HOME Articoli

Lo sai che? Multe stradali: attenti alle illegittime maggiorazioni nella cartella esattoriale

Lo sai che? Pubblicato il 23 aprile 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 23 aprile 2013

Cartelle esattoriali nulle se calcolano le sanzioni del 10% per il ritardo.

In caso di ritardato pagamento di una contravvenzione, con la notifica della cartella esattoriale, bisogna fare molta attenzione ai dettagli degli importi ivi richiesti. Infatti, con una sentenza (anche se piuttosto datata) della Cassazione [1], è stato stabilito che, nel caso di ritardato pagamento di multe stradali, non possono essere addebitate sul cittadino le maggiorazioni di un decimo per ogni semestre (dovute invece per gli altri tipi di sanzioni amministrative [2]).

Dunque, in caso di ritardo nel pagamento della sanzione irrogata all’automobilista con l’ordinanza-ingiunzione, si può iscrivere a ruolo solo la metà del massimo edittale della sanzione medesima, e non anche gli aumenti semestrali del 10%. Tali eventuali maggiorazioni, se calcolate, rendono nulla l’intera cartella esattoriale. Per il testo integrale della sentenza, confronta in nota [3].

note

[1] Cass. sent. n. 3701 del 16.02.2007.

[2] Previste, a decorrere dal semestre in cui la sanzione è divenuta esigibile e fino a quello in cui il ruolo è trasmesso all’esattore, dall’art. 27 della L. 689/81.

[3] Cassazione civile, Sez. II, 16 febbraio 2007 n. 3701

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

FATTO

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

L’Ufficio Territoriale del Governo di Benevento ha impugnato, nei confronti di A.M.G., con ricorso notificato il 27.10.04, la sentenza del Giudice di Pace di Benevento, che aveva dichiarato la nullità dell’opposta cartella esattoriale, inerente al pagamento della somma di Euro 852,78 per violazione dell’art. 116 C.d.S., comma 2, ritenendo illegittima, ai sensi della L. n. 689 del 1981, art. 27, la maggiorazione per interessi operata sulla somma stabilita dalla legge.

Lamenta la violazione e falsa applicazione L. n. 689 del 1981, art. 27, atteso che, contrariamente all’assunto del G.d.P., proprio detto articolo prevede espressamente l’effettuata maggiorazione, in caso di ritardo nel pagamento delle somme dovute a titolo di sanzione.

A.M.G. resiste.

Il P.G. ha chiesto la trattazione del ricorso in Camera di Consiglio.

DIRITTO

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il ricorso è manifestamente infondato.

Infatti alle sanzioni, come nella specie stradali, si applica l’art. 203 C.d.S., comma 3, che, in deroga alla L. n. 689 del 1981, art. 27, in caso di ritardo nel pagamento della sanzione irrogata nell’ordinanza – ingiunzione, prevede, l’iscrizione a ruolo della sola metà del massimo edittale e non anche degli aumenti semestrali del 10%. Aumenti, pertanto, correttamente ritenuti non applicabili dal G.d.P., peraltro con motivazione errata, che va quindi corretta in conformità all’enunciato principio. Al rigetto del ricorso, segue la condanna alle spese.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna l’Ufficio Territoriale Governo di Benevento alle spese in Euro 500,00 di cui Euro 400,00 per onorari.

Così deciso in Roma, il 24 ottobre 2006.

Depositato in Cancelleria il 16 febbraio 2007

Prima di pagare la cartella esattoriale relativa alla sanzione per violazione del codice stradale, bisogna fare molta attenzione al dettaglio delle somme richieste dall’agente della riscossione, onde verificare che non vengano anche addebitate le maggiorazioni semestrali del 10%, che invece non sono dovute.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. Salve, io ho ottenuto l’annullamento di una cartella equitalia esattamente per i motivi descritti in questo articolo. Il giudice però, nelle conclusioni si è preso anche la briga di ricalcolare l’esatto importo per farmi pagare la cifra esatta. Domando: quando si chiede al giudice di annullare una cartella Egli, oltre al diritto di poter concedere o negare, offre anche il servizio del ricalcolo affinchè equitalia (la controparte ocntro cui ho ricorso) non avesse il disturbo di intentare daccapo altro procedimento? HO POSTATO LO STESSO QUESITO IN ALTRA PARTE, me ne scuso, dopo averlo fatto ho trovato questo articolo piu attinente. Grazie

    1. Questa è una risposta automatica.
      La ringraziamo per la Sua richiesta.
      L’enorme numero di consulenze che riceviamo quotidianamente ci ha obbligato ad attivare uno servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, in modo professionale e, soprattutto, in tempi certi.
      E’ possibile acquistare il “ticket” online cliccando sul banner “Richiedi una consulenza” posto ad inizio e fine di ogni articolo. Quindi il sistema seguirà l’utente in una procedura di pagamento sicuro e facile, attraverso carta di credito. Per maggiori informazioni ci telefoni o chieda l’IBAN dello Studio Associato.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI