Diritto e Fisco | Articoli

Come pagare i debiti con cambiali

24 Marzo 2019 | Autore:
Come pagare i debiti con cambiali

Cambiale: utile strumento per rateizzare un debito, senza costi eccessivi e potendosi anche far garantire da un terzo mediante avallo. Attenzione però, perché se non paghi alla scadenza, il creditore può immediatamente pignorare i tuoi beni

Hai contratto un debito e, siccome non riesci a saldarlo in unica soluzione, ti viene proposto di pagarlo a rate con cambiali. In questo modo, tu potrai rateizzarne l’importo e il tuo creditore avrà a disposizione, se ancora non sarai puntuale, uno strumento che lo garantisce molto, consentendogli di aggredire i tuoi beni senza doverti fare causa. La proposta ti sembra allettante, ma vorresti sapere a quali rischi potresti andare incontro e quali potrebbero essere i costi di questa operazione. Vediamo allora come pagare i debiti con cambiali, quali rischi potresti correre, quali sono i vantaggi e gli svantaggi di un piano di rientro con cambiali.

Cambiale: cos’è e come compilarla

La cambiale è uno strumento di pagamento, con cui il debitore si impegna a pagare una certa somma in un momento futuro, alla scadenza e nel luogo pattuiti.

Lo scopo è quello di garantire l’adempimento rateale, utilizzando una serie di cambiali con scadenze concordate, in modo tale che, ad ogni scadenza, ciascuna cambiale venga pagata.

Per essere valida, la cambiale deve essere compilata avendo indicando:

  • l’importo da pagare;
  • l’ordine di pagamento (“pagherò” o “pagherete”);
  • la data entro cui eseguire il pagamento;
  • il nome e il cognome della persona che riceverà il pagamento;
  • il luogo del pagamento;
  • nome, cognome, codice fiscale e indirizzo del debitore;
  • firma del debitore.

Sulla cambiale va poi apposto il bollo, contrassegno telematico di valore che varia a seconda dell’importo della cambiale stessa e che è pari al 12 per mille del valore del titolo.

L’avallo sulla cambiale

Se la cambiale viene sottoscritta dallo stesso debitore e il creditore non si fida di lui, quest’ultimo può chiedere che la cambiale sia “avallata” da un altro soggetto che, firmandola a propria volta, si impegna a pagare, per lo stesso importo della cambiale, insieme al debitore. In altre parole, se il creditore non ottiene il pagamento dal debitore principale, può chiederlo a chi ha firmato l’avallo.

Dove si acquistano le cambiali?

Quando si decide di rateizzare un debito mediante utilizzo di cambiali, bisogna innanzitutto acquistare tante cambiali quante sono le rate concordate.

L’acquisto si fa presso le tabaccherie autorizzate alla vendita di valori bollati emessi dal Monopolio di Stato.

Assieme all’acquisto della cambiale bisogna, come detto, pagare l’imposta di bollo, sempre presso la tabaccheria.

Mancato pagamento della cambiale: il protesto

Se non paghi la cambiale alla scadenza stabilita, il creditore può rivalersi sui tuoi beni immediatamente, senza che sia necessario ottenere prima un provvedimento del giudice.

E’ infatti sufficiente che il tuo creditore si rechi da un notaio, da un segretario comunale, da un ufficiale giudiziario, o da altro pubblico ufficiale e faccia levare protesto.

Il protesto è una dichiarazione del pubblico ufficiale che attesta il mancato pagamento della cambiale alla scadenza pattuita e che consente al creditore di procedere immediatamente al pignoramento dei tuoi beni o dei crediti che eventualmente vanti nei confronti di terzi soggetti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube