Diritto e Fisco | Articoli

Come si paga una cambiale

12 Aprile 2019 | Autore:
Come si paga una cambiale

Vuoi rateizzare un pagamento o rimandarlo ad un tempo futuro, la cambiale può fare al caso tuo: essa ti consente di eseguire il pagamento dopo un certo periodo di tempo indicato sul titolo. Attenzione però ai costi di bollo e alle conseguenze se non paghi alla scadenza.

Sicuramente hai sentito parlare delle cambiali come strumento di pagamento, soprattutto quando si ha la necessità di spostare ad un momento futuro il pagamento stesso. Probabilmente hai acquistato un bene e ti viene proposto di rateizzarne il prezzo mediante il pagamento di cambiali periodiche. Ti chiedi dunque come si paga una cambiale, come si compila e quali tipi di cambiale esistono. Ebbene devi sapere che, come l’assegno, la cambiale costituisce è un vero e proprio titolo esecutivo: consente cioè al creditore che la possiede di appropriarsi dei beni del debitore che non paga il proprio debito. Per essere valida, la cambiale deve essere compilata in tutte le sue parti e deve indicare chiaramente la data del pagamento. In genere, inoltre la cambiale è appoggiata ad una banca, così il pagamento può essere effettuato direttamente all’istituto di credito, anziché nelle mani del creditore. Inoltre, il mancato pagamento delle cambiali consente al creditore di ottenere il protesto e pignorare i tuoi beni, senza passare dal tribunale. Comprendiamo allora meglio come funziona questo strumento di pagamento, tanto antico e quanto poco pubblicizzato.

Cambiale: cos’è e come compilarla

La cambiale è uno strumento di pagamento, con il quale il debitore si impegna a pagare una certa somma di denaro alla scadenza e nel luogo sulla stessa indicati.

Graficamente è simile all’assegno e, per essere valida, deve essere compilata avendo cura di indicare:

  • l’importo da pagare
  • l’ordine di pagamento (“pagherò” o “pagherete”)
  • la data entro cui eseguire il pagamento
  • il nome e il cognome della persona che riceverà il pagamento
  • il luogo del pagamento
  • nome, cognome, codice fiscale e indirizzo del debitore
  • firma del debitore

Sulla cambiale va poi apposta una marca da bollo (oggi sostituita da un contrassegno telematico) di valore che varia a seconda dell’importo della cambiale stessa e che è pari al 12 per mille del valore del titolo.

Quando si paga la cambiale?

Innanzitutto, è bene sapere che, a seconda del tipo di cambiale, possono essere previsti diversi tempi di pagamento.

La cambiale, infatti. può prevedere una scadenza a vista: ciò vuol dire che il pagamento deve essere effettuato nel momento in cui il creditore si presenta nel luogo indicato sulla cambiale stessa per riscuotere la somma dal debitore. Nella cambiale a vista, il pagamento deve avvenire entro un anno dalla data di emissione.

Altrimenti, la scadenza può essere stabilita:

  • a giorno fisso e dunque la cambiale andrà pagata il giorno della scadenza
  • a certo tempo data, con ciò intendendosi che la cambiale va pagata dopo un determinato numero di giorni dalla data della sua emissione (ad esempio, sulla cambiale sarà indicata la dicitura: “A 90 giorni data pagherò…”, con ciò impegnandosi il debitore a pagare decorsi 90 giorni dalla data di emissione del titolo e non prima).
  • a certo tempo vista, ossia a partire da un determinato giorno successivo alla data di accettazione (ad esempio, sulla cambiale può essere scritto: “A 90 giorni vista pagherete…”, con ciò intendendosi che il creditore ha ordinato al debitore di pagare una determinata somma a partire da novanta giorni dalla data di accettazione della cambiale).

Se sulla cambiale non viene indicata una scadenza, essa è considerata pagabile a vista, mentre se la data indicata è indeterminabile o impossibile (ad esempio, se viene indicata la dicitura: “quando ne avrò la disponibilità”), la cambiale non potrà considerarsi un valido titolo esecutivo.

Infine, se la scadenza indicata sul titolo cade di sabato, di domenica, o comunque in un giorno festivo (ad esempio il giorno di Natale), questa si considera prorogata al primo giorno lavorativo successivo.

Dove si paga la cambiale?

La cambiale indica, come detto, anche il luogo in cui deve essere pagata: generalmente si prevede come luogo di pagamento il domicilio del debitore, ma nulla esclude che la cambiale possa essere domiciliata su una banca, o che possa indicare il domicilio del creditore o di un terzo soggetto.

Mancato pagamento della cambiale: cosa succede?

Se la cambiale non viene pagata alla scadenza stabilita, il creditore potrà rivalersi sui beni del debitore immediatamente, senza che sia necessario andare davanti al Giudice o iniziare una causa.

E’ infatti sufficiente che il creditore si rechi da un notaio, da un segretario comunale, da un ufficiale giudiziario, o da altro pubblico ufficiale e faccia levare protesto.

Il protesto è una dichiarazione del pubblico ufficiale con cui si attesta il mancato pagamento della cambiale alla scadenza pattuita e che consente al creditore di procedere immediatamente all’esecuzione e cioè al pignoramento dei beni del debitore.



9 Commenti

  1. buongiorno
    la banca, alla quale mi appoggio per pagare le cambiali, mi ha informata del fatto che non si possono più pagare in contanti allo sportello, ma che bisogna obbligatoriamente passare da un conto
    è vero?
    consideri anche il fatto che sono pagamenti collegati ad un’attività commerciale e che da loro non ho conti aperti
    grazie per l’aiuto

    1. Buongiorno Agata. Devi sapere che la cambiale è un titolo esecutivo che attribuisce al legittimo possessore il diritto di ottenere il pagamento della somma indicata alla scadenza e nel luogo in essa previsti. In pratica, la cambiale è equiparabile al titolo che ti fornisce il giudice quando emette un decreto ingiuntivo o una sentenza in riconoscimento del tuo diritto di credito. Nel caso della cambiale, però, non ci si trova davanti ad un provvedimento giudiziale, bensì ad un atto stragiudiziale che è intercorso tra privati. Per maggiori informazioni, ti consigliamo di leggere i nostri articoli sull’argomento:
      -Cosa succede se non pago una cambiale https://www.laleggepertutti.it/273408_cosa-succede-se-non-pago-una-cambiale
      -Cambiale: cos’è e come funziona https://www.laleggepertutti.it/212062_cambiale-cose-e-come-funziona
      -Dove si comprano le cambiali e quanto costano? È vero che le cambiali sono gratuite e che si paga solo l’imposta di bollo dal tabacchino? https://www.laleggepertutti.it/183542_dove-si-comprano-le-cambiali-e-quanto-costano

  2. Non trovo la risposta alla mia domanda
    Ho chiesto se sia possibile pagare la cambiale in contanti presso uno sportello bancario senza avere un conto in tale banca

    1. si si può pagare in contanti, la banca non può pretendere che apri un cc presso di loro. Ci provano, ma devono per forza riscuotere l’importo e restituirti la cambiale. Le banche vorrebbero addebitarti il costo del conto corrente. Tu porta i soldi ed esigi di pagare la cambiale se non ci sentono vai ad una locale stazione dei carabinieri e denuncia il fatto.

      1. Alla fine ce l’ho fatta ma hanno fatto un sacco di storie
        E come al solito hanno fatto credere che mi facessero un favore
        Filiale assurda!
        Grazie per la risposta, è esattamente ciò che chiedevo

      2. Buongiorno,
        Sto pagando alcune cambiali appoggiate alla banca della persona a cui devo queste somme,non è la mia banca,ma quando pago non mi viene restituita la vera cambiale,soltanto una ricevuta bancaria ,è normale? dove posso richiedere le cambiali già saldate?
        Grazie!

  3. Salve, sto pagando un debito passato in cambiali tutti i mesi presso la mia banca. Tuttavia tra qualche mese avrò l’ultima cambiale da pagare ma per un importo nettamente superiore a tutte le altre che ho già pagato. Mi chiedevo se era possibile chiedere la rateizzazione di tale cambiale? Se si, a chi devo rivolgermi? Negli anni questo debito è passato di mano in mano e ora non so chi ne risponde.
    Grazie in anticipo a chi mi risponderà.

    1. Cambiale: utile strumento per rateizzare un debito, senza costi eccessivi e potendosi anche far garantire da un terzo mediante avallo. Attenzione però, perché se non paghi alla scadenza, il creditore può immediatamente pignorare i tuoi beni. Nel nostro articolo https://www.laleggepertutti.it/279225_come-pagare-i-debiti-con-cambiali puoi scoprire come pagare i debiti con cambiali, quali rischi potresti correre, quali sono i vantaggi e gli svantaggi di un piano di rientro con cambiali. Se non paghi la cambiale alla scadenza stabilita, il creditore può rivalersi sui tuoi beni immediatamente, senza che sia necessario ottenere prima un provvedimento del giudice. E’ infatti sufficiente che il tuo creditore si rechi da un notaio, da un segretario comunale, da un ufficiale giudiziario, o da altro pubblico ufficiale e faccia levare protesto. Il protesto è una dichiarazione del pubblico ufficiale che attesta il mancato pagamento della cambiale alla scadenza pattuita e che consente al creditore di procedere immediatamente al pignoramento dei tuoi beni o dei crediti che eventualmente vanti nei confronti di terzi soggetti.

    2. Devi rivolgerti al creditore solo lui può venirti incontro, Farsi dare la vecchia cambiale con due tre o quattro nuove. Legalmente non ci sono altre alternative.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube