Diritto e Fisco | Articoli

Come si legge la bolletta gas

19 Aprile 2019 | Autore:
Come si legge la bolletta gas

Quali sono le voci della bolletta del gas? Quali sono le spese principali? Come analizzare una fattura del gas? Quali sono i costi fissi e quali i variabili?

Cos’è che ci accomuna tutti? L’identità culturale? La religione? La nazionalità? Sbagliato: le bollette. Non esiste cittadino che non sia chiamato, ogni mese oppure bimestralmente, ad aprire il portafogli per pagare le società che erogano le forniture più comuni. Tra le bollette che, immancabili, vengono recapitate con impressionante puntualità sono quelle del gas: in esse troviamo il fatturato che dobbiamo versare per il servizio che la compagnia da noi scelta ci offre. Ti sei mai chiesto come si legge la bolletta del gas? È importante, soprattutto in tempo di crisi, di aumento dell’iva e di tutela dei consumatori, sapere cosa si paga quando il portalettere ci consegna la fattura: spesso può accadere che la società abbia commesso degli errori e che, pertanto, ci venga chiesto il pagamento di un importo superiore a quello realmente dovuto. Se questo argomento ti interessa, prosegui nella lettura: capiremo insieme come si legge la bolletta gas.

Voci bolletta gas: quali sono?

Leggere una bolletta del gas non è impresa impossibile, considerando che la struttura è la medesima per ogni gestore. In altre parole, è indifferente la società che ti fornisce il servizio: la bolletta del gas presenta sempre gli stessi aspetti.

Tralasciando i dati che si riferiscono al cliente (codice personale, punto di consegna, punto di riconsegna, ecc.), ciò che interessa al consumatore sono le voci inerenti ai costi. Perciò, troverai nella fattura (cartacea o telematica, se hai scelto l’invio online) le seguenti diciture:

  • spesa per la materia gas naturale;
  • spesa per il trasporto e la gestione del contatore;
  • spesa per gli oneri di sistema;
  • imposte.

Analizziamole separatamente.

Spesa per la materia gas naturale: cos’è?

La prima voce che troviamo nella bolletta del gas è probabilmente la più importante: la spesa per la materia gas naturale comprende il costo del gas effettivamente consumato. Si tratta della principale voce di spesa nella bolletta del gas, quella che influisce per circa il 40% del totale da pagare. Essa rientra tra i costi variabili, che dipendono cioè dal consumo.

Nelle spese per la materia gas naturale rientrano i seguenti importi:

  • materia prima gas in quota energia, che corrisponde al costo previsto per l’acquisto del gas rivenduto ai clienti;
  • oneri aggiuntivi in quota energia, che sarebbero i costi di carattere generale (es. servizio di rigassificazione, sviluppo stoccaggi, contenimento dei consumi di gas, ecc.);
  • commercializzazione al dettaglio in quota fissa e quota energia, per le attività di vendita al dettaglio (gestione commerciale, servizi al cliente, ecc.).

Spesa per il trasporto e la gestione del contatore

La seconda voce in cui ci imbattiamo se intendiamo leggere la bolletta del gas è la spesa per il trasporto e la gestione del contatore, la quale si riferisce al trasporto, allo stoccaggio, alla distribuzione del gas e alla gestione del contatore.

Gli importi ricompresi in questa componente (la quale, un tempo, andava sotto la denominazione di servizi di rete) serve a coprire le spese di trasporto del gas attraverso i gasdotti fino alle abitazioni, lo stoccaggio dello stesso e la gestione del contatore domestico.

La tariffa applicata alle spese per il trasporto e la gestione del contatore viene stabilita annualmente dall’Autorità per tutti gli operatori e tiene conto dell’inflazione, degli investimenti realizzati e degli obiettivi di recupero di efficienza.

Questo significa che il costo di questi servizi non cambia da un gestore all’altro: non c’è differenza tra il regime di maggior tutela e quello del mercato libero, in quanto la concorrenza gioca la sua partita sui costi variabili rappresentati dalla spesa per la materia del gas naturale.

Spesa per gli oneri di sistema: cos’è?

Dopo la spesa per la materia gas naturale e quella per il trasporto e la gestione del contatore c’è la spesa per gli oneri di sistema: essa copre i costi relativi ad attività di interesse generale per il sistema gas e viene pagata da tutti i clienti finali del servizio gas.

Anche la spesa per gli oneri di sistema è stabilità dall’Autorità garante e, pertanto, non varia a seconda del gestore cui deciderai di affidarti. In questa voce rientrano, tra gli altri, i costi di interventi per il risparmio energetico e lo sviluppo di fonti rinnovabili, nonché quelli di commercializzazione della vendita del gas al dettaglio.

Le imposte nella bolletta del gas

Infine, se leggi la bolletta del gas troverai senz’altro le imposte; questa sezione comprende:

  • l’imposta di consumo (accisa), che è diversa per il nord e per il sud Italia e si divide in quattro scaglioni di consumo misurati in Standard metro cubo (Smc);
  • l’addizionale regionale;
  • l’imposta sul valore aggiunto (Iva), applicata a tutte le voci della bolletta e che è pari, per gli usi civili, al dieci per cento per i primi 480 metri cubi (mc) consumati, al 22% su tutti gli altri consumi e sulle quote fisse; per gli usi industriali è al 22%.

Le imposte rappresentano circa il 35 % del totale di una bolletta del gas riferita ad un’utenza domestica ordinaria.

Bolletta gas: cosa sono i conguagli?

Quando si legge la bolletta del gas è importante verificare se essa faccia riferimento a consumi effettivi o solamente stimati: in questo ultimo caso, nella successiva fatturazione è possibile che vi siano conguagli volti ad allineare i consumi presunti a quelli reali. Per approfondire l’argomento sui conguagli e sulla relativa prescrizione, ti consiglio di leggere l’articolo sul conguaglio gas.


note

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

4 Commenti

  1. grazie, molto interessante..a quando qualcosa di simile per le bollette della luce? io non ne capisco molto ma sono abbastanza sicuro che ci freghino. io ho provato di tutto…tra enel e hera che mandavano sempre fatture gonfiate, acea e a2a che hanno anche un pessimo servizio clienti. io sono con edison e anche l’assistenza clienti è ottima!

  2. purtroppo anche nelle bollette della luce sono presenti tantissime voci nascoste che fanno alzare poi i prezzi da pagare… ci sarà prima o poi la speranza che questo cambi? le persone fanno i salti mortali per pagare le bollette e ci sono fornitori che se ne fregano completamente: tipo acea che è la più cara di tutte, a2a che ti cambia le tariffe neanche avvisando, iren che manda fatture sbagliate o hera che neanche le manda le fatture. io con edison sono tranquillo e anche l’assistenza è sempre disponibile per ogni dubbio.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube