Diritto e Fisco | Articoli

Vita matrimoniale insopportabile: posso chiedere la separazione?

16 Aprile 2019
Vita matrimoniale insopportabile: posso chiedere la separazione?

Chi non è tagliato per la vita di coppia e per la routine matrimoniale è considerato responsabile per il divorzio?

Se la vita di coppia e la routine matrimoniale ti logorano, chiedere la separazione può costarti la perdita del diritto al mantenimento. Perché? Perché, secondo la Cassazione, è meglio dire di non essere più innamorati che di odiare la vita matrimoniale. La questione è sottile, ma non incomprensibile. Potrebbe addirittura sembrare di lana caprina, un ragionamento per soli avvocati. Non è così, ma per spiegare come stanno le cose bisogna partire dal principio. Lo faremo qui di seguito: chiariremo cioè perché è rischioso dire al giudice di non essere tagliati per il matrimonio, per le rinunce e per i compromessi che esso comporta. Ci riferiremo alle stesse parole della Cassazione che, a più riprese [1], ha spiegato quali sono i motivi per cui richiedere la separazione e il divorzio senza andare incontro a responsabilità.

Dunque, se anche tu, almeno una volta nella vita, ti sei chiesto se in caso di vita matrimoniale insopportabile posso chiedere la separazione, ecco le spiegazioni e i suggerimenti pratici che fanno al caso tuo.

Motivi per chiedere la separazione

La legge genericamente dice che la separazione – e, di conseguenza, anche il successivo divorzio – può essere richiesta quando la convivenza diventa intollerabile. Non viene specificato, però, quali debbano essere i motivi dell’intollerabilità. Si può trattare, quindi, di qualsiasi causa: un allontanamento dalla casa coniugale, l’infedeltà, l’assenza di rapporti (anche sessuali), il disinteresse reciproco, l’assenza di comprensione e di supporto morale e materiale, i litigi o il semplice disaccordo sulla vita matrimoniale. Anche il disinnamoramento può essere considerato una valida ragione per chiedere la separazione.

I coniugi non devono necessariamente dimostrare che la convivenza è divenuta intollerabile: il semplice fatto che uno dei due si sia rivolto al giudice per chiedere la separazione è motivo più che sufficiente per ritenere che sia venuta meno, almeno da una parte, la volontà di restare unita all’altra. E siccome nessuna norma obbliga le persone a rimanere sposate se non lo vogliono, si può richiedere la separazione anche se l’altro coniuge è contrario e vorrebbe proseguire il matrimonio.

Chiaro è che se i motivi dell’intollerabilità della convivenza risiedono nel comportamento colpevole dell’altro coniuge e di ciò si riesce a dare prova nel processo, quest’ultimo verrà ritenuto responsabile per la fine dell’unione matrimoniale e subirà il cosiddetto addebito. Conseguenza di tale situazione è la perdita del diritto al mantenimento e della possibilità di essere erede dell’altro coniuge (qualora questi muoia prima del divorzio).

Sintetizzando, possiamo così schematizzare la questione appena trattata:

  • ciascun coniuge può fare ricorso al tribunale e chiedere la separazione: basta semplicemente affermare che la convivenza è divenuta intollerabile;
  • se si vuol chiedere l’addebito – ossia la dichiarazione di responsabilità – a carico dell’altro coniuge per le sue condotte colpevoli e contrarie al matrimonio, è necessario dimostrare di quale comportamento illecito questi si è macchiato (ad esempio le violenze o l’infedeltà);
  • anche un solo coniuge può chiedere la separazione senza bisogno che ci sia anche il consenso dell’altro. In tal caso si procede con una separazione giudiziale e non consensuale.

Doveri del matrimonio

Per quanto il matrimonio dovrebbe essere un piacere – diversamente nessuno lo sceglierebbe – implica anche dei doveri, non solo morali ma anche giuridici. La violazione di alcune regole dettate dal Codice civile comporta una responsabilità; tale responsabilità – salvo si tratti di condotte che integrano un reato (violenze, minacce, abbandono in stato di necessità, ecc.) – non danno diritto ad ottenere un risarcimento.

Le uniche sanzioni per chi viene dichiarato responsabile per la violazione dei doveri matrimoniali sono:

  • l’impossibilità di chiedere l’assegno di mantenimento;
  • l’impossibilità di vantare diritti ereditari sull’ex coniuge qualora questi muoia prima del divorzio (dopo il divorzio, tali diritti si perdono comunque e sempre).

Il coniuge che subisce l’addebito della separazione – ossia viene ritenuto responsabile per la fine dell’unione – subisce appunto tali conseguenze e null’altro.

Quali sono i doveri del matrimonio?

In linea generale, i doveri del matrimonio sono:

  • la convivenza: è responsabile chi va via con l’intenzione di non tornare più a casa (in questo senso, non è responsabile chi si prende una pausa di qualche giorno o chi va a vivere altrove solo a seguito di una lite, ma con l’intenzione di fare al più presto ritorno). Chiaramente è giustificato chi va via per tutelare la propria incolumità fisica dalle condotte violente o minacciose dell’altro;
  • la fedeltà: la responsabilità scatta solo se l’adulterio è causa e non conseguenza della fine del matrimonio. La donna picchiata dal marito può tradirlo in quanto ormai l’unione è stata intaccata da un altro motivo;
  • l’assistenza morale e materiale: tra i coniugi non c’è solo l’obbligo di prendersi cura l’uno dell’altro, in salute e malattia, prestando la rispettiva assistenza, ma anche quello di contribuire ai bisogni materiali altrui quando questi non ha le disponibilità economiche per provvedervi. Pertanto, il marito che ha accettato il ruolo di casalinga della moglie, deve comunque darle il denaro necessario per le sue esigenze. In questo obbligo rientra anche il dovere di avere rapporti sessuali.

Vita di coppia insopportabile: separazione e addebito

Il matrimonio implica quindi l’accettare tutte le condizioni che la vita di coppia comporta, quindi i sacrifici e le rinunce ad esso collegate, sia da un punto di vista giuridico che morale.

Non ci si può, ad esempio, sposare con la riserva di voler passare tutta la giornata fuori di casa con i propri amici o di spendere tutti i propri guadagni per sé stessi.

Non si può salire sull’altare e poi dire di non essere tagliati per il matrimonio. Il rifiuto dei doveri coniugali, espresso anche implicitamente con l’affermazione di una propria incompatibilità con la routine matrimoniale costituisce motivo di addebito perché è proprio l’esatta affermazione del mancato rispetto dei doveri coniugali.  

Quindi, tanto per rimanere nel campo degli esempi, la moglie che dice che la vita matrimoniale non è fatta per lei e di essersi accorta, solo in un momento successivo, di preferire la condizione di single, di essersi stancata della solita vita con il marito, di non sentirsi più coinvolta, non può poi chiedere l’assegno di mantenimento.

Questi concetti sono stati magistralmente sintetizzati dalla Corte di Appello di Catania in una sentenza un po’ datata, ma sempre attuale [2]: «se deriva da insofferenza verso la routine matrimoniale ed i sacrifici e le rinunce reciproche al vincolo nuziale collegati, e non sussiste causa giustificativa in qualche modo provocata dalla condotta riprovevole del coniuge, il rifiuto di proseguire la convivenza costituisce comportamento contrario ai doveri derivanti dal matrimonio e addebitabile come causa della crisi coniugale».

Diverso è il caso di chi dice che non è più innamorato poiché al cuor non si comanda, né in un senso, né nell’altro. E allora se finisce l’amore è un conto; se si tratta di capricci e di egoismo, o semplicemente del fatto di non aver meditato per bene prima di sposarsi su ciò a cui si andava incontro, è tutto un altro conto.


note

[1] Cass. n. 5593 del 16.09.1983; Cass. n. 4639 del 6.09.1985; Cass. n. 5948 del 29.11.1985; Cass.  n. 67 del 10.01.1986; Trib. Monza del 16.04.1986.

[2] C. App. Catania 29 maggio 1984, ibidem, 1984, 969.

Autore immagine: donna davanti allo specchio con doppia personalità Di Photographee.eu

Cassazione civile , sez. I , 16/09/1983 , n. 5593

L’art. 151 c.c. consente, in presenza dell’irreversibile frattura familiare e dell’intollerabilità della convivenza dei coniugi, la pronunzia di separazione senza addebito quando non sia stata raggiunta la prova che uno dei coniugi od entrambi abbiano tenuto un comportamento volontariamente e consapevolmente contrario ai doveri nascenti dal matrimonio ovvero che tale condotta, con la sua gravità, abbia determinato o contribuito a determinare la situazione di intollerabilità della ulteriore convivenza.

Cassazione civile sez. I, 06/09/1985, n.4639

Le cause di addebitabilità della separazione vanno ricercate in comportamenti volontari e consapevoli, contrari ai doveri nascenti dal matrimonio (nella specie, è stato ritenuto che l’involontario sopraggiungere di uno stato di malattia non giustifica l’assunzione, da parte dell’altro coniuge, di atteggiamenti volontari e coscienti, contrastanti con i predetti doveri di solidarietà e di assistenza).

La pronuncia di addebitabilità della separazione personale dei coniugi, a norma dell’art. 151 comma 2 c.c., postula che la situazione d’intollerabilità della prosecuzione della convivenza, o di grave pregiudizio per la prole, giustificativa della separazione stessa, sia imputabile a comportamenti coscienti e volontari. Pertanto, in relazione alla frattura fra i coniugi, che derivi dalla astenia sessuale dell’uomo, a causa di malattia, e da intolleranze e recriminazioni dell’altro, in reazione a tale disfunzione, assume rilevanza, al fine indicato, il secondo dei predetti comportamenti, in quanto, a differenza del primo, implica una volontaria inosservanza degli obblighi di assistenza e comprensione verso l’altro coniuge.

Cassazione civile sez. I, 29/11/1985, n.5948

Ove sia accertata l’incompatibilità di carattere tra coniugi tale da determinare l’intollerabilità della convivenza, il comportamento successivo del coniuge, posteriore all’emanazione dei provvedimenti presidenziali ex art. 708 c.p.c. in violazione di precise norme imperative di condotta non perde di rilevanza ai fini della pronuncia di addebitabilità della separazione, quando quel comportamento abbia concorso al deterioramento del rapporto di convivenza coniugale rendendo ancor più irreversibile la temporanea rottura.

L’accertamento del verificarsi di una situazione d’intollerabilità della convivenza, a causa d’incompatibilità di carattere fra coniugi, non rende di per sè irrilevante, al fine della pronuncia di addebitabilità della separazione, ogni successiva violazione da parte di uno dei coniugi dei doveri derivanti dal matrimonio, occorrendo in proposito riscontrare se tale posteriore comportamento costituisca o meno causa concorrente del deterioramento del rapporto coniugale, e quindi della pronuncia di separazione. In presenza di questo requisito, pertanto, l’addebito della separazione a carico di un coniuge può conseguire anche dall’abbandono dell’altro coniuge e della prole commesso dopo l’instaurarsi della suddetta situazione di rottura per incompatibilità di carattere, tenendo conto che la violazione del dovere di collaborazione ed assistenza materiale e morale (non consentita dalla mera proposizione della domanda di separazione, nè dall’autorizzazione presidenziale a vivere temporaneamente separati) può ritenersi giustificata solo quando configuri proporzionata reazione a gravi fatti posti in essere dall’altro coniuge, e sempreché non superi quella soglia minima di solidarietà necessaria a non mettere l’altro coniuge ed i figli in situazione di pericolo per le loro essenziali esigenze di vita.

Cassazione civile sez. I, 10/01/1986, n.67

L’art. 151 c.c. – nel testo risultante dalla modifica apportata alla norma con l’art. 33 della l. 19 maggio 1975 n. 151 – pur svincolando la pronuncia della separazione giudiziale dalle situazioni tipiche previste nel precedente testo dell’art. 151 – non ha inteso configurarla come una automatica conseguenza di qualsiasi ragione di contrasto nell’ambito del rapporto di coniugio, in quanto, anche nel nuovo sistema, l’istituto conserva, sia pure in una sfera di situazioni e di valutazioni più ampia rispetto a quella consentita nel regime anteriore, il carattere di rimedio ad uno stato di fatto di particolare gravità, nel senso di rendere intollerabile la convivenza, da qualunque causa dipendente. Di modo che non è sufficiente, ai fini della detta pronuncia, un mero atteggiamento soggettivo di rifiuto della convivenza, occorrendo anche che esso si rifletta in circostanze che rendano oggettivamente apprezzabile (e quindi giudizialmente controllabile) la situazione di intollerabilità nella sua essenza e nella sua dinamica causale.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube