L’esperto | Articoli

Macchia d’olio sulla strada: ultime sentenze

19 Aprile 2019


Macchia d’olio sulla strada: ultime sentenze

> L’esperto Pubblicato il 19 Aprile 2019



Macchia d’olio sulla strada; onere della prova; responsabilità; sinistro stradale; perdita di controllo del veicolo; danni del conducente; segnalazione stradale; violazione degli obblighi di custodia.

Nel caso di una macchia d’olio sul manto stradale di recente formazione, la prova del caso fortuito grava sul Comune.

Macchia d’olio sull’asfalto: su chi grava la prova del caso fortuito?

La prova della presenza di una macchia d’olio sull’asfalto, di recente formazione, non è prevedibile e quindi non risulta evitabile da parte del Comune, in virtù della circostanza di essersi formata poco prima del sinistro.

In quanto prova di un fatto esterno al rapporto tra il custode e la cosa, e come tale in grado di costituire di per sé causa del danno, grava sullo stesso Comune-custode, il quale ha l’onere di allegare elementi, anche se semplicemente fonti di presunzioni, tali da consentire di affermare l’incidenza del caso fortuito nella causazione del sinistro.

Cassazione civile sez. III, 15/03/2019, n.7361

Danni da cose in custodia: è responsabile la PA?

Nella responsabilità per i danni cagionati da cose in custodia, di cui all’art. 2051 c.c., la pubblica amministrazione è liberata dalla responsabilità ove dimostri che l’evento sia stato determinato da cause estrinseche ed estemporanee create da terzi, non conoscibili né eliminabili con immediatezza, neppure con la più diligente attività di manutenzione, ovvero da una situazione (es. macchia d’olio presente sulla pavimentazione stradale) la quale imponga di qualificare come fortuito il fattore di pericolo, avendo esso esplicato la sua potenzialità offensiva prima che fosse ragionevolmente esigibile l’intervento riparatore dell’ente custode.

(Nella specie: è stata esclusa la responsabilità del Comune in un sinistro ove un’autovettura è sbandata mentre percorreva una strada statale ricoperta da fango e melma provenienti da uno stradello vicino, posto che la dinamica del sinistro si è accertato che la perdita di aderenza dei pneumatici della vettura è stata causata dalle condizioni verificatesi alcuni metri prima del punto di confluenza tra lo stradello e la statale; del resto visto che la sera dell’incidente erano in corso precipitazioni e il manto stradale era bagnato, con presenza anche di fango, per cui attese le avverse condizioni atmosferiche in corso e la notevole lunghezza della statale non era esigibile un intervento “illico et immediate” da parte dell’ente proprietario della strada per ripristinare le condizioni di sicurezza della stessa).

Tribunale Roma sez. XII, 15/03/2018, n.5640

Olio sull’asfalto e caduta del ciclomotore

Nel caso in cui la caduta da un ciclomotore sia stata cagionata non da un difetto strutturale della carreggiata ma dalla presenza sull’asfalto di olio proveniente da un cassonetto dei rifiuti, è esclusa la responsabilità dell’Ente gestore della strada qualora sia provato che l’Ente non avesse avuto conoscenza di tale situazione e che la macchia d’olio si fosse creata non molto tempo prima del sinistro, sì da escludersi che la situazione di pericolo fosse insorta in un tempo tale da consentire al Comune di averne conoscenza e di intervenire per rimuoverla.

Tribunale Campobasso, 22/08/2017, n.502

Gasolio sull’asfalto: è insidia stradale

La presenza su una strada destinata al traffico veicolare di una macchia di olio o gasolio, lasciata lì per un numero considerevole di ore, costituisce di per sé insidia stradale, in quanto caratterizzata dalla concorrenza dell’elemento obiettivo della non visibilità, e di quello soggettivo della non prevedibilità dell’evento, apparendo contrario all'”id quod plerumque accidit” che nella strada di un centro abitato possa esservi del materiale scivoloso.

Tribunale Bari sez. III, 25/09/2007, n.2179

Macchia d’olio sul manto stradale e sinistro

La fattispecie di uscita di strada causata dalla presenza di macchia d’olio sul manto stradale dovuta a precedente sinistro non deve essere inquadrata nell’ambito dell’art. 2054 c.c., ma, più correttamente, nell’ambito della figura generale della responsabilità extracontrattuale di cui all’art. 2043 c.c. Pertanto, deve essere esclusa la legittimazione passiva delle compagnie di assicurazione coinvolte nel precedente sinistro che coprono solo i danni derivati direttamente ed immediatamente dalla circolazione dei veicoli dei propri assicurati.

Giudice di pace Legnago, 27/07/2007, n.642

Olio sull’asfalto e perdita di controllo del mezzo: il Comune risponde dei danni?

Il Comune non risponde dei danni subiti da un motociclista che, a causa della presenza di una macchia d’olio sull’asfalto, ha perso il controllo del mezzo in quanto – non essendo stata fornita, ex art. 2043 c.c., la prova di una condotta colpevole del convenuto sia sotto il profilo della negligenza che sotto quello della condotta omissiva – l’evento dannoso deve ritenersi riconducibile al fatto di un terzo non identificato.

Né, al fine, può essere invocata a carico del Comune la violazione degli obblighi di custodia di cui all’art. 2051 c. c. in quanto si ritiene che l’uso indiscriminato della strada da parte di un numero cospicuo di utenti e la sua estensione abbiano impedito all’Amministrazione di esercitare un effettivo potere di controllo sul territorio di competenza.

Giudice di pace Monza, 03/05/2006

Macchia d’olio sulla strada urbana

Gli enti proprietari delle strade o i concessionari sono tenuti ad organizzarsi in modo adeguato con proprio personale o per mezzo di appaltatori tenendo conto dell’estensione della rete (comunque limitata e certa): le strade, infatti, sono opere dell’ingegno dell’uomo e dallo stesso controllabili, sia pure con impegno organizzativo e finanziario (a volte) non modesto.

La gravosità degli oneri connessi agli obblighi di custodia non comporta però impossibilità di custodia (fattispecie in cui un ciclomotorista era caduto a causa di una estesa macchia d’olio posta sulla carreggiata di una strada urbana).

Tribunale Roma, 16/02/2005

Macchia d’olio sull’asfalto non visibile e scarsa illuminazione pubblica

Sussistono gli elementi caratterizzanti l’insidia e/o il trabocchetto, nel caso di una macchia d’olio presente sul manto stradale, non segnalata, nè, tantomeno, prevedibile, in quanto in una delle vie più importanti della città tutto poteva prevedersi e trovarsi, ad eccezione di olio sulla corsia di marcia.

(Nella specie, il giudicante ha riconosciuto interamente responsabile il Comune – proprietario della strada – per l’incidente occorso ad un motociclista che, mentre percorreva a velocità moderata a bordo del proprio motociclo una centralissima via del centro cittadino, perdeva l’equilibrio scivolando su una macchia d’olio presente sul manto stradale, non segnalata e non visibile a causa della scarsissima illuminazione pubblica e per il colore simile a quello dell’asfalto).

Giudice di pace Messina, 20/10/2004

Macchia d’olio sull’asfalto: imprevedibilità del pericolo occulto

L’utente della strada che lamenti un danno dovuto ad una insidia, nella specie la presenza di una macchia di olio sull’asfalto, non ha l’onere aggiuntivo di provare, oltre ai caratteri dell’invisibilità ed imprevedibilità propri del pericolo occulto, che tale insidia era presente da un ragionevole lasso temporale, giacché trattasi di prova diabolica che avrebbe come effetto di rendere irrisarcibile il danno ed inapplicabile il precetto di cui all’art. 2043 c.c.

Tribunale Roma, 10/11/2003

Macchia d’olio sulla strada: cosa deve provare il danneggiato?

Nel caso di danni causati dalla presenza di una macchia d’olio sul manto stradale (fattispecie cui è inapplicabile il disposto dell’art. 2051 c.c.), il danneggiato ha l’onere di provare non solo l’esistenza dell’insidia, ma anche la colpa dell’ente proprietario della strada, la quale sussiste in tutti i casi in cui tra l’insorgere dell’insidia ed il sinistro sia inutilmente trascorso quel lasso di tempo ragionevolmente necessario per rimuovere o segnalare il pericolo.

Tribunale Roma, 23/03/2000

Macchia d’olio sulla strada e segnalazione

Il conducente di un veicolo a motore, il quale perda olio che si riversi sul manto stradale, non può limitarsi a cospargere di segatura la macchia di olio ed allontanarsi, ma deve adottare tutte le precauzioni (prime fra tutte, la segnalazione del pericolo mediante il “triangolo”) per evitare rischi agli altri utenti della strada (nella specie, il tribunale ha ritenuto responsabile esclusivo dei danni subiti da un motociclista, scivolato su una macchia d’olio, il conducente del camion dal quale era fuoriuscito il liquido).

Tribunale Roma, 20/12/1999

note

Autore immagine: macchia olio strada di dominique landau


scarica un contratto gratuito
Creato da avvocati specializzati e personalizzato per te

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA