HOME Articoli

Lo sai che? Rate condominiali non pagate: decreto ingiuntivo anche senza lettera di messa in mora

Lo sai che? Pubblicato il 17 aprile 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 17 aprile 2013

Non è necessaria la lettera con l’avviso di pagamento prima di agire in tribunale.

Il proprietario di casa che non ha pagato le rate condominiali può vedersi notificare, dalla sera alla mattina, un decreto ingiuntivo del tribunale, senza aver mai ricevuto prima una lettera di messa in mora da parte dell’amministratore. È quanto stabilito dalla Cassazione in una recente sentenza [1].

Il condominio può agire contro il condomino moroso, per ottenere il pagamento di quanto dovuto, senza prima diffidarlo con raccomandata a.r.. La lettera, dunque, con l’avvertimento finale non è necessaria per legge. Se però il regolamento di condominio prevede una clausola che imponga all’amministratore di mettere in mora il debitore, al condomino che ha ricevuto il decreto ingiuntivo non resta che agire contro l’amministratore per il mancato rispetto delle regole condominiali.

Ricordiamo che, con la riforma del condominio, l’amministratore ha un vero e proprio obbligo di attivarsi entro sei mesi per recuperare le rate condominiali non riscosse (pena la responsabilità personale di quest’ultimo).

Il decreto ingiuntivo notificato al condomino moroso è provvisoriamente esecutivo: ciò significa che, in teoria, si può già iscrivere una ipoteca sulla casa del debitore.

note

[1] Cass. sent. n. 9181 del 16.04.2013.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

8 Commenti

  1. Buongiorno,vorrei esprimere la mia veduta riquardo ai pignoramenti pernon aver corrisposto ai doveri condominiali, come ben sappiamo tutti la crisi che si sta vivendo nel nostro paese con moltaprobabilita al momento ci siano molte famiglie che non possono rispondere a tali doveri,voi che in qualche maniera rapresentate la legge ritenete giusto una dale legge, ?il pignoramento di un alloggio, o casa sincola che sia, dopo che una persona abbia fatto un sacrificio per 40anni si vede un igiunzione di pagamento per 1000 euri eperdere tutto ritenete una cosa molto demogratica? Io ritengo che pignorare una casa o alloggio sopratutto se e prima casa sia un ladrocinio delle nostre leggi.per congludere sono a favore se verra atuata la legge di non poter pignorare la prima casa.per i pagamenti duvuti verso il condominio in qualche maniera si troveranno delle soluzioni.

  2. Sig. Mario, in un certo senso sono d’accordo con lei, questa legge è dura…. ma le chiedo, a lei sembra giusto vivere in un condominio senza pagare i servizi di cui gode? E inoltre a lei sembra giusto che un amministratore non percepisce la propria parcella di lavoro perché nel condominio vive gente morosa?????

  3. IO SONO D’ACCORDO CON mARIO SE UNO NON HA I SOLDI NON LI HA ALTRIMENTI AMMAZZIAMOLI TUTTI SE NON SI AMMAZZANO DA SOLI LA SITUAZIONE E DIFFICILE E BISOGNA CERCAR EDI DARSI UNA MANO ESCLUDENDO NATURALMENTE I FURBI CHE CI SONO SEMPRE
    COMUNQUE VOLEVO CAPIRE UNA COSA SE QUALCUNO MI PUO RISPONDERE IL LIMITE DEI 20000 EURO PE RIL PèIGNORAMENTO IMMOBILIARE COM DA D.L. 16/2012 VALE ANCHE PER QUESTI CASI ? GRAZIE MAURIZIO

  4. e vi sembra giusto per 549 euro scadute il 1/9/13 inviare un sollecito da 130 euro per un ritardo da 1mese e 24 giorni, in un condominio con morosità elevate?. calcolando che il tetto stabilito per l’ingiunzione è di 800 euro????? per chi invece ha SEMPRE pagato?

  5. Grani sei proprio di vedute Corte in tutti i modi le rate condominiali anche se in affitto vanno pagate . allora consiglio un camper

  6. ….la crisi l’abbiamo ” addosso” tutti e in molti fanno sacrifici per pagare il condominio ..pero’ Sig. Mario ritiene corretto che il Condominio usufruendo di servizi ( luce, acqua, pulizie , rotazioni Sacchi etc) non debbano essere pagati?Il personale che effettua , per esempio. Le pulizie con rotazione Sacchi deve essere pagato mensilmente…si sentirebbe di non pagare quelle persone che hanno famiglia?Va bene la crisi , ma va bene anche un po’ di buona volontà da parte dei condomini in difficoltà….versando una quota ( …e comunque la restante quota dovrà essere pagata anche successivamente) ….La volontà e la dignità delle persone deve essere comunque apprezzata…..

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI