L’esperto | Articoli

Disturbo della quiete pubblica: ultime sentenze

29 Marzo 2021
Disturbo della quiete pubblica: ultime sentenze

Configurabilità del reato di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone; superamento della normale tollerabilità; schiamazzi nelle ore notturne; emissioni sonore e responsabilità del gestore del locale.

Quando si configura il reato di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone? Come si può tutelare la pubblica tranquillità? Come si differenziano l’illecito amministrativo di immissioni acustiche intollerabili ed il reato di disturbo della quiete pubblica? Per scoprirlo, leggi le ultime sentenze.

Schiamazzi durante le ore notturne

Risponde del reato di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone il gestore di un pubblico esercizio che non impedisce i continui schiamazzi provocati dagli avventori in sosta davanti al locale anche nelle ore notturne, ciò in base al pertinente rilievo secondo cui la veste di titolare della gestione dell’esercizio pubblico comporta l’assunzione dell’obbligo giuridico di controllare, con possibile ricorso ai vari mezzi offerti dall’ordinamento, come l’attuazione dello “ius excludendi” e il ricorso all’Autorità, che la frequenza del locale da parte degli utenti non sfoci in condotte contrastanti con le norme poste a tutela dell’ordine e della tranquillità pubblica e, a tal fine, poiché l’evento possa essere addebitato al gestore dell’esercizio commerciale, occorre che esso sia riconducibile al mancato esercizio del potere di controllo da parte dell’agente.

Cassazione penale sez. III, 11/11/2020, n.1717

Chi risponde di disturbo delle occupazioni?

Risponde del reato di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone il gestore di un pubblico esercizio che non impedisca i continui schiamazzi provocati dagli avventori in sosta davanti al locale anche nelle ore notturne, essendogli imposto l’obbligo giuridico di controllare, anche con ricorso allo “ius excludendi” o all’Autorità, che la frequenza del locale da parte degli utenti non sfoci in condotte contrastanti con le norme poste a tutela dell’ordine e della tranquillità pubblica.

Cassazione penale sez. III, 22/01/2020, n.14750

Schiamazzi dei clienti del locale

Risponde del reato di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone il gestore del locale che non impedisce i contenuti schiamazzi provocati da coloro che sostano dinanzi al locale anche nelle ore notturne, poiché al gestore è imposto l’obbligo giuridico di controllare che la frequenza del locale da parte dei clienti non sfoci in condotte contrastanti con le norme poste a tutela dell’ordine e della tranquillità pubblica.

Cassazione penale sez. III, 09/05/2019, n.28570

Rumori: il superamento della normale tollerabilità 

La rilevanza penale della condotta produttiva di rumori, censurati come fonte di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone, richiede l’incidenza sulla tranquillità pubblica, in quanto l’interesse tutelato dal legislatore è la pubblica quiete, sicché i rumori devono avere una tale diffusività che l’evento di disturbo sia potenzialmente idoneo ad essere risentito da un numero indeterminato di persone, pur se poi concretamente solo taluna se ne possa lamentare.

Cassazione penale sez. III, 09/04/2019, n.22459

Disturbo ad un numero indeterminato di persone

In tema di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone, che per l’integrazione del reato previsto dall’art. 659 cod. pen. è sufficiente l’idoneità della condotta ad arrecare disturbo ad un numero indeterminato di persone, non occorrendo l’effettivo disturbo alle stesse (nella specie era stata contestato il fatto che l’imputata detenesse 22 cani in casa).

Cassazione penale sez. III, 15/11/2018, n.9699

Come garantire la tranquillità e il riposo dei residenti?

A fronte di un’istanza di privati cittadini che richiedono all’amministrazione di esercitare i poteri di vigilanza e di sanzione attribuiti dalle norme in materia di orari per la diffusione di musica e di apertura e chiusura dei locali e di superamento dei limiti di tollerabilità acustica e di disturbo della quiete pubblica cagionati dall’esercizio di attività rumorose, non è sufficiente una mera diffida inviata dall’amministrazione al responsabile dell’attività rumorosa, dovendo invece essere ripresa e continuata, nei giorni di riapertura del locale, l’attività di vigilanza e controllo nonché di sanzione per l’eventuale violazione delle norme disciplinanti l’esercizio dell’attività.

TAR Latina, (Lazio) sez. I, 31/10/2018, n.545

Lesione della quiete pubblica: mestieri e attività

È previsto il reato di cui al primo comma dell’art. 659 c.p., qualora il mestiere o la attività siano svolti superando le normali modalità di esercizio, attraverso una condotta che possa ledere la quiete pubblica.

Tribunale Chieti, 28/05/2018, n.684

Emissioni sonore: pregiudizio per un numero indeterminato di persone

L’effettiva idoneità delle emissioni sonore ad arrecare pregiudizio ad un numero indeterminato di persone, costituisce accertamento di fatto rimesso all’apprezzamento del giudice di merito, il quale non è tenuto a basarsi esclusivamente sull’espletamento di specifiche indagini tecniche, ben potendo fondare il proprio convincimento su altri elementi probatori in grado di dimostrare la sussistenza di un fenomeno in grado di arrecare oggettivamente disturbo alla quiete pubblica (provocando disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone).

Tribunale Chieti, 16/05/2018, n.365

Locale: chi deve adottare le dovute cautele per evitare schiamazzi nelle ore notturne?

Risponde del reato di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone il gestore di un pubblico esercizio che non impedisca i continui schiamazzi provocati dagli avventori in sosta davanti al locale anche nelle ore notturne; la qualità di titolare della gestione dell’esercizio pubblico comporta l’assunzione dell’obbligo giuridico di controllare, con possibile ricorso ai vari mezzi offerti dall’ordinamento come l’attuazione dello ius excludendi e il ricorso all’autorità di pubblica sicurezza, che la frequenza del locale da parte degli utenti non sfoci in condotte contrastanti con le norme poste a tutela dell’ordine e della tranquillità pubblica.

Cassazione penale sez. III, 21/03/2018, n.19690

Responsabilità del titolare del locale dato in gestione

In tema di disturbo delle occupazioni e della quiete pubblica, la responsabilità del titolare di una attività commerciale persiste anche se il locale viene dato in gestione.

Cassazione penale sez. III, 16/03/2018, n.30644

Come evitare che le emissioni sonore diano fastidio?

In tema di disturbo della quiete pubblica, è ininfluente il dato relativo alla proprietà del locale e degli impianti, poiché ricade sulla persona che li gestisce l’obbligo di adottare le necessarie cautele atte ad evitare che le emissioni sonore provochino fastidio.

Cassazione penale sez. III, 20/02/2018, n.17124

Disturbo della quiete pubblica: cos’è?

Il reato di disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone si caratterizza oggettivamente per tutelare l’ordine pubblico, in particolare nel senso di pubblica tranquillità e di quiete pubblica, postulando dunque l’idoneità della condotta, pur trattandosi di reato a pericolo presunto, a disturbare un numero indeterminato di persone.

Tribunale Napoli sez. I, 26/01/2018, n.13125

Differenza tra immissioni acustiche intollerabili e disturbo della quiete pubblica

Non è configurabile l’illecito amministrativo di cui all’art. 10 l. 26 ottobre 1995, n. 447, bensì il reato di cui all’art. 659, comma 1, c.p., qualora, con riferimento all’esercizio di attività o mestieri rumorosi, non si verifichi esclusivamente il mero superamento dei limiti di emissione del rumore fissati dalle disposizioni normative in materia, ma si ponga in essere, eccedendo dalle normali modalità di esercizio di tali attività, un condotta idonea a turbare la quiete pubblica.

(Nel caso di specie, la S.C. ha dichiarato inammissibile il ricorso dell’imputato avverso la sentenza con la quale il tribunale lo aveva condannato per il reato di disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone, nonostante gli fosse stata rilasciata l’autorizzazione amministrativa a tenere aperto il proprio locale durante la notte ed a diffondere musica all’esterno del locale, sulla base del superamento delle normali modalità di esercizio del mestiere rumoroso, desunto da quanto riferito dai denuncianti in merito al disturbo loro arrecato dalla musica proveniente dall’impianto di diffusione sonora installato dall’imputato all’esterno del proprio locale).

Cassazione penale sez. III, 11/01/2018, n.18522

Disturbo del riposo di più persone: configurabilità del reato

L’affermazione di responsabilità per il reato di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone non implica, attesa la natura di illecito di pericolo presunto, la prova dell’effettivo disturbo di più persone, essendo sufficiente l’idoneità della condotta a disturbarne un numero indeterminato.

Cassazione penale sez. III, 12/07/2018, n.45262

Disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone: l’accertamento

In tema di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone, l’attitudine dei rumori a disturbare il riposo o le occupazioni delle persone non va necessariamente accertata mediante perizia o consulenza tecnica, di tal ché il giudice ben può fondare il suo convincimento su elementi probatori di diversa natura, quali le dichiarazioni di coloro che sono in grado di riferire le caratteristiche e gli effetti dei rumori percepiti, si che risulti oggettivamente superata la soglia della normale tollerabilità.

Cassazione penale sez. fer., 29/08/2017, n.39883

Disturbo del riposo delle persone: reato o illecito amministrativo?

Con riferimento ad attività o mestieri rumorosi, l’ambito di operatività dell’articolo 659 del Cp deve essere individuato nel senso che, qualora si verifichi esclusivamente il mero superamento dei valori limite di emissione di rumori fissati dalle leggi e dai decreti presidenziali in materia, si configura il solo illecito amministrativo di cui all’articolo 10, comma 2, della legge 26 ottobre 1995 n. 447 (legge quadro sull’inquinamento acustico); quando, invece, la condotta si sia concretata nella violazione di altre disposizioni di legge o prescrizioni dell’autorità che regolano l’esercizio dell’attività e del mestiere, si configura la contravvenzione sanzionata dall’articolo 659, comma 2, del Cp; mentre, nel caso in cui l’attività e il mestiere vengano svolti eccedendo dalle normali attività di esercizio, ponendo così in essere una condotta idonea a turbare la pubblica quiete, il fatto integra la contravvenzione prevista dall’articolo 659, comma 1, del Cp.

Cassazione penale sez. III, 06/04/2017, n.39454

In tema di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone, l’esercizio di una attività o di un mestiere rumoroso, integra: A) l’illecito amministrativo di cui all’art. 10, comma secondo, della legge 26 ottobre 1995, n. 447, qualora si verifichi esclusivamente il mero superamento dei limiti di emissione del rumore fissati dalle disposizioni normative in materia; B) il reato di cui al comma primo dell’art. 659, c.p., qualora il mestiere o la attività vengano svolti eccedendo dalle normali modalità di esercizio, ponendo così in essere una condotta idonea a turbare la pubblica quiete; C) il reato di cui al comma secondo dell’art. 659 c.p., qualora siano violate specifiche disposizioni di legge o prescrizioni della Autorità che regolano l’esercizio del mestiere o della attività, diverse da quelle relativa ai valori limite di emissione sonore stabiliti in applicazione dei criteri di cui alla legge n. 447 del 1995.

Cassazione penale sez. III, 06/04/2017, n.39454

Pizzeria non impedisce gli schiamazzi dei clienti

Va riconosciuta la punibilità ai sensi dell’art. 659, comma 1, c.p. del gestore di un pubblico esercizio che non si adoperi per impedire rumori e schiamazzi da parte dei propri clienti con disturbo per la quiete pubblica (fattispecie relativa alla responsabilità del gestore di una pizzeria che non aveva impedito gli schiamazzi dei clienti).

Cassazione penale sez. III, 28/03/2017, n.30189

Rumori: quando sono fonte di disturbo?

La rilevanza penale della condotta produttiva di rumori, censurati come fonte di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone, richiede l’incidenza sulla tranquillità pubblica, in quanto l’interesse tutelato dal legislatore è la pubblica quiete, sicché i rumori devono avere una tale diffusività che l’evento di disturbo sia potenzialmente idoneo ad essere risentito da un numero indeterminato di persone, pur se poi concretamente solo taluna se ne possa lamentare.

Cassazione penale sez. VI, 15/03/2017, n.18416

Rumori che superano la normale tollerabilità

In tema di reato di disturbo della quiete pubblica, con riferimento ai rapporti intercorrenti tra il reato previsto dal comma 1 e il reato previsto dal comma 2 dell’art. 659 c.p., il primo resta assorbito nel secondo solo se il disturbo venga arrecato nel normale esercizio di un mestiere rumorosi, mentre assume una valenza autonoma se l’esercizio del predetto mestiere ecceda le sue normali modalità o ne costituisca uso smodato: la condotta sanzionata dal secondo comma, in sostanza, è soltanto costituita dalla violazione delle disposizioni della legge o delle prescrizioni dell’autorità che disciplinano l’esercizio della professione o del mestiere, mentre l’emissione di rumori eccedenti la normale tollerabilità ed idonei a disturbare le occupazioni o il riposo delle persone rientra nella previsione del comma 1, indipendentemente dalla fonte sonora dalla quale i rumori provengono, quindi anche nel caso in cui l’abuso si concretizzi in un uso smodato dei mezzi tipici di esercizio della professione o del mestiere rumoroso.

Tribunale Como, 11/01/2017, n.22

Disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone

In tema di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone, l’esercizio di una attività o di un mestiere rumoroso, integra: A) l’illecito amministrativo di cui all’art. 10, comma 2, della legge 26 ottobre 1995, n. 447, qualora si verifichi esclusivamente il mero superamento dei limiti di emissione del rumore fissati dalle disposizioni normative in materia; B) il reato di cui al comma 1 dell’art. 659, cod. pen., qualora il mestiere o la attività vengano svolti eccedendo dalle normali modalità di esercizio, ponendo così in essere una condotta idonea a turbare la pubblica quiete; C) il reato di cui al comma 2 dell’art. 659 cod. pen., qualora siano violate specifiche disposizioni di legge o prescrizioni della Autorità che regolano l’esercizio del mestiere o della attività, diverse da quelle relativa ai valori limite di emissione sonore stabiliti in applicazione dei criteri di cui alla legge n. 447 del 1995.

Cassazione penale sez. III, 18/07/2017, n.56430

Reato di disturbo del riposo delle persone: responsabilità

In tema di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone, l’effettiva idoneità delle emissioni sonore ad arrecare pregiudizio ad un numero indeterminato di persone costituisce un accertamento di fatto rimesso all’apprezzamento del giudice di merito, il quale non è tenuto a basarsi esclusivamente sull’espletamento di specifiche indagini tecniche, ben potendo fondare il proprio convincimento su altri elementi probatori in grado di dimostrare la sussistenza di un fenomeno in grado di arrecare oggettivamente disturbo della pubblica quiete (riconosciuta la responsabilità della proprietaria di due cani, che erano soliti abbaiare di giorno e di notte, con grande frequenza, in modo da disturbare il sonno, reso assai difficoltoso, e recare evidente disturbo al riposo degli abitanti nelle immediate adiacenze).

Cassazione penale sez. III, 15/12/2016, n.5613

Lavori domestici all’alba

Integra il reato di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone (art. 659 c.p.), la condotta dell’imputata la quale era solita iniziare le faccende domestiche in prima mattina, mettendo la radio a volume altissimo.

Cassazione penale sez. III, 11/10/2016, n.48315

L’entità del fenomeno rumoroso

Per la configurabilità della contravvenzione di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone (art. 659, comma 1, c.p.) è necessario che le emissioni sonore rumorose superino la normale tollerabilità e abbiano, anche in relazione allo loro intensità, l’attitudine a propagarsi e a disturbare la quiete e il riposo di un numero indeterminato di persone, e ciò a prescindere dal fatto che, in concreto, alcune persone siano state effettivamente disturbate, sicché la relativa valutazione circa l’entità del fenomeno rumoroso va fatta in rapporto alla media sensibilità del gruppo sociale in cui tale fenomeno si verifica, mentre sono irrilevanti, e di per sé insufficienti, le lamentele di una o più singole persone.

Cassazione penale sez. III, 05/06/2016, n.25424

L’esercizio di un mestiere rumoroso

In tema di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone, l’attività di un bar regolarmente autorizzato dall’autorità amministrativa a rimanere aperto fino a tarda notte ed all’uso di strumenti musicali e di diffusione sonora, va classificata come esercizio di un “mestiere rumoroso”, in quanto l’uso di tali strumenti è strettamente connesso e necessario all’esercizio dell’attività autorizzata, con la conseguenza che il superamento, mediante gli strumenti stessi, dei limiti massimi o differenziali di emissione del rumore integra l’illecito ammininistrativo di cui all’art. 10, comma secondo, della legge 26 ottobre 1995, n. 447.

Cassazione penale sez. III, 11/06/2015, n.34920


note

Autore immagine: disturbo della quiete pubblica di FabrikaSimf


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube