HOME Articoli

Lo sai che? Disfarsi gratis e legalmente della vecchia tv, frigorifero, lavatrice e di tutti gli apparecchi obsoleti

Lo sai che? Pubblicato il 17 aprile 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 17 aprile 2013

Ogni commerciante che vende un apparecchio elettrico o elettronico è obbligato a ritirare quello vecchio: l’acquirente infatti paga una tassa apposita, il contributo RAEE.

 

Quando si acquista un elettrodomestico, piccolo o grande che sia, spesso ci si chiede come disfarsi di quello vecchio, specie se inservibile.

Questi prodotti, infatti, non possono essere gettati nel comune cassonetto della spazzatura. Bisognerebbe contattare dei centri di raccolta specifici; in pochi lo sanno e in pochissimi lo fanno. Così spesso ci si rivolge a “qualcuno che ha un furgone”, accettando implicitamente che l’elettrodomestico finisca in qualche discarica abusiva o nella campagna più vicina, occultato nella vegetazione.

Ma esiste una modalità di smaltimento molto più semplice e per giunta legale per la quale, tra l’altro, il cittadino ha già pagato. Quando si acquista un elettrodomestico, il rivenditore è obbligato a ritirare gratuitamente quello vecchio di cui ci si deve disfare, indipendentemente dal fatto che l’apparecchio obsoleto sia stato a suo tempo venduto da un altro soggetto [1]. È comunque tenuto a farlo sol perché è stato comprato un nuovo apparecchio.

Unica condizione è che l’apparecchio che si intende restituire sia equivalente a quello acquistato. In altre parole, se si compra un tostapane, non si può restituire un frigorifero.

Ogni volta che si acquista un’apparecchiatura elettrica o elettronica [2] – un frigorifero, un televisore, un cellulare, un computer ecc. – il prezzo pagato comprende il cosiddetto contributo RAEE [3]: si tratta di una tassa preventiva che servirà a sostenere i costi di raccolta, trattamento, recupero e smaltimento del prodotto una volta giunto a fine vita.

Il consumatore, cioè, nel momento in cui acquista questo tipo di beni, paga già le spese legate alla loro dismissione: è per questo che non dovrà sborsare alcuna somma ulteriore nel momento in cui intenda disfarsene.

Molti rivenditori, però, non conoscono tale normativa o volutamente la violano, rifiutandosi di ritirare il vecchio elettrodomestico o accettando di farlo solo dietro pagamento.

È bene sapere che il rivenditore è obbligato per legge e, se si rifiuta di ritirare l’apparecchio elettrico o elettronico a titolo gratuito, è punibile con una sanzione amministrativa da 150 a 400 euro per ciascuna apparecchiatura non ritirata o ritirata a titolo oneroso [4].

note

[1] In base all’art. 6, c. 1, lett. b del d.lgs. n. 151 del 25.07.2005, “i distributori assicurano, al momento della fornitura di una nuova apparecchiatura elettrica ed elettronica destinata ad un nucleo domestico, il ritiro gratuito, in ragione di uno contro uno, della  apparecchiatura usata, a condizione che la stessa sia di tipo equivalente e abbia svolto le stesse funzioni della  nuova apparecchiatura fornita”.

[2] Le cosiddette AAE, acronimo di apparecchiatura elettrica o elettronica: in base a quanto disposto dall’art. 3, c. 1 lett. a del d.lgs. n. 151 del 25.07.2005, rientrano in questo ambito le apparecchiature che dipendono, per il loro funzionamento, da correnti elettriche o da campi elettromagnetici e le apparecchiature di generazione, di trasferimento e di misura di questi campi e correnti, appartenenti alle categorie di cui all’allegato 1 A del d.lgs. n. 151 del 25.07.2005.

[3] Acronimo di “rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche”.

[4] Art. 16, c. 1 del d.lgs. n. 151 del 25.07.2005.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

4 Commenti

  1. Buongiorno,
    ma se il contributo RAEE è già stato pagato, perché è necessario, per disfarsi di un vecchio elettrodomestico, acquistare un altro?

  2. Il contributo RAEE lo paghi nel momento in cui acquisti l’elettrodomestico nuovo, allora, giacchè l’hai pagato, lo sfrutti facendo smaltire al commerciante l’elettrodomestico vecchio.
    Se non acquisti nessun elettrodomestico nuovo ( e quindi non paghi il RAEE ) non ti puoi permettere di andare a bussare ad un commerciante dicendo che devi smaltire il tuo vecchio elettrodomestico, mi sembra talmente ovvio.
    Se devi solo buttare il tuo elettrodomestico vecchio, puoi rivolgerti ad un centro raccolta rifiuti della tua città, che te lo smaltiranno seguendo le normative vigenti.

  3. Ho comprato un nuovo frigorifero e il venditore mi chiede 70 euri per il trasporto del vecchio allo smaltimento.
    che fare?

  4. Ho comprato una nuova lavatrice e il venditore mi chiede 34 euro per il trasporto di quella vecchia. E’ corretto?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI