica si trova presso la sede del datore di lavoro nel momento in cui nasce l’obbligo per l’ex datore di consegnarla.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Angelo Forte


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA