Lifestyle | Articoli

Qual è il miglior periodo per andare in Cina

17 Maggio 2019
Qual è il miglior periodo per andare in Cina

Quando visitare la Cina: consigli utili per un viaggio nella terra del Dragone.

Hai pensato di fare un viaggio ma non sai esattamente dove andare? Se hai voglia di assaporare paesaggi incantevoli, la Cina è la meta giusta per te. Un mosaico di colori e sapori che non smette mai stupire. Dal deserto del Xinjiang alle metropoli come Pechino, per poi attraversare le foreste tropicali. Se ti stai chiedendo qual è il miglior periodo per andare in Cina, sappi che dipende dalle zone che intendi visitare, dal clima che preferisci e dal budget che hai a disposizione.  Sei curioso di scoprire questa terra? Allora ecco tutte le informazioni utili sul clima, sulle festività e su tanto altro.

Tutela del viaggiatore

Prima di fare le valigie e partire per la meta prescelta, devi sapere che la legge tutela i viaggiatori che usufruiscono di pacchetti vacanza tramite agenzia o internet.

Le agenzie, i tour operator, i siti e le piattaforme di viaggi online hanno infatti l’obbligo di illustrare correttamente e in modo chiaro i diritti e doveri del viaggiatore prima della stipula del contratto. Come? Attraverso un modulo informativo standard. Le informazioni saranno vincolanti e formeranno una parte integrante del pacchetto turistico, senza alcuna possibilità di essere modificate salvo accordo tra le parti.

Inoltre, il viaggiatore che non può più partire ha comunque diritto al rimborso integrale di quanto pagato se nel luogo di destinazione si sono verificate circostanze straordinarie come guerre, disastri naturali, attacchi terroristici che hanno un’incidenza sostanziale sul viaggio.

Se sei incappato in un pacchetto turistico-truffa, sappi che hai tre anni di tempo dal termine del viaggio per chiedere l’indennizzo al tour operator.

Documenti e visti

Se vuoi andare in Cina, prima della partenza dovrai munirti del visto d’ingresso. Per ottenerlo devi essere in possesso del passaporto con validità residua di almeno sei mesi e con 2/3 pagine libere consecutive al suo interno.

Inoltre dovrai fornire la prenotazione del biglietto aereo (andata e ritorno) o la prenotazione alberghiera in Cina. Sarai ospite presso la casa di amici o parenti residenti in Cina? In tal caso occorre anche una lettera di invito che al suo interno contenga tutte le informazioni inerenti la tua persona, i dettagli del viaggio e i dati dell’ospitante.

Attenzione: il visto scade e non si entra in Cina entro 90 giorni (o 180 giorni, in alcuni casi) dalla data di rilascio.

Puoi richiedere il visto:

  • al Consolato Cinese di Firenze, se sei residente in Toscana, Umbria, Marche o Liguria;
  • al Chinese Visa Application Service Center (CVASC) di Milano, se sei residente in Lombardia, Piemonte, Veneto, Emilia-Romagna, alle d’Aosta, Trentino Alto Adige o Friuli Venezia Giulia;
  • al CVASC di Roma, se residente in una delle Regioni rimanenti.

Il visto non è richiesto nei seguenti casi:

  • se transiti in Cina per un periodo inferiore alle 72 ore;
  • se visiti Hong Kong per turismo, studio e affari inferiore a 90 giorni;
  • se fai un viaggio sull’isola di Hainan per un periodo fino a 30 giorni (il viaggio deve essere organizzato esclusivamente dalle agenzie di Hainan);
  • per un viaggio a Macao per soggiorni turistici inferiori a 90 giorni;
  • per un viaggio a Shenzhen via Hong Kong per un soggiorno inferiore ai 5 giorni o a Zhuhai via Macao per meno di 3 giorni.

Assicurazione sanitaria

Prima di partire per la Cina è buona norma stipulare un’assicurazione sanitaria che copra le spese mediche (visite, esami, ricovero, operazioni chirurgiche, ecc.), le medicine, il trasporto di emergenza e il rimpatrio. Devi sapere infatti che solo all’interno dell’Unione Europea sei coperto dal ministero della Salute italiana (tramite il tesserino sanitario che abbiamo tutti).

In Cina esistono due tipologie di ospedali:

  • pubblici: nessuno parla inglese, dovrai fare la fila per ore e le condizioni igieniche sono spesso scadenti;
  • internazionali: il personale parla inglese, il servizio è più veloce e le condizioni igieniche migliori.

Ti consiglio di stipulare un’assicurazione sanitaria e salvare il numero di emergenza della tua assicurazione e il numero di polizza nella rubrica del tuo cellulare sotto il nome “ICE health insurance” dove ICE vuol dire “In Case of Emergency” (In Caso di Emergenza).

La sicurezza in Cina

La Cina è un Paese tendenzialmente sicuro dove puoi viaggiare anche in solitaria. Come nel resto del mondo, devi stare particolarmente attento ai furti. Dal punto di vista del rischio ambientale, in alcune metropoli la concentrazione di polveri sottili è molto alta. Inoltre se intendi partire per la Cina Meridionale tra giugno e novembre probabilmente ti imbatterai in uragani, cicloni o tifoni (particolarmente frequenti in quelle zone). Infine, si consiglia di evitare di attraversare i confini tra la Cina e l’Afghanistan, la Birmania, il Pakistan, il Kazakistan, il Kirghizistan e il Tajikistan.

Dove si trova la Cina?

La Cina si trova nella zona orientale dell’Asia, lungo il confine occidentale dell’oceano Pacifico. È il terzo paese per estensione al mondo (9,6 milioni di kmq) ed è in gran parte montuoso. Lungo i suoi confini occidentali si trovano le cime più alte del pianeta.

Il suo nome ufficiale è “Zhonghua Remmin Gongheguo”e significa “Repubblica Popolare Cinese”. Sai che la Cina comprende più di 3.400 isole? La più importante è Hainan Doo e si trova nel Mar Cinese Meridionale.

Clima e temperature

Il clima in Cina varia da zona a zona ed è caratterizzato da lunghi inverni e torridi estati.

Il mese di ottobre, ad esempio, regala un clima mite e piacevole in quasi tutto il paese, con temperature che oscillano tra i 10°C e i 23°C e con precipitazioni scarse.

Da giugno ad agosto, invece, troviamo caldo intenso e afa, con temperature che superano abbondantemente i 30°C ed un elevata umidità. Un po’ di tregua dal caldo è data dalle frequenti piogge.  La gelida morsa dell’inverno attraversa il nord della Cina da novembre a febbraio: le temperature scendono infatti ben al di sotto dello zero.

Nel sud-est le condizioni climatiche sono migliori nella maggior parte dell’anno, grazie a un clima subtropicale che fa alzare la temperatura e l’umidità. Se hai voglia di esplorare la regione del Guilin, ad esempio, uno dei luoghi più belli al mondo, devi sapere che da aprile a giugno ci sarà la stagione delle piogge, mentre in inverno la temperatura è piacevolmente fresca.

Eventi principali

Il 1 ottobre si festeggia il National Day, una festività nazionale che dura ben 7 giorni ed è dedicata ai padri fondatori della Repubblica Popolare Cinese. In tutte le città si alternano parate, cerimonie, spettacoli, fuochi d’artificio e mercatini.

Se intendente viaggiare in questo periodo dovete prenotare per tempo. Di sapere, tuttavia, che tutte i turisti cinesi affolleranno le attrazioni turistiche, gli alberghi e i trasporti. Di conseguenza si assiste ad un considerevole aumento dei prezzi.

Il Capodanno Cinese, conosciuto anche come Festa di Primavera, non ha una data fissa perché segue il calendario lunare tradizionale. Secondo l’astrologia cinese, infatti, ad ogni anno lunare corrisponde un segno zodiacale. Il 2019, ad esempio, è l’anno del Maiale e il Capodanno si è celebrato il 5 febbraio. Solitamente la data del Capodanno Cinese è sempre compresa tra il 21 gennaio e il 20 febbraio. Nelle due settimane prima e dopo il capodanno le vie delle città, i negozi, le case e gli edifici vengono addobbati di rosso e in ogni zona del paese si organizzano festival, parate, mercatini, fuochi d’artificio e spettacoli tradizionali.

La Festa delle Lanterne è la prima grande festività dopo il Capodanno Cinese e ne segna la fine ufficiale dei festeggiamenti. Il nome deriva dalla tradizione di accendere lanterne colorate dopo il calar del sole. La Festa delle Lanterne corrisponde anche alla prima notte di luna piena del calendario cinese e segna l’arrivo della Primavera. La luna piena, secondo la tradizione cinese, è simbolo di riunione familiare ed è un pretesto per ricordare i bei momenti passati tutti insieme durante il Capodanno Cinese.

Qual è il periodo migliore per andare in Cina? 

Come abbiamo già detto, dipende dalla regione e dalla città che intendi visitare.

Posso darti però alcuni consigli utili:

  • zone del nord ovest (Gansu, Qhinghai, Xinjiang, Tibet e la Mongolia interna): ti consiglio di visitare il Tibet nel periodo da aprile a ottobre e la Mongolia interna da giugno a settembre. Durante l’inverno, infatti, le giornate sono miti, ma le notti molto fredde. Mentre le zone desertiche del Xinjiang e del Gansu, a causa delle alte temperature anche oltre i 40 gradi, sono da visitare in inverno tra dicembre e febbraio;
  • zone del nord-est (Heilongjiang, Jilin e Liaoning): sono caratterizzate da ampi sbalzi termici tra la notte e il giorno. Gli inverni sono rigidi quando le temperature scendono al di sotto dei 30 gradi. È preferibile raggiungere queste zona in estate, quando fa più calde. Uno degli eventi più importanti che si tiene in questa zona si chiama Harbin’s Ice and Snow Festival, il più grande festival invernale dove si possono ammirare enormi sculture di ghiaccio illuminate;
  • zone del centro (Shanghai e Guangzhou): la parte centrale della Cina presenta un clima continentale. L’estate è calda e umida soprattutto nei mesi di luglio ed agosto,  nonostante i venti provenienti dal mare. In inverno, invece, le nevicate sono molto rare ma le temperature comunque molto fredde;
  • zone del sud est (Fujian, Guangdong e Hainan): presentano una temperatura subtropicale che diviene tropicale nelle aree più a sud dove si intendificano le correnti monsoniche. Le temperature estive sono più alte lungo il fiume Yangtze. In questa zona si registrano circa otto tifoni l’anno, principalmente tra luglio e novembre, che portano piogge torrenziali e venti forti con rischi elevati di allagamenti e frane;
  • zone del sud ovest (Guangxi Zhuang, Guizhou, Yunnan): qui troverai un clima subtropicale. La maggiore altitudine porta estati più fresche e inverni miti. Le precipitazioni sono abbondanti durante l’estate e superano i 990 mm annui in quasi tutte le regioni della Cina meridionale. Il rischio è quello di gravi fenomeni di inondazione nelle regioni rurali dei bacini fluviali che possono raggiungere intensità pericolosissime. Si sconsiglia pertanto di visitare tali regioni in questo periodo. Se vuoi esplorare il sud ovest della Cina, tuttavia, ti consiglio di partire in inverno. Troverai il clima per attraversare la foresta pluviale della provincia di Yunnan, nell’estremo sud-ovest del Paese.

Cosa visitare?

Pechino, la capitale della Cina, è un vero e proprio mix di storia e modernità. Una delle cose da fare assolutamente una volta arrivati è percorrere gli hutong, vie strette e tortuose che si diramano fra i vecchi quartieri di Pechino e sono costeggiati da siheyuan (case a corte). Oggi gli hutong sono considerati un museo all’aria aperta, dove i visitatori possono osservare scorci di vita quotidiana. Passeggiare tra gli hutong è come fare un viaggio indietro nel tempo.

Risaie a terrazze

La Cina ne è piena. Le risaie a terrazze di Longji (anche noti come Risaie a terrazze di Longsheng) sono una delle mete turistiche più importanti e si trovano a circa 80 km a nord da tutto il Guilin. Situati nell’area dell’Heping, nella Contea Longsheng, si trovano a un’altitudine di 300–1,110 metri e l’inclinazione di alcuni di essi arriva fino a 50°.

Lungo i terrazzamenti puoi trovare molti villaggi. Le case sono costruite in legno e le donne vestono tipici abiti etnici. Conoscere i loro costumi e le loro usanze sarà sicuramente molto affascinante. Puoi visitare le Risaie a terrazze in tutte le stagioni.

La Grande Muraglia

Situata nella Cina settentrionale, la Grande Muraglia è Patrimonio Mondiale dell’Umanità Unesco. Maestosa e bellissima, è la costruzione più lunga del mondo, si estende infatti per oltre 21.000 km. Costruita più di 2000 anni fa, è circondata da un paesaggio in gran parte montuoso.

La Muraglia Cinese della dinastia Ming è quella che “inizia” a Ovest con le fortificazioni presso il passo Jiayuguan nel Gansu (Cina Nord occidentale) e “finisce” sulla costa Est, incontrando il mare a Shanhaiguan.
Il periodo migliore per visitarla è la primavera, in particolare nei mesi di Aprile e Maggio, che si caratterizzano per un clima più mite, oppure in autunno tra Settembre e Novembre.

Fiume Li

Non puoi non visitare il Fiume Li, situato nella nella regione del Guiilin a Nord del Tropico del Cancro. Ti accorgerai subito che sembra un dipinto a tinte pastello e i colori variano a seconda delle stagioni. Circondato da colline, boschi di bambù e villaggi agricoli, ti lascerà a bocca aperta. Le acque del Fiume Li risplendono letteralmente sotto la luce del sole.

Il modo migliore per godersi il panorama è fare una crociera fino al porto di Yangshuo. Puoi prendere anche una delle zattere motorizzate di bambù, ma il viaggio sarà meno sicuro.

Esercito di Terracotta

Situato a circa 30km da Xi’an, la prima capitale dell’Impero Cinese, l’Esercito di Terracotta è stato costruito per proteggere la tomba del Primo Imperatore della Cina e per accompagnarlo nell’aldilà. Di una bellezza impressionante, l’esercito è composto da 6.000 soldati e cavalli d’argilla a grandezza naturale.

Le teste, le braccia e i torsi dei soldati furono creati separatamente, in seguito assemblati, cotti in forni speciali e infine dipinti per rendere le statue ancora più realistiche. L’Esercito di Terracotta può essere visitato durante tutto l’anno poiché il sito archeologico è protetto da qualsiasi condizione climatica.

La città proibita

Situata nel centro di Pechino, a Nord di Piazza Tiananmen, la Città Proibita è il palazzo imperiale meglio conservato in Cina, oltre che il più grande palazzo antico del mondo. Splendido nell’architettura degli edifici, ospitò 24 imperatori delle dinastie Ming e Qing. Il palazzo ha una superficie totale di circa 150mila metri quadrati ed è circondato da una cinta muraria alta ben 10 metri.

Potala Palace

Straordinario palazzo che si erge sul Monte Moburi, nella zona ovest di Lhasa. Il Potala Palace è ancora considerato un luogo sacro per molti tibetani. Alto 13 piani, ogni anno riceve migliaia di visitatori e pellegrini da tutto il mondo che si recano a Lhasa per rendere omaggio a questa immensa residenza e a ciò che simboleggia.

Villaggi sull’acqua

Nella regione dello Zhejiang e Jiangsu, nella Cina dell’Est, ci sono diversi villaggi attraversati da canali d’acqua che sembrano sospesi nel tempo. Questi canali artificiali sono stati una importante arteria commerciale e di trasporto che ha portato alla nascita di floridi villaggi sulle sue sponde. Ti consiglio di visitare questi villaggi in primavera e in autunno. La mattina e la sera sono i momenti affascinanti di un giorno

Fuso orario

Il fuso orario è di 6 ore in più rispetto all’Italia.

La lingua ufficiale

In Cina ci sono almeno otto gruppi linguistici diversi, in aggiunta alle numerose e diverse centinaia di dialetti, che nella maggior parte delle volte non risultano reciprocamente comprensibili. La lingua ufficiale è il cinese mandarino.

La moneta

La moneta cinese è chiamata Renminbi (moneta del popolo) e 1 CNY è uguale a 0,13 euro.


note

Autore immagine: Cina di Aday Ago


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube