HOME Articoli

Lo sai che? Condominio: no alla sospensione dei servizi comuni se sono noti i dati dei morosi

Lo sai che? Pubblicato il 19 aprile 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 19 aprile 2013

La sospensione dei servizi comuni, quali luce e acqua, non potrà essere attuata dai fornitori neanche in caso di morosità del condominio.

Alla luce della nuova normativa introdotta dalla legge di riforma del condominio [1], in vigore dal prossimo giugno 2013, i creditori non possono agire nei confronti dei condomini in regola con i pagamenti se non dopo l’escussione dei condomini morosi.

Ciò vuol dire che il recupero dei crediti nei confronti del condominio da parte dei fornitori deve necessariamente avvenire tramite la preliminare aggressione del patrimonio dei condomini morosi, il cui nominativo sarà indicato – direttamente ai creditori – dall’amministratore.

Il legislatore per la prima volta, dunque, ha introdotto nel nostro ordinamento giuridico un concetto già affermato dalla giurisprudenza [2], ossia che non esiste alcuna responsabilità solidale tra i condomini per i debiti condominiali.

Di conseguenza, ai condomini adempienti non potrà essere chiesto di anticipare denaro che vada a coprire le inadempienze dei condomini morosi, né potrà essere costituito a tal fine un fondo cassa , come già evidenziato nel seguente articolo sul tema specifico “Condominio: vietato il fondo cassa per supplire ai condomini morosi”.

I condomini in regola con i pagamenti, pertanto, potranno opporsi alla richiesta di anticipare somme per conto dei morosi, senza rischiare di vedere i propri beni intaccati dall’azione esecutiva dei creditori del condominio, né di vedersi sospeso il servizio comune (acqua e luce). Dovranno, inoltre, sollecitare l’amministratore a corrispondere al fornitore le quote condominiali già incassate a tal fine, in modo da realizzare un adempimento seppur parziale del debito condominiale.

A questo punto, i fornitori non potranno sospendere il proprio servizio: tale sospensione risulterebbe contraria alla buona fede e, dunque, illegittima [3], perché colpirebbe i condomini adempienti al pari dei condomini inadempienti, a differenza di quanto imposto dalla  legge.

Qualora ciò dovesse avvenire, il condomino adempiente potrà rivolgere istanza al Tribunale competente, anche in via d’urgenza, per ottenere l’immediata riattivazione della fornitura [4].

Il fornitore, invece, dovrà continuare a fornire il proprio servizio in favore del condominio, attivandosi per il recupero dei crediti esclusivamente nei confronti dei morosi, potendo rivolgere le proprie istanze nei confronti degli altri condomini soltanto successivamente, nella residuale ipotesi in cui non riuscisse a soddisfarsi interamente con le azioni esecutive esperibili nei confronti dei morosi [5].

Dall’altro lato, l’amministratore del condominio, anche al fine di ridurre i consumi dei servizi comuni, potrà sospendere il condomino moroso dalla fruizione dei servizi comuni suscettibili di godimento separato, qualora la morosità si sia protratta per un semestre [6].

Nella residuale ipotesi in cui, invece, i fornitori dovessero vantare ancora un credito nei confronti del condominio, anche a seguito dell’esecuzione preliminare esperita infruttuosamente nei confronti dei morosi, solo allora, in via eccezionale, il corrispettivo debito dovrà essere ripartito tra tutti i condomini, ivi compresi quelli in regola con i pagamenti.

In tale ipotesi, laddove si sia rilevato insufficiente il patrimonio dei morosi per l’integrale soddisfazione del credito dei fornitori, il contributo versato dagli altri condomini a copertura del debito residuo dovrà considerarsi a fondo perduto perché non potrà essere restituito agli stessi, né potrà essere considerato come anticipo sulle future spese.

note

 

[1] L. 11/12/2012 n. 220.

[2] Cass. Sez. Un. sent. n. 3672 del 29/04/1997.

[3] Art. 1460, c. 2, c.p.c..

[4] Tribunale di Bari ord. del 9/09/2004.

[5] Art. 63, c. 2, disp. att. c.c..

[6] Art. 63, c. 3, disp. att. c.c..

I condomini in regola con i pagamenti potranno essere chiamati a coprire le spese dei morosi solo dopo che i creditori abbiano tentato di rivalersi senza successo sul patrimonio degli stessi morosi, anche se trattasi di crediti di fornitori dei servizi comuni, i quali non possono sospendere il servizio.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. Salve, vorrei porvi un quesito su un problema che sta affliggendo i miei genitori.Da circa 5 mesi l’ente acquedotto ha sospeso l’erogazione dell’acqua per morosità nello stabile dove abitano , considerato la palazzina e composta da tre inquilini e non hanno mai avuto un’amministratore, e che la bolletta arrivata è intestata al proprietario dell’intero stabile toccherebbe a questi calcolare le quote da pagare per ogni inquilino? Tra l’altro i miei genitori sono ultraottantenni di cui uno invalido civile cosa posso fare?

    1. Questa è una risposta automatica.
      La ringraziamo per la Sua richiesta.

      L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi a un pagina qualsiasi del nostro portale https://www.laleggepertutti.it. In calce ad ogni articolo, o subito prima della prima parola, troverà un banner con scritto: “Richiedi una consulenza”. Quindi dovrà effettuare il pagamento attraverso Paypal. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.

      Si tratta di un’operazione molto semplice (euro 28.00 iva compresa o, per le consulenze telefoniche, 50 euro iva compresa) che ci consente così di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI