L’esperto | Articoli

Violenza sessuale bacio: ultime sentenze

26 Marzo 2019
Violenza sessuale bacio: ultime sentenze

Il bacio sulla bocca è un atto sessuale. Baciare la vittima sulla bocca contro la sua volontà integra il reato di violenza sessuale.

Reato di violenza sessuale: bacio sulla bocca come atto sessuale

Ai fini della configurabilità del reato di violenza sessuale, va qualificato come “atto sessuale” anche il bacio sulla bocca che si sia limitato al semplice contatto delle labbra, potendosi detta connotazione escludere solo in presenza di particolari contesti sociali, culturali o familiari nei quali l’atto risulti privo di valenza erotica, come, ad esempio, nel caso del bacio sulla bocca scambiato, nella tradizione russa, come segno di saluto (nella specie, è stato ravvisato il tentativo, sul rilievo che la condotta dell’imputato era dimostrato essere stata diretta in modo non equivoco a baciare la vittima sulla bocca, contro la volontà di costei, ma l’intento non era stato perseguito per la reazione di quest’ultima).

Cassazione penale sez. III, 29/05/2018, n.43553

Bacio rubato alla paziente: può integrare reato?

Nel reato di violenza sessuale, l’elemento della violenza può estrinsecarsi, oltre che in una sopraffazione fisica, anche nel compimento insidiosamente rapido dell’azione criminosa tale da sorprendere la vittima e da superare la sua contraria volontà, così ponendola nell’impossibilità di difendersi, come appunto avvenuto nel caso di specie, essendo stata la minore colta di sorpresa dall’estemporanea iniziativa del suo dentista, di fronte alla quale si è trovata nell’impossibilità di reagire e di esprimere il suo dissenso (confermata la condanna per un dentista che aveva baciato una giovanissima paziente).

Cassazione penale sez. III, 19/01/2018, n.20712

Baci sul collo senza costringimenti fisici: è reato?

In tema di violenza sessuale, con baci sul collo e le guance e toccamenti fugaci sopra gli abiti senza mai cercare di spogliarla con costringimenti esclusivamente morali integrano l’ipotesi lieve di cui all’art. 609 bis comma 4 c.p. (Nel caso di specie, l’imputato aveva tentato,  con una subdola attività di persuasione consistita nel rivolgere alla vittima apprezzamenti sulla sua avvenenza fisica e lasciando intendere di essere innamorato di lei di baciarla e toccarla ma senza alcun atto di coercizione dopo che la stessa si era riuscita a divincolare).

Tribunale Avellino, 12/01/2018, n.6

Bacio sulle labbra della minore integra violenza sessuale

In tema di violenza sessuale, atti sessuali sono tutti quelli che risultano idonei a compromettere la libera determinazione della sessualità del soggetto passivo invadendone la sfera sessuale con la precisazione che il contatto tra corpi non deve necessariamente interessare gli organi genitali ma comprende, più in generale, tutte le così dette zone erogene, comprese le labbra (riconosciuta la responsabilità dell’imputato che, con un comportamento repentino, improvviso, aveva colto di sorpresa la vittima minorenne, baciandola sulle labbra con l’inserimento della lingua).

Cassazione penale sez. IV, 08/02/2017, n.23099

Tentativo di bacio non andato a buon fine: è violenza sessuale?

In tema di violenza sessuale, è configurabile il tentativo del reato, previsto dall’art. 609 bis c.p., in tutte le ipotesi in cui la condotta violenta o minacciosa non abbia determinato una immediata e concreta intrusione nella sfera sessuale della vittima, poiché l’agente non ha raggiunto le zone intime (genitali o erogene) della vittima ovvero non ha provocato un contatto di quest’ultima con le proprie parti intime (fattispecie relativa al tentativo di bacio non andato a buon fine).

Cassazione penale sez. III, 01/12/2016, n.43802

Violenza sessuale e atti sessuali con minorenni: differenza 

L’elemento che differenzia il reato di violenza sessuale dal reato di atti sessuali con minorenni è rappresentato dall’esercizio della violenza (nella specie, la Corte ha ritenuto che le condotte dell’imputato, consistite in baci strusciamenti, toccamenti al seno e simulazione del congiungimento carnale, non erano sufficienti ad integrare gli estremi della violenza).

Cassazione penale sez. III, 02/12/2016, n.44936

Succhiotto: deve essere considerato atto sessuale?

Ai fini della configurabilità del reato di violenza sessuale, il “succhiotto” – consistente in un livido causato dalla suzione con le labbra di una parte dell’epidermide o da un bacio molto aggressivo – ha natura di atto sessuale, in quanto provocato da un’attività prolungata delle labbra sul corpo altrui, che, per la relativa durata ed intensità, è espressione di carica erotica.

Cassazione penale sez. III, 08/09/2016, n.47265

Baciare e abbracciare una persona impedendole di liberarsi 

Deve essere confermata la decisione dei giudici del merito che hanno riconosciuto la responsabilità ex art. 609 bis ultimo comma c.p. nei confronti dell’imputato, per avere dapprima importunato e poi abbracciato la persona offesa con forza tale da impedirle di liberarsi e dandole vari baci sul collo e sull’orecchio destro, così da costringerla, con violenza, a subire atti sessuali.

Cassazione penale sez. III, 12/04/2016, n.30479

Fugace bacio sulla guancia: è violenza privata?

Commette il delitto di violenza privata e non quello di violenza sessuale colui che dia un semplice e fugace bacio sulla guancia alla vittima, non potendosi ritenere in tal modo compiuto alcun atto idoneo ad interferire nella sfera sessuale di quest’ultima.

Cassazione penale sez. III, 19/11/2015, n.18679

Compromissione della libera determinazione sessuale

Configura il reato di violenza sessuale, anche l’atto sessuale concretatosi in un bacio o in un abbraccio, purché sintomatico di una compromissione della libera determinazione sessuale del soggetto passivo. Un tale accertamento, tuttavia, esigerà una valutazione concreta del caso, da porsi in essere alla luce della condotta complessiva, del contesto in l’azione si è svolta, dei rapporti tra le persone coinvolte, e di ogni altro elemento utile.

Cassazione penale sez. III, 12/02/2014, n.10248


note

Autore immagine: violenza bacio di Antonio Guillem


1 Commento

  1. Io penso che c’è violenza sessuale solo nei casi in cui si utilizzino con violenza il sesso e le parti sessuali per cui un bacio sulla bocca o mettere una mano sul lat B di una persona non è violenza sessuale bensì violenza privata:
    Cordiali saluti.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube