Diritto e Fisco | Articoli

Cosa succede quando scade la postepay?

5 Marzo 2019 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 5 Marzo 2019



Postepay scaduta: c’è il rischio di perdere i soldi? Come si procede al rinnovo di una postepay? Il credito può essere rimborsato?

Anche se non ne hai una, sicuramente saprai cos’è una postepay: si tratta di una carta prepagata erogata in esclusiva dalle Poste italiane per i propri clienti. Grazie all’enorme successo che ha avuto, ben presto la postepay ha sostituito, ove ha potuto, le normali carte di credito: con una postepay, infatti, puoi prelevare denaro presso tutti gli sportelli esterni delle poste (sportelli Atm Postamat), nonché in quelli bancari che espongono il marchio Visa o Visa Electron; la postepay, inoltre, ti consente di effettuare acquisti online in modo sicuro, associando alla carta il proprio numero di cellulare perché si venga avvisati ad ogni transazione. Devi sapere, però, che la postepay ha una scadenza: si tratta di una data leggibile sulla parte frontale della tessera, ove vi sono due cifre che individuano il mese e l’anno. Con questo articolo vorrei spiegarti cosa succede quando scade la postepay.

Postepay: cos’è?

Prima di vedere cosa succede quando scade la postepay, è bene spendere qualche parola sul funzionamento di questa particolare tessera. Come anticipato, la postepay è una carta prepagata erogata solamente dalle Poste italiane. Cosa vuol dire carta prepagata? Significa che il rilascio di questa carta non è subordinato al possesso di un conto presso l’istituto: infatti, mentre la classica carta di credito presuppone che si sia titolare di un conto presso l’istituto di credito (conto dal quale vengono prelevati i soldi), la postepay non si poggia su nessun rapporto preesistente. Nella carta postepay troverai ciò che decidi di metterci sopra: essa, infatti, si ricarica proprio come il credito del telefonino.

Postepay: a cosa serve?

La postepay assolve sostanzialmente alle stesse funzioni di una normale carta di credito, poiché si sostituisce alla classica carta moneta. Lo svantaggio rispetto alla carta di credito è che, non poggiandosi su un conto, puoi prelevare solamente nei limiti di ciò che ci hai caricato; il vantaggio, però, è di poter prelevare presso tutti gli sportelli Atm delle Poste italiane (praticamente presenti ovunque), oltre che presso i bancomat che accettano Visa e Visa Electron.

Cosa succede alla scadenza della postepay?

La postepay, come un prodotto alimentare, è soggetta a scadenza. Sulla parte frontale della tessera potrai notare, al di sotto del numero identificativo della postepay (quello composto di sedici cifre), una coppia di cifre che sta ad indicare il mese di scadenza e l’anno. La dicitura è la seguente:«Valid Thru», seguita dalla data. Cosa succede quando scade la postepay? C’è il rischio di perdere i soldi?

Alla scadenza della postepay la tessera diventa inutilizzabile, nel senso che non potrai più effettuare prelievi né pagamenti. La scadenza, per la precisione, coincide con l’ultimo giorno del mese indicato: così, se la postepay scade nel mese di settembre, potrai utilizzarla fino al trenta di questo mese; a partire dal primo ottobre, non sarà più valida.

Come detto, quando la postepay scade diventa inservibile; questo non significa, però, che i soldi eventualmente presenti sopra vadano persi: il credito residuo, infatti, verrà reso nuovamente disponibile una volta effettuato il rinnovo della postepay. In alternativa, è possibile recarsi presso un qualsiasi ufficio postale e chiedere il rimborso delle somme presenti: questa operazione è consentita fino a dodici mesi dopo la scadenza.

Postepay: come si rinnova?

La postepay può essere rinnovata a partire da due mesi prima e fino a diciotto mesi dopo la data di scadenza. Al momento dell’attivazione, il credito residuo della tua precedente postepay sarà trasferito gratuitamente sulla nuova. Il rinnovo della postepay scaduta può avvenire:

  • direttamente online, accedendo alla propria area riservata sul sito delle Poste italiane, se la carta è abilitata al servizio Sicurezza Web, cioè a quello che consente di associare un numero di cellulare alla postepay. Quest’ultima operazione può essere fatta in qualsiasi momento, anche in funzione del rinnovo della tessera;
  • telefonicamente, chiamando il numero gratuito 800.00.33.22 e seguendo le indicazioni fornite dalla voce registrata;
  • recandoti presso un ufficio postale.

Effettuata la procedura di rinnovo, ti verrà consegnata una nuova postepay avente una diversa data di scadenza; se hai effettuato la procedura online oppure quella telefonica, la carta ti giungerà direttamente a casa. La vecchia, oramai inutilizzabile, potrà essere gettata via. Attenzione, però: il consiglio è quello di distruggere la postepay scaduta, in quanto sono numerose le truffe che avvengono riutilizzando vecchie tessere. Ricorda, infatti, che la tua precedente postepay risulterà comunque a te intestata e, se qualche malintenzionato dovesse metterci le mani sopra e falsificarla, potresti incorrere in spiacevoli conseguenze.

note

Autore immagine:


scarica gratis il tuo contratto su misura

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

2 Commenti

  1. Dopo svariate truffe subite negli acquisti con PosePay posso permettermi di dare un consiglio a chi le utilizza? ANDATECI CON I PIEDI DI PIOMBO; SE NON SIETE PIù CHE SICURI SU COME VA USATA FATEVI CONSIGLIARE PERCHé LE TRUFFE SONO DIETRO L’ANGOLO… CREDETEMI… CI SONO PASSATO…

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA