Diritto e Fisco | Articoli

Dimissioni per malattia senza preavviso

25 Marzo 2019 | Autore:
Dimissioni per malattia senza preavviso

Lasciare il lavoro per ragioni di salute si considera giusta causa? C’è diritto alla disoccupazione? L’azienda può trattenere qualcosa da Tfr?

Lasciare il proprio posto di lavoro non è sempre una scelta volontaria: potresti essere costretto a farlo per motivi che non dipendono da te. Nella maggior parte di questi casi si parla di dimissioni per giusta causa. Pensa, ad esempio, a chi subisce mobbing, a chi non prende lo stipendio da qualche mese, a chi viene molestato in ufficio, ecc. Chi lascia volontariamente il lavoro per uno di questi motivi non solo non è tenuto a rispettare il periodo di preavviso ma ha anche diritto alla disoccupazione. Può succedere, però, che un lavoratore si veda nella necessità di dare le dimissioni per malattia senza preavviso. In questo caso, quale tutela ha il dipendente?

Immagina che le tue condizioni di salute non ti permettono di continuare la tua attività a tal punto che non riesci nemmeno a garantire il preavviso. Potresti pensare che tale situazione venga considerata una giusta causa per presentare le dimissioni e che, quindi, non solo non ci siano problemi con il preavviso ma si abbia diritto alla Naspi. E invece non è così.

Secondo la Cassazione [1], consegnare le dimissioni per malattia senza preavviso è una scelta volontaria del lavoratore e, quindi, un gesto che comporta una doppia conseguenza per il dipendente: l’impossibilità di prendere l’indennità di disoccupazione ed il dovere di compensare economicamente al datore di lavoro il mancato preavviso.

Dimissioni per malattia: la giusta causa

Partiamo proprio da qui: la malattia è una giusta causa per dare le dimissioni senza preavviso? Il parere maggioritario della Cassazione è negativo.

Secondo la Suprema Corte, lo stato di salute del lavoratore non è una delle ragioni esterne alla persona del dipendente che giustificano lo stato di disoccupazione involontaria. In quest’ultima, come ricorda l’Inps, si finisce quando si è stati licenziati o quando è intervenuto qualche elemento che non consente di proseguire normalmente il rapporto di lavoro nemmeno per un giorno in più, come mobbing, molestie, mancati pagamenti, ecc. (trovi tutto ciò che riguarda le dimissioni per giusta causa e le loro conseguenze in questo articolo).

Ora: l’Inps non dice nulla a proposito delle dimissioni per malattia, nel senso che non le riconosce nell’ambito di uno stato di disoccupazione involontaria. Non lo fa nemmeno la Cassazione, che – anzi – le definisce proprio una scelta volontaria del lavoratore. Insomma, si mette sullo stesso piano chi si dimette perché ha trovato un lavoro migliore e chi lo fa perché non riesce a lavorare a causa di una malattia. Così come si privilegia, in un certo senso, chi viene licenziato per avere rubato in azienda (lui prenderebbe la disoccupazione) rispetto a chi non può lavorare per ragioni legate al suo stato di salute (lui la disoccupazione non la prende).

Dimissioni per malattia: devo pagare il preavviso?

In virtù di quanto deciso dalla Cassazione, quali sono le conseguenze di presentare le dimissioni per malattia senza preavviso? In primo luogo, trattandosi di un gesto volontario e non dettato da un fattore esterno alla persona del lavoratore, se ti dimetti per malattia senza preavviso potresti essere costretto a rinunciare a quell’indennità se il datore di lavoro te lo chiedesse. Che cosa significa? Immagina che il tuo contratto nazionale di categoria stabilisce per un dipendente del tuo livello un periodo di preavviso di 3 mesi. Questo vuol dire che se vieni licenziato oppure ti dimetti per giusta causa o c’è una risoluzione consensuale frutto di un accordo con l’azienda, oltre al Tfr ti deve essere riconosciuta l’indennità di preavviso. Devi prendere quelle tre mensilità in più stabilite dal Ccnl perché il datore di lavoro ti ha lasciato a casa o ti ha messo nelle condizioni di andartene via contro la tua volontà.

Diverso il caso delle dimissioni volontarie, come quelle per malattia. In questo caso sei tu a dover riconoscere al datore di lavoro l’indennità di un preavviso non rispettato. Se, ad esempio, hai un preavviso di 3 mesi ma ti dimetti e te ne vai via il giorno dopo, l’azienda avrà diritto a trattenere dal tuo Tfr le tre mensilità che corrispondono al mancato preavviso.

Dimissioni per malattia e Naspi

La seconda conseguenza del dare le dimissioni per malattia senza preavviso riguarda, come abbiamo accennato, la Naspi. Sempre per il fatto che si tratta – come stabilito dai giudici – di dimissioni volontarie, non c’è il diritto all’indennità di disoccupazione.

La Naspi, infatti, è riservata a chi finisce disoccupato contro la sua volontà. È il caso di chi viene licenziato (con o senza motivo) oppure di chi si dimette per giusta causa (ne abbiamo parlato poco sopra riportandovi anche ad un nostro articolo sull’argomento) o, ancora, di chi perde il lavoro restando a metà strada, cioè: per evitare il licenziamento vero e proprio e non avendo dei motivi solidi per dimettersi, si raggiunge un accordo con l’azienda in cui si viene ufficialmente licenziati per motivi economici in modo da non perdere il diritto alla disoccupazione.

La malattia non rientra in questi casi e, pertanto, le dimissioni per ragioni di salute non contemplano la possibilità di prendere la Naspi.

A dire il vero, la Cassazione si era espressa qualche anno fa in senso contrario [2]: aveva stabilito che le dimissioni per malattia sono da equiparare a quelle presentate per giusta causa, in quanto certe condizioni di salute non lasciano ad un dipendente altra scelta se non quella di restare a casa e di lasciare il lavoro. Questo comporterebbe sia l’esonero dal preavviso sia la possibilità di avere la disoccupazione.

Questo parere, però, è stato superato da una parte da altre sentenze contrarie e dall’altra da questo ragionamento: concedere la Naspi a chi dà le dimissioni per malattia potrebbe snaturare la stessa indennità, nata per aiutare chi finisce disoccupato contro la sua volontà in attesa di trovare un nuovo lavoro e non per assistere chi soffre di una malattia invalidante, per la quale esistono altre prestazioni sociali.

Ben potrebbe, comunque, il lavoratore prendere l’indennità di malattia fino alla fine del periodo di comporto prima di dimettersi. Se non altro per guadagnare del tempo e qualche stipendio in più.


note

[1] Cass. sent. n. 12565/2017 del 18.05.2017.

[2] Cass. sent. n. 1105/2015.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube