Diritto e Fisco | Articoli

Condanna penale per la madre che viola il diritto di visita e non dimostra il categorico rifiuto del minore

18 Aprile 2013
Condanna penale per la madre che viola il diritto di visita e non dimostra il categorico rifiuto del minore

Necessaria la prova con i testimoni per dimostrare il rifiuto del minore a vedere il papà.

La madre affidataria del minore che abbia violato il diritto di visita dell’altro genitore rischia una condanna penale, salvo dimostri in giudizio che l’incontro col papà è saltato per via di un categorico rifiuto del minore.

Tale rifiuto va provato concretamente davanti al giudice (eventualmente con testimoni); non bastano dunque generiche affermazioni del genitore. È quanto stabilito dalla Cassazione in una sentenza uscita ieri [1].

La sentenza stabilisce dunque un ferreo rigore nel diritto di visita di entrambi i genitori: diritto che non può essere eluso con semplici scuse, come quella – spesso ricorrente – dell’ostruzionismo del minore, se non adeguatamente supportata da prove testimoniali.


note

[1] Cass. sent. n. 17594 del 17.04.2013.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube