Diritto e Fisco | Articoli

Sbandare per colpa dell’alcol: che si rischia?

18 Marzo 2019
Sbandare per colpa dell’alcol: che si rischia?

Guida in stato di ebbrezza con l’aggravante per l’incidente stradale anche per chi va a sbattere contro il guardrail se non ci sono altre auto coinvolte nello scontro.

Sei andato a sbattere contro il guardrail perché non sei riuscito a mantenere il controllo della tua auto. La colpa è probabilmente di quel drink in più che hai bevuto prima di metterti a guidare. Ora tutto il cofano dell’auto è fracassato. Hai bisogno che qualcuno ti venga a prendere ma temi che, se dovesse passare la polizia, potrebbe farti il test dell’alcol e allora, per te, scatterebbero le sanzioni penali. In più c’è il discorso di aver danneggiato una proprietà del Comune (la barriera di contenimento sul ciglio della carreggiata), cosa che potrebbe costarti l’obbligo di risarcire i danni. Prima di chiamare il carro attrezzi ti chiedi dunque a cosa vai incontro: chi sbanda per colpa dell’alcol, che sanzioni rischia? La questione è stata di recente affrontata dalla Cassazione che [1], con una sentenza dello scorso 20 febbraio, ha ricordato come si interpreta la norma del codice della strada [2] che disciplina gli incidenti stradali in caso di guida in stato di ebbrezza. Ma procediamo con ordine e vediamo quali sanzioni penali rischia chi ha un tasso alcolemico alto.

Tasso alcolemico e sanzioni penali

Non è vero che, chi guida ubriaco, commette sempre reato. Il penale scatta solo se il livello di alcol nel sangue supera una determinata soglia. A riguardo, il codice della strada prevede tre diversi scaglioni di gravità [2]. Chi rientra nel primo – e quindi nel meno grave – viene punito con una semplice sanzione amministrativa. Già nel secondo scaglione si cade nel penale e c’è il reato. Nel terzo, le pene sono ancora più severe. Infine è prevista l’aggravante per chi commette un incidente stradale, in qualsiasi delle tre soglie rientri. Vediamo, più nel dettaglio, quali sono le sanzioni collegate al tasso alcolemico.

Tasso alcolemico fino a 0,4 grammi per litro

Chi riesce a mantenere il livello di alcol nel sangue entro questa soglia non commette alcun illecito. Si tratta di un bicchiere intero di vino o di una lattina di birra. Ovviamente le dosi di alcol possono variare a seconda del sesso del conducente, della corporatura, della capacità del fisico di assimilare l’alcol, della lontananza dai pasti.

Tasso alcolemico tra 0,5 e 0,8 grammi per litro

In questo caso si commette solo un illecito amministrativo. La sanzione consiste nel pagamento di una somma da euro 532 ad euro 2.127. Scatta poi la sospensione della patente di guida da tre a sei mesi.

Tasso alcolemico tra a 0,9 e non superiore a 1,5 grammi per litro

Qui siamo già nel penale e scatta il reato di guida in stato di ebbrezza. La pena è l’ammenda da euro 800 ad euro 3.200 e l’arresto fino a sei mesi. C’è poi la sospensione della patente di guida da sei mesi ad un anno.

Tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro

In tutti gli altri casi, il reato contestato di guida in stato di ebbrezza viene punito molto severamente: con l’ammenda da euro 1.500 ad euro 6.000, l’arresto da sei mesi ad un anno e la sospensione della patente di guida da uno a due anni. Se il veicolo appartiene a persona estranea al reato, la durata della sospensione della patente di guida è raddoppiata.

Dopo l’emissione della sentenza di condanna o nel caso di patteggiamento, anche se è stata applicata la sospensione condizionale della pena, è sempre disposta la confisca del veicolo con il quale è stato commesso il reato, salvo che lo stesso appartenga a persona estranea al reato. Con la confisca, il mezzo non appartiene più al suo proprietario ma diviene dello Stato. Non c’è più possibilità di riaverlo e il conducente dovrà acquistarne un altro per poter tornare a circolare (sempre condizionatamente alla restituzione della patente).

Incidente stradale per guida in stato di ebbrezza

Se, a seguito di un incidente stradale, la polizia accerta che il conducente responsabile era in stato di ebbrezza, le sanzioni appena elencate vengono raddoppiate; in più viene disposto il fermo amministrativo del veicolo per centottanta giorni, salvo che il veicolo appartenga a persona estranea all’illecito.

Il concetto di incidente stradale viene però interpretato dalla giurisprudenza in senso estensivo. Non vi rientra solo il tradizionale scontro tra due o più auto ma anche l’urto contro un palo della luce, il guardrail, il muretto: insomma, qualsiasi situazione di anomala circolazione anche se non sono coinvolte altre automobili. Quindi lo scontro che veda interessato solo il conducente ubriaco contro un semplice ostacolo fisso costituisce comunque un «incidente stradale» sufficiente a far scattare la guida in stato di ebbrezza aggravata, ossia il raddoppio delle sanzioni.

Sbandare per colpa dell’alcol: quali sanzioni

La Cassazione ha quindi ricordato che, per far scattare l’aggravante della guida in stato di ebbrezza prevista dal codice della strada il concetto di “incidente stradale” comprende qualsiasi avvenimento inatteso che, interrompendo il normale svolgimento della circolazione stradale, possa provocare pericolo alla collettività, a prescindere dal coinvolgimento di terzi o di altri veicoli. Non sono neanche richiesti danni alle persone o alle cose; con la conseguenza che è sufficiente qualsiasi, purché significativa, turbativa del traffico potenzialmente idonea a determinare danni.

Pertanto, nella nozione di incidente stradale sono da ricomprendersi sia l’urto del veicolo contro un ostacolo, sia la sua fuoriuscita dalla sede stradale, sia lo sbandamento dell’auto, sia l’urto contro il guardrail. È un fatto noto, del resto, che tale condotta comporta il rischio di successivi urti tra veicoli o, quanto meno, che il veicolo uscito di strada possa cagionare intralcio o disagio alla circolazione.

Naturalmente, ai fini dell’applicazione dell’aggravante è necessario che la causa dell’urto sia stata proprio l’eccessiva dose di alcol nel sangue e non altri fattori (ad esempio una buca stradale particolarmente insidiosa, una macchia d’olio, la rottura dei freni dell’auto, ecc.).


note

[1] Cass. sent. n. 7659/2019 del 20.02.2019.

[2] Art. 186 cod. strada co. 2-bis

Autore immagine strada impronte pneumatici e sbandare di Tim Large


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube