Diritto e Fisco | Articoli

Auto con targa straniera, residenza in Italia e sequestro

11 Maggio 2019
Auto con targa straniera, residenza in Italia e sequestro

Mi hanno sequestrato l’auto con targa francese guidata da mia nuora, residente in Italia. Io proprietario dell’auto, non a bordo, risiedo in Francia. In una puntata di Striscia la Notizia, un ex comandante della Polizia Urbana di Roma, diceva che il sequestro non si può fare se il proprietario è residente all’estero. È così? 

L’art. 93, comma 1-bis, del codice della strada, così come introdotto dal d.l. n. 113/2018 (art. 29-bis), dice che «è vietato, a chi ha stabilito la residenza in Italia da oltre sessanta giorni, circolare con un veicolo immatricolato all’estero». Le uniche eccezioni a questo divieto sono elencate nel comma successivo, e riguardano: 

– i veicoli concessi in leasing o in locazione senza conducente da parte di un’impresa costituita in un altro Stato membro dell’Unione europea o dello Spazio economico europeo che non ha stabilito in Italia una sede secondaria o altra sede effettiva; 

– i veicoli concessi in comodato a un soggetto residente in Italia e legato da un rapporto di lavoro o di collaborazione con un’impresa costituita in un altro Stato membro dell’Unione europea o aderente allo Spazio economico europeo che non ha stabilito in Italia una sede secondaria od altra sede effettiva. 

Come si evince dalla norma sopra riportata, il divieto è purtroppo generalizzato a chiunque risiede in Italia da oltre due mesi, senza eccezioni (se non quelle successivamente elencate); probabilmente trattasi di un “effetto indesiderato” della lotta a chi, per non pagare il bollo, acquista l’auto in un altro Stato. Di conseguenza, si ritiene a parere dello scrivente che, dalle informazioni fornite dal lettore nel quesito, la sanzione sia legittima.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Mariano Acquaviva



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube