Salute e benessere | Articoli

La dieta per chi ha il colesterolo alto

26 Marzo 2019


La dieta per chi ha il colesterolo alto

> Salute e benessere Pubblicato il 26 Marzo 2019



Come abbassare i trigliceridi: cibi che aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo. 

Il colesterolo è la malattia del secolo. Le ragioni sono, in parte, attribuibili ad abitudini alimentari non corrette. Non diamo più la giusta importanza ai pasti. Si mangia sempre più spesso fuori, in fast food, bar, paninoteche, accontentandosi di alimenti saporiti ma poveri di sostanze nutritive. In più, quelle poche volte che si torna a casa, non si ha il tempo per preparare un piatto con gli ingredienti “base”, ma si ricorre a cibi precotti, ricchi di grassi e di conservanti. Dopo molti anni di vita insalubre, ci si accorge così di avere il colesterolo, placche cioè sulle arterie che riducono la circolazione del sangue e mettono a serio rischio la nostra vita. Il pericolo è infatti quello di incorrere in un infarto. Chi vuol evitare questi problemi deve ricominciare proprio dall’alimentazione. Ecco dunque la dieta per chi ha il colesterolo alto.

Come controllare il colesterolo con il cibo

Innanzitutto bisogna seguire una dieta in grado di abbassare il colesterolo LDL (il cosiddetto colesterolo cattivo) e di innalzare quello HDL (il cosiddetto colesterolo buono). Il primo infatti è la materia prima con la quale vengono fabbricate le placche arteriose, mentre il secondo lavora come uno spazzino, inglobando le LDL e trasportandole al fegato che le inattiva. È quindi chiaro che le arterie saranno tanto più sane quanto maggiore sarà il colesterolo HDL e minore quello LDL.

Riepilogando, possiamo dire che per combattere l’aterosclerosi è necessario ridurre il colesterolo «cattivo», aumentare quello «buono», nonché seguire una dieta in grado di evitare, per quanto possibile, l’ossidazione delle LDL.

Legumi ed avena

Mangia legumi e soprattutto fagioli. Non esistono in natura rimedi anticolesterolo così economici, diffusi, rapidi e sicuri.

Anche l’avena riduce la colesterolemia. È sufficiente una tazzina da te di crusca d’avena oppure una tazza da caffellatte di farina d’avena.

La farina d’avena e efficace ma in quantità più ampia rispetto quelle consigliate per la crusca.

Una buona dose di crusca d’avena giorno riesce, nel giro di 2 o 3 mesi, ad aumentare i livelli di colesterolo HDL del 15%.

Aglio e cipolla

Se vuoi tenere sotto controllo la colesterolemia mangia aglio. Tre spicchi di aglio al giorno possono ridurre il colesterolo del 10%.

Stesso discorso per la cipolla: un vero toccasana per chi ha il colesterolo.

Salmone

Un metodo per aumentare le HDL consiste nel mangiare pesce ricco di acidi grassi omega-3, come salmone e sgombro. Da notare che l’effetto compare anche quando le HDL sono normali.

Oggi esistono delle compresse di acidi omega-3 che si acquistano anche in parafarmacia.

Olio d’oliva

Gli effetti dell’olio d’oliva sulle arterie e sulla colesterolemia sono veramente sorprendenti. Innanzi tutto abbassa il colesterolo LDL e innalza quello HDL, migliorando cost il rapporto tra queste due lipoproteine. Gli oli di mais, soia, girasole e arachidi, invece, non fanno distinzioni, riducendo sia il colesterolo «cattivo» sia quello «buono».

Mandorle e noci

Le noci aiutano a combattere il cotesterolo. Sono ricche di grassi monoinsaturi, noti per il loro effetto anti-colesterolo e per l’azione protettiva nei confronti dell’ossidazione delle LDL.

Frutta e verdura

Anche l’avocado esercita un’azione decisamente positiva sulla colesterolemia. Questo frutto tropicale e infatti ricco di grassi del tutto simili a quelli contenuti nelle mandorle e nell’olio d’oliva.

Fai il pieno di vitamina C ed E mangiando tanta frutta e verdura. Le fragole sono risultante particolarmente indicate. Così anche le carote; anch’esse sono ricche di fibre idrosolubili, pectina compresa. Stesso discorso per le mele.

Molluschi e crostacei

Se rinunci ai molluschi e ai crostacei per salvaguardare la salute delle tue arterie stai certamente compiendo un sacrificio inutile. Lo sostengono molti esperti, sottolineando che questi alimenti, se consumati al posto di cibi ricchi di proteine animali, consentono anzi di controllare i livelli di colesterolo.

Il caffé

Bere caffé decaffeinato per evitare un innalzamento della colesterolemia è del tutto inutile, visto che la caffeina non ha alcun effetto sui colesterolo.

Grassi animali e vegetali

Sicuramente i grassi animali come il tuorlo d’uovo non aiuta il colesterolo e così quelli di origine vegetale come la margarina e il cioccolato (a meno che non si tratti di cioccolato magro fondente). La carne di maiale è più ricca di grassi rispetto a quella bianca (pollo e tacchino). Evita anche le cosce di pollo che sono più grasse del petto.

Dieta per abbassare il colesterolo

Sintetizzando quanto abbiamo appena detto ecco alcuni suggerimenti per abbassare il colesterolo.

Mangia frutta, verdura, legumi, cereali ricchi di fibra idrosolubile, pesce grasso salmone, sgombro, sardine e tonno.

Diminuisci i grassi saturi di origine animale, cioè quelli presenti nel latte intero, nel formaggio, nella carne e nella pelle del pollo. In questo modo potrai abbassare le LDL e innalzare le HDL.

Consuma meno oli vegetali ricchi di acidi grassi omega-6, presenti anche nelle margarine, nelle merendine e in molti altri alimenti confezionati. Gli acidi grassi omega-6 vengono rapidamente incorporati nelle LDL, rendendole più facilmente ossidabili e quindi più pericolose per le pareti arteriose.

Privilegia gli oli contenenti molti acidi grassi monoinsaturi, come quello d’oliva.

Estremamente importante: segui una dieta ricca di antiossidanti, come la vitamina E. La C e il beta-carotene, presenti soprattutto nella frutta, nella verdura, nei semi oleosi e nell’olio d’oliva. Questi alimenti proteggono le LDL dall’azione dei radicali liberi.

Un bicchiere di vino, birra o due dita di superalcolico al giorno aiutano a mantenere alti i livelli di HDL. Ma se siete astemi non ricorrete a questo espediente per salvaguardare fa salute delle arterie.

Tra gli alimenti che sembrano essere utili nella lotta contro il colesterolo ricordiamo anche i funghi neri cinesi,l’orzo, la crusca di riso, le alghe, il latte scremato, il te verde e quello nero.

Come bloccare i radicali liberi

Per difendersi dall’azione dei radicali liberi bisogna aumentare l’assunzione di antiossidanti, contenuti in abbondanza nella frutta, nella verdura, nei cereali e nei semi oleosi come noci e mandorle.

Ecco una serie di consigli utili per impedire l’ossidazione delle LDL.

Mangia frutta e verdura ricche di vitamina C e beta-carotene.

Consuma semi oleosi, cereali, germi di grana che, com’é noto, contengono molta vitamina E.

Privilegia pesci come sardine e sgombri in cui abbonda il coenzima-Q I 0, una sostanza che recentemente si e imposta all’attenzione dei ricercatori per la sua attività antiossidante.

Non trascurare gli alimenti ricchi di acidi grassi monoinsaturi come l’olio d’oliva, le mandorle e l’avocado, tutti di provata efficacia net contrastare l’ossidazione delle LDL.

Diminuisci il consumo dei grassi facilmente ossidabili come, per esempio, gli omega-6 presenti nell’olio di mais, ravizzone e girasole.

Il colesterolo può essere troppo basso?

Gli esperti si pongono questa domanda ormai da tempo e la risposta e unanime: sì. Una colesterolemia inferiore a 160 mg/dl può essere pericolosa. Graz1e a un recente studio che a coinvolto 350.000 uomini di mezza eta in buone condizioni di salute, il dottor James Neaton e i suoi collaboratori dell’Università del Minnesota hanno scoperto che il 6 per cento dei volontari aveva tassi di colesterolo molto bassi e nessuna traccia di compromissione delle arterie che portano sangue al cuore, cioè delle coronarie.

Le emorragie celebrali provocate dalla rottura di un vaso sanguigno con pareti indebolite sembrano frequenti in chi ha il colesterolo basso.

note

Autore immagine Uomo rifiuta panino di  Albina Glisic


scarica gratis il tuo contratto su misura

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA