Diritto e Fisco | Articoli

Reddito di cittadinanza con autocertificazione

12 Aprile 2019
Reddito di cittadinanza con autocertificazione

Falla nei controlli: l’Inps non potrà controllare il rispetto dei requisiti di tutti i richiedenti.

L’enorme mole di domande presentate per il reddito di cittadinanza – circa 806mila domande già presentate, un terzo delle quali solo in Campania e Sicilia – ha già mostrato i primi problemi applicativi: una vera e propria “falla nei controlli”, come la chiama Il Sole 24 Ore oggi in edicola. In pratica, l’insufficienza di personale non consentirà di verificare il possesso di tutti i requisiti da parte dei richiedenti. Come risolvere il problema? Con il vecchio metodo dell’Isee (risultato poi fallimentare): l’autocertificazione.

Esatto: reddito di cittadinanza con autocertificazione. Poi i controlli verranno dopo. Si mira però a disincentivare atti fraudolenti con un rigido sistema di sanzioni di carattere penale particolarmente pesanti (si rischia il carcere da 2 a 6 anni).

«In prima battuta l’Inps controllerà solo le voci oggetto di convenzioni con l’Agenzia delle Entrate quali i requisiti patrimoniali e reddituali per come indicati nell’anagrafe tributaria (Isee, patrimonio mobiliare, immobiliare, reddito familiare del richiedente). 

Più problematica invece la verifica dei requisiti amministrativi, che sono «di competenza dei Comuni – ovvero lo stato di famiglia necessario per conoscere la composizione del nucleo familiare e la residenza – per i quali si procede in autocertificazione (in assenza dell’Anagrafe dei Comuni)» scrive Il Sole 24 Ore. Ed è proprio sulla residenza che si gioca la partita principale. Gli enti locali sono già partiti al controllo delle false residenze, la cui variazione, in questi ultimi mesi, ha subito una rapida accelerazione. Come mai tutti questi spostamenti?

«Sempre con l’autocertificazione viene attestato anche il possesso dei requisiti sui beni durevoli, ossia moto e auto – va verificata la cilindrata e l’anno di immatricolazione – in attesa della convenzione con l’Aci, e delle imbarcazioni da diporto».

L’Inps, dunque, in attesa delle convenzioni con tutte le amministrazioni, liquiderà per quest’anno il reddito di cittadinanza senza verificare il rispetto di alcuni requisiti che, appunto, saranno attestati in autocertificazione. 

È però previsto un controllo successivo all’erogazione del sussidio anche da parte della Guardia di Finanza. «Ma sarà un controllo campionario sulle voci non direttamente in possesso delle banche dati. Ciò espone l’erogazione anche di questo, come altri sussidi, al rischio di false dichiarazioni da parte dei “furbetti”» conclude il quotidiano economico.

 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube