Diritto e Fisco | Articoli

Inps: invalidità civile e visite di revisione

20 Aprile 2019
Inps: invalidità civile e visite di revisione

Ho una invalidità civile del 100% con verbale ultimo del febbraio 2016 e con obbligo di revisione a febbraio 2019. Non ricevendo la raccomandata con l’appuntamento della visita di revisione, ho telefonato all’inps e mi hanno detto che devo attendere. Oggi è scaduta l’invalidità e pertanto il mio medico di base con mi ha chiamato per dirmi che non può più farmi le ricette perchè il programma blocca la procedura. Il call center dell’inps mi ha di rivolgermi alla sede inps e chiedere una revisione temporanea fino al ricevimento dell’appuntamento. L’inps è pienamente responsabile di questa situazione della quale non mi dicono la verità. Cosa posso fare? 

La Circolare Inps n. n. 10 del 23.01.2015 in punto di “Semplificazioni in materia di accertamento sanitario di revisione”, precisa che la Legge n. 114/2014, in sede di conversione del D.L. 90/2014, con il comma 6 bis dell’art. 25 ha introdotto importanti modifiche in materia di accertamento sanitario di revisione, stabilendo che “nelle more dell’effettuazione delle eventuali visite di revisione e del relativo iter di verifica, i minorati civili e le persone con handicap in possesso di verbali in cui sia prevista rivedibilità conservano tutti i diritti acquisti in materia di benefici, prestazioni e agevolazioni di qualsiasi natura” e che “la convocazione a visita, nei casi di verbali per i quali sia prevista la rivedibilità, è di competenza dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale”. 

Questo allo scopo di garantire all’invalido un periodo “cuscinetto” in caso di ritardi dell’Inps nella convocazione a visita per accertamento sanitario di revisione. 

Con i successivi messaggi n. 715 del 30.01.2015, n. 2002 del 19.03.2015, n. 3483 del 22.05.2015, n. 3600 del 27.05.2015, nonché con Circolare n. 127 del 08.07.2016 sono state fornite istruzioni in materia di invalidità civile per l’applicazione delle semplificazioni in argomento. 

Conseguentemente, il medico del lettore non dovrebbe riscontrare alcun problema nel fargli le ricette, perché il programma dell’Inps non dovrebbe bloccare le relative procedure e, analogamente, non si rinvengono indicazioni operative o normative relative all’ipotesi in esame. Ad avviso dello scrivente, dunque il lettore dovrebbe recarsi presso la sede Inps e sollecitare la fissazione di nuova visita, o acquisire informazioni in merito alla procedura di revisione temporanea che, leggendo la Circolare Inps n. 127 del 08.07.2016 citata, parrebbe essere di competenza delle ASL, in attesa di revisione definitiva da parte della Commissione Inps. 

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Valentina Azzini 



5 Commenti

  1. buongiorno avvocato sono un uomo di 43 anni purtroppo mi devo abituare alla mia vita molto complicata o tante patologie tra cui fibrillazione atriale recidiva ipertensione o subito un intervento al cuore per difetto interiatrale ho avuto un minor stroke ed un tia con emiparesi sx ho anche asma cronica broncospastica e da qualche mese sono anche in cura al centro cura e malattia mentali per una forte depressione ho anche un problema di spondiloartrosi piu 5 ernie a dico e un inizio di scoliosi ed in oltre soffro anche di obesita peso 107 kgora vengo al dunque ho presentato domanda di invalidita civile a gennaio 2018 e mi e stata riconosciuta un invalidita di 75 % piu legge 104 art 1 comma 3 il 25 giugno 2019 vengo convocato a visita di revisione e cosa veramente scioccante mi viene completamente esclusa la legge 104 ed in piu passo dal mio attuale 75% a 67%quindi neanche percepisco piu le 290 euro a mese che io percepivo ora la domanda e una se io sono sempre uguale o sempre gli stessi problemi anzi sono peggiorati perche ad ultima visita mi e stata riconosciuta obesita piu depressione che nella prima visita non esistevano come e possibile che il mio punteggio vada a diminuire anziche aumentare?grazie tantoper la sua attenzione e per la sua eventuale risposta

    1. Contro il verbale della commissione medica che revoca l’invalidità o ne abbassa la percentuale è sempre possibile fare ricorso, anche se si tratta di una visita di revisione. Bisogna, però, seguire la stessa procedura prevista per ricorrere contro i verbali degli accertamenti sanitari “ordinari”: in pratica, prima di iniziare la vera e propria causa davanti al tribunale, ci si deve sottoporre a un accertamento tecnico preventivo, per la verifica delle condizioni sanitarie. L’istanza di accertamento tecnico-preventivo va presentata alla sezione lavoro e previdenza del tribunale territorialmente competente, entro 180 giorni dal ricevimento del verbale dell’Inps. Durante l’accertamento tecnico-preventivo viene verificata la condizione sanitaria dell’interessato: a tal fine il giudice deve nominare un medico legale, che può essere affiancato dai medici legali nominati dall’Inps e dai medici di parte che l’invalido la facoltà di nominare. Il medico legale, esaminata la documentazione ed eventualmente effettuata un’ulteriore visita, deve presentare al tribunale una relazione: se il suo parere è favorevole al riconoscimento dell’invalidità e non vi sono contestazioni, l’Inps deve adeguarsi e liquidare le eventuali prestazioni dovute entro 120 giorni dalla notifica del provvedimento emanato dal giudice. Se la relazione del medico legale è negativa, o se è positiva e l’Inps presenta delle contestazioni, è necessario presentare il ricorso al tribunale entro 30 giorni dal deposito delle contestazioni.

  2. Buonasera
    sono stata riconosciuta invalida a l 70% nel 1995 a seguito di mastectomia radicale con svuotamento ascellare. Lo scorso anno mi hanno tolto endometrio e le ovaie perchè ero a rischio anche se non erano presenti atipie.
    Ho sempre lavorato perchè assunta come categoria protetta e ora ho cambiato lavoro e sono cambiate le leggi e l’inps richiede accettamento sanitario per l’iscrizione al collocamento mirato.
    La mia paura sta che ho paura che me le levino, ma io spesso ho dei momenti di down dovuti alla paura che mi si presenti nuovamente il tumore e che non ho potuto avere figli e per questo seguo una terapia psicologica con farmaci.
    Sono stata richiamata per una seconda visita e comunque io sto già lavorando.
    E’ possibile che me la levino? o solamente abbassarla?
    io non ho chiesto aggravamento quindi nion capisco perchè questa 2 visita
    Grazie
    Grazie

  3. Buona sera volevo chiedere a un un’esperto e se qualcuno mi aiutare visto che ho già tolto troppo tempo e Tanti soldi alla mia famiglia. Nel 2016 dopo una vera e propria battaglia con l’ente Inps finalmente dopo procedura giudiziaria nel 2018 per sentenza mi hanno riconosciuto il 75 % di invalidità. Venti giorni fa sono stato chiamato a revisione. Pur presentando documentazione nuova giugno 2019 tra cui la prescrizione di un busto rigido la sostituzione del farmaco per l’ipertensione e interventi a cui dovrei essere sottoposto ( ginocchio e di nuovo l’alluce valgo) e patologie dalla nascita. Dei dottori con una visita, alza il braccio alza la gamba Annullando la sentenza emessa da un giudice e di un loro stesso collega che con visita medico legale da parte dell’Inps mi hanno abbassato la percentuale al 55 % .Non percepisco alcun beneficio tutt’ora lavoro ma non so per quanto ancora. Ho 44 anni e 27 anni di contributi , non mollero cercherò se rendere tutto pubblico perché non è possibile

    1. Mi sto preoccupando seriamente!

      Io ho la visita di richiamo a giugno 2020, ed anche io ho già una precedente vittoria, a seguito di ATP, ma mi interesserebbe sapere gentilmente dall’Avvocato, se davvero possano permettersi di riformulare un punteggio inferiore a quello già stabilito da un CTU o da un Giudice.

      Io sapevo che, tale decreto, fosse incontestabile e non più impugnabile, cessati i 30 giorni successivi alla sua emissione, così come mi sorprende che, un semplice Medico, possa gerarchicamente mettere in discussione un CTU, un CTP, anch’egli medici, ed un responso di un Giudice, quindi di un Tribunale

      Grazie anticipatamente qualora mi risponderà.

      Saluti

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube