Diritto e Fisco | Articoli

Quali nomi non posso dare a mio figlio?

23 Marzo 2019 | Autore:
Quali nomi non posso dare a mio figlio?

Ci sono delle leggi da rispettare nella scelta del nome di un bambino? Quali regole vanno seguite in questi casi?

Chi è già diventato genitore ha già provato l’entusiasmo legato alla nascita di un figlio ed a tutto ciò che ha preceduto la venuta al mondo del proprio bambino. Per chi invece non ha ancora avuto questo privilegio, deve sapere che si tratta di un periodo veramente emozionante, che incomincia allorquando si ha notizia che la propria compagna è in dolce attesa. Ebbene, a partire da questo momento, scattano i più ferventi ed appassionanti preparativi che mai ci si possa aspettare di affrontare nella nostra vita e tra le principali occupazioni che caratterizzano questo periodo, c’è sicuramente la scelta del nome da attribuire a tuo figlio.

Da questo punto di vista, potresti essere uno di quei tanti che, senza tanti fronzoli ed indecisioni, dà il nome del proprio genitore ed il gioco è fatto. Se invece appartieni a quella schiera di persone che non vuol dare continuità al nome familiare oppure che semplicemente vorrebbe scegliere, senza alcun vincolo, il nome del proprio figlio, devi sapere che la decisione che dovrai operare non sarà completamente libera, come tu erroneamente potresti pensare. Anche a questo proposito, quindi, è necessario rispettare la legge italiana. Ed allora le domande che potresti porti, potrebbero essere le seguenti: potrei dare un nome qualsiasi? Quali nomi non posso dare a mio figlio? Da un punto di vista giuridico, quali limiti o regole devo rispettare nella scelta del nome del mio bambino? Per avere maggiori informazioni continua a leggere questo articolo.

Avere un nome: è un diritto?

Il tuo nome ti sembra una cosa del tutto naturale, alla quale mai potresti rinunciare anche se, come alle volte accade, non ti piace del tutto. Il nome ti identifica e fa parte di te stesso né più e né meno come fosse parte del tuo corpo. Ebbene, come probabilmente già saprai, avere un nome è un tuo diritto assoluto [1], che si acquista in conseguenza della nascita ed in virtù di quanto dichiarato dai tuoi genitori nel cosiddetto atto di nascita [2].

A proposito del predetto atto di nascita, la norma appena citata che lo disciplina, rimanda ad un’altra legge per stabilire una regola che il genitore deve rispettare all’atto della dichiarazione del nome: esso deve corrispondere al sesso del bambino e non può essere costituito da una moltitudine di nomi. Vediamo perché.

Posso dare un nome maschile a mia figlia?

Come si potrebbe dire in questi casi, sei una persona fuori dagli schemi e vorresti dare un nome maschile a tua figlia, semplicemente perché ti piace e perché ritieni che non ci sia niente di male: ma sarebbe possibile?

Ebbene, secondo la legge italiana [3] il nome da dichiarare nell’atto di nascita deve corrispondere al sesso del bambino. Pertanto, non potresti chiamare “Giuseppe” una bambina così come non sarebbe possibile appellare “Fabiana” un maschietto. Se pertanto hai deciso di dare un nome non corrispondente al genere ed al sesso di tuo figlio, abbi almeno l’accortezza di accompagnarlo con un nome appartenente al sesso del bambino (ad esempio, Giovanni Maria, Lucia Sole, ecc), ma ricordati che il numero dei nomi che potrai attribuire a tuo figlio non potrà essere illimitato.

Quanti nomi posso dare a mio figlio?

Ammettilo pure, sei un po’ condizionato dalle manie di grandezza e vorresti attribuire a tuo figlio un nome altisonante e, per questa ragione vorresti che fosse composto da più nomi. Magari ti ispiri a quei calciatori brasiliani che hanno il nome più lungo del loro codice fiscale.

Ebbene, scherzi a parte, anche da questo punto di vista, la tua scelta non potrà essere libera. Anche a questo proposito, la legge si è espressa chiaramente, imponendo il limite dei tre nomi. Oltre questo numero, quindi, non puoi dare altri nomi a tuo figlio.

Ricordati, infine, che se tra i nomi indicati avrai messo la cosiddetta virgola, nei successivi certificati risulterà soltanto il primo nome [4].

Posso dare il mio nome a mio figlio?

Se hai deciso di dare il tuo nome a tuo figlio, perché ti piacerebbe questa sorta di continuità tra te e il medesimo e vorresti fare un po’ come si vede nei film americani, devi sapere che la legge non te lo consente [5]. È vietato, pertanto, dare il nome del padre del bambino oppure un cognome come nome oppure quello di un fratello o di una sorella viventi. L’ufficiale dello stato civile che dovesse ricevere una dichiarazione del genitore in senso contrario, informerebbe il Procuratore della Repubblica al fine di promuovere l’inevitabile procedimento di rettificazione del nome: varrebbe la pena, pertanto, insistere? Credo proprio di no.

Si può dare un nome ridicolo ad un bambino?

Onestamente non credo che ci possa essere un lettore che abbia, soltanto lontanamente, l’intenzione di rovinare la vita al proprio figlio, attribuendogli un nome ridicolo oppure vergognoso, tuttavia, per completezza d’informazione appare opportuno farti sapere che anche in questo caso, come facilmente avresti potuto intuire, la legge si oppone fermamente. Anche in questa ipotesi, l’ufficiale dello stato civile sarebbe tenuto ad avvisare le autorità competenti, per correggere questo scempio non consentito dalla legge.


note

[1] Art. 6 cod. civ.

[2] Art. 29 D. P. R. 396/2000.

[3] Art. 35, co. 1 D. P. R. 396/2000.

[4] Art. 35, co. 2 D. P. R. 396/2000.

[5] Art. 34, co. 1 D. P. R. 396/2000.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube