L’esperto | Articoli

Truffa e assicurazione: ultime sentenze

29 Luglio 2021
Truffa e assicurazione: ultime sentenze

Truffa alla compagnia di assicurazione; falsa residenza; falsificazione integrale della polizza; furto di autovettura.

Truffa all’assicurazione: querela

Una compagnia assicurativa, in quanto operatore professionale, è chiamata a compiere le dovute verifiche al fine di evitare di essere vittima di truffe durante la stipula dei contratti, inoltre la sufficienza di una semplice verifica alla motorizzazione civile per rilevare le discrepanze tra i dati personali dei soggetti risultano essere elementi non consentono di garantire il prolungamento dei termini per la presentazione della querela, la quale se presentata dopo i 3 mesi di cui all’art 124 c.p. risulta essere tardiva.

Tribunale Ferrara, 25/08/2020, n.620

Lesione del patrimonio delle compagnie assicuratrici

La fattispecie prevista dall’art. 642 c.p., costituendo un’ipotesi speciale di truffa e non un reato “proprio” attribuibile esclusivamente al contraente del rapporto assicurativo, può essere ravvisata in ogni azione fraudolenta diretta a ledere il patrimonio delle compagnie assicuratrici attraverso la manipolazione illecita del rapporto contrattuale, attuabile anche da soggetti estranei al sinallagma.

Corte appello Taranto, 28/10/2020, n.528

Contratto di assicurazione: falsificazione della documentazione

La falsificazione della documentazione necessaria alla stipulazione di un contratto di assicurazione, attuata mediante artifici e raggiri al fine di trarre in inganno l’agente assicurativo per ottenere una polizza assicurativa a nome di altra persona, è condotta integrante il reato di truffa e non il fraudolento danneggiamento di beni assicurati.

Tribunale Gorizia, 03/08/2020, n.166

Truffa all’assicurazione e firma falsa

La decorrenza del termine per poter proporre querela va valutata quando la vittima sia a conoscenza della notitia criminis in tutti gli elementi soggettivi ed oggettivi.

(Nel caso di specie, si trattava di una truffa all’assicurazione per aver inviato il soggetto un Cid con firma falsa dell’altro incidentato e la data è stata fatta decorrere non quando avvenne la seconda comunicazione dell’altro assicurato ma quando tutto l’incartamento venne ricevuto dal procuratore speciale della compagnia di assicurazione).

Corte appello L’Aquila, 28/05/2018, n.1275

Dichiarazione falsa residenza alla compagnia assicurativa

Il dichiarare una falsa residenza alla compagnia di assicurazione al fine di ottenere un premio assicurativo più basso integra il reato di truffa.

(Nel caso di specie si trattava di un agente assicuratore che dichiarava una falsa residenza dei contraenti anche attestata da documenti di circolazione delle auto alterati nella residenza).

Tribunale Nola sez. I, 12/04/2018, n.588

Pratiche fasulle

La condizione di un qualunque cliente non esperto che si affida ad un professionista che risulta, pacificamente e da qualche anno, svolgere attività di agente/broker per conto di una compagnia assicurativa, oltre ad essere sbilanciata sotto il profilo sia della forza contrattuale che informativo, è quella di fiducia nei confronti dell’intermediario nel senso che questi non si limiti a fare i meri interessi della compagnia, ma curi adeguatamente anche quelli del cliente finale.

Quindi, non si può richiedere al cliente un onere di attenzione che vada al di là del doveroso obbligo di controllo e rifiuto di accettazione di pratiche palesemente e macroscopicamente contrarie all’interesse della compagnia assicurativa ovvero fasulle e truffaldine.

(Nella specie, accertata la truffa a danno del cliente da parte del broker – mediante formazione fasulla di documentazione intestata all’Assicurazione – il tribunale ha affermato il diritto al risarcimento del cliente truffato ed ha accolto l’azione di regresso svolta dall’Assicurazione nei confronti dell’ex agente).

Tribunale Treviso, 07/01/2016

Contratto di assicurazione falso

Integra il reato di truffa ai danni dello Stato esibire un contratto di assicurazione falso al fine di ottenere la restituzione dell’autovettura in sequestro.

Tribunale S.Maria Capua V., 02/02/2015, n.47

Furto di autovettura e truffa alla compagnia di assicurazione 

Colui che simula il reato di furto di autovettura per commettere truffa ai danni di compagnia di assicurazione deve essere assolto dal reato predetto qualora, a fronte di un quadro indiziario grave preciso e concordante sulla sussistenza del fatto/reato, vi sia incertezza sull’identità del colpevole tra i due indiziati, uno imputato, il padre, e l’altro il figlio.

Tribunale Pavia, 20/11/2012, n.829

Falsificazione integrale della polizza e del contrassegno assicurativo

In tema di reato di frode in assicurazione, l’integrale falsificazione della polizza e del contrassegno assicurativo, siccome impedisce l’instaurazione del rapporto tra l’autore della condotta tipica e la compagnia di assicurazione, rende l’azione inidonea a ledere il bene protetto dalla norma incriminatrice, potendosi però configurare, in ordine a tale condotta, il delitto di falsità in scrittura privata e, qualora il fatto sia commesso dall’agente assicurativo, anche quello di truffa ai danni del cliente e della compagnia assicuratrice.

Cassazione penale sez. II, 16/05/2012, n.22906

Reato di truffa: configurabilità

Si configura il reato di truffa da parte di un soggetto che al fine di procurarsi un ingiusto profitto, ponendo in essere artifizi e raggiri, compia atti idonei, diretti in modo non equivoco ad ottenere il risarcimento danni da una assicurazione per sinistro già liquidato, in relazione al quale sia stata accertata la esclusiva responsabilità del soggetto stesso.

Tribunale Napoli sez. XI, 22/02/2012, n.1204



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube