Diritto e Fisco | Articoli

Oneri condominiali: chi vende casa deve inviare all’amministratore copia dell’atto


Oneri condominiali: chi vende casa deve inviare all’amministratore copia dell’atto

> Diritto e Fisco Pubblicato il 12 aprile 2013



In caso di vendita dell’immobile, diventa ora obbligatorio inviare copia autentica dell’atto all’amministratore di condominio; non basta dunque la semplice comunicazione dei dati del nuovo acquirente.

Se un condomino vende la propria casa ha l’obbligo di trasmettere immediatamente all’amministratore copia autentica dell’atto di trasferimento. Non basta dunque la semplice comunicazione dei dati dell’acquirente, come si riteneva prima della legge di riforma del condominio.

Nel caso invece di procedura fallimentare, la vendita all’asta dell’immobile implica che l’onere di comunicazione del trasferimento spetta a carico del curatore.

Nel caso di procedura esecutiva spetta, invece, all’esecutato (al debitore, cioè, che è stato espropriato dell’immobile).

Finché questa formalità non viene espletata, il precedente proprietario resta obbligato, in solido con il nuovo acquirente, per tutti i contributi condominiali maturati e da lui non ancora pagati.

Non è sufficiente, dunque, inviare all’amministratore la semplice comunicazione di aver ceduto il diritto di proprietà: occorre anche che venga trasmessa proprio una copia autentica dell’atto di vendita (la si potrà ottenere chiedendola al notaio che ha curato il trasferimento o alla cancelleria del Tribunale presso cui è stata effettuata l’asta). La semplice raccomandata con la comunicazione dei dati del nuovo intestatario dell’immobile, senza che vi sia allegata tale copia autentica, non ha valore e, quindi, non libera il cedente dall’obbligo di corrispondere i contributi condominiali, seppur in solido con il nuovo proprietario.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. l’obbligo dell’invio dell’atto di vendita appare una violazione alla privacy. Il contratto contiene notizie private che non interessano l’amministratore,come il prezzo ed altre condizioni particolari. inoltre non mi sembra che l’amministratore abbia l’obbligo della riservatezza. Vorrei avere un vostro parere in merito. Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI