Diritto e Fisco | Articoli

Reddito cittadinanza anche di 50 euro

20 Aprile 2019
Reddito cittadinanza anche di 50 euro

La gaffe dell’Inps aggredito per le card di importo troppo basso. I 780 euro di Rdc sono solo il limite massimo.

Le domande per ottenere il reddito di cittadinanza sono state, sino ad ora, di gran lunga inferiori rispetto a quelle previste, tant’è che si parla già di un tesoretto da spendere in modi differenti. Qualcuno tira un sospiro di sollievo per le casse erariali. Ma c’è anche chi sbuffa perché non ha ottenuto dall’Inps ciò che sperava. La ragione di ciò, a detta di Massimo Bagnoli e Mauro Soldini, coordinatori della Consulta dei Caf, è abbastanza semplice: da un lato c’è «la non conoscenza della misura da parte di tutti i soggetti interessati». Dall’altro lato ha contribuito lo scarso appeal che il reddito di cittadinanza ha esercitato tra i giovani con meno di 25 anni, evidentemente ancora speranzosi di trovare il posto dei propri sogni vicino casa. I due esperti hanno commentato, sulle pagine del Sole 24 Ore: «lo strumento è stato visto più come una forma di assistenza che di avviamento al lavoro. Infine, non tutti gli interessati sono stati informati, anche per la chiusura degli sportelli di orientamento dei comuni». 

Rdc, una misura contro la povertà

Del resto lo stesso presidente dell’Inps, Tridico, ha spiegato ieri che l’utilità del reddito di cittadinanza potrà essere valutata non tanto per quante persone riusciranno a trovare lavoro ma per quante saranno tolte dalla povertà. Il Rdc quindi, nonostante sia stato sbandierato come una misura attiva per rilanciare l’occupazione, fa vedere ora il proprio vero volto: una misura contro l’indigenza.

Reddito di cittadinanza da 50 euro

Ma la giornata di ieri – in cui sono state consegnate le prime Card – è stata caratterizzata da un letterale assalto alle sedi dell’Inps da parte di numerosi cittadini scontenti dei conteggi e degli importi accreditati sulla propria Card. Il tutto è sfociato in una serie di post su Facebook contro il M5S. Molte famiglie si sono infatti viste riconoscere somme di circa 200 euro: ben al di sotto dei 780 euro sbandierati incautamente dagli esponenti 5 Stelle che – come spiega il Sole 24 Ore questa mattina in edicola – «hanno trascurato di spiegare che si trattava di una somma massima per un single con Isee pari a zero, non proprietario di alloggio, e che il Rdc funziona come sussidio ad integrazione del reddito». Questo significa che il Rdc potrebbe anche scendere fino a 50 euro (importo minimo riconosciuto) laddove la famiglia non sia rasente alla povertà.

In tanti si attendevano di ricevere la somma di 780 euro, ignorando che il Rdc è uno strumento che si compone di un’integrazione al reddito e di un supporto all’affitto per chi non è proprietario di casa. La cifra sbandierata, 780 euro, corrisponde alla soglia massima di importo riconosciuta ad un single con Isee pari a zero, che sta in affitto. Il 58% dei beneficiari del reddito di cittadinanza si troveranno accreditati sulla Poste Card meno di 500 euro. Di questi, quasi il 10% riceverà meno di 75 euro mentre saranno oltre 40 mila i cittadini che si metteranno in tasca tra i 100 e i 200 euro.

Insomma, se è vero che 780 euro è solo il limite più alto del Rdc si potranno avere Card con importi molto più bassi. Anzi, a volerla dire tutta, secondo l’Inps, la media di importo spettante alle famiglie per il Rdc è compresa tra i 300 e i 500 euro mensili.

Nei dati elaborati dall’Inps e dal ministero del Lavoro, un numero rilevante di percettori si addensa tra le soglie più basse: 34.861 nuclei (7%) hanno (o avranno) la Card Rdc con caricati tra i 40 e i 50 euro, soglia minima riconosciuta, a 11.284 famiglie (2%) vanno tra 50 e 75 euro e 15.525 (3%) ottengono tra 75 e 100 euro. Nella fascia più “ricca”, oltre mille euro d’importo, troviamo il 5% delle domande accolte (25.613), provenienti dalle famiglie più numerose. In sintesi il 58% delle Card Rdc è (o sarà) caricata con cifre fino a 500 euro, il 42% con una somma superiore. 

Sono 137.983, pari al 29% delle 473mila domande presentate a marzo che hanno avuto l’ok dall’Inps. Tra 500 e 750 euro vanno a 97.493 famiglie che rappresentano il 21% dei beneficiari, mentre tra i 750 e i mille euro sono riconosciuti a 75.887 domande accettate (16%).

La gaffe dell’Inps

Al di là della scarsa conoscenza dei requisiti del reddito di cittadinanza da parte della popolazione, il malcontento si è fatto sentire anche sulla pagina Facebook dell’Inps dedicata alle famiglie, subissata di richieste di spiegazione: perché un reddito di cittadinanza così basso? Gli operatori, in qualche occasione, hanno avuto dei toni sgarbati, seccati dalle aggressioni degli immancabili haters. Così sono saltati i nervi e hanno risposto: «Perché non va sul sito Inps e richiede il Pin che ci vogliono 5 minuti? O è troppo impegnata a farsi i selfie?». Così è dovuto correre ai ripari lo stesso Tridico che si è scusato «per alcuni toni utilizzati che non rispecchiano i valori e la missione dell’Istituto», sottolineando che «stanno girando molti post assolutamente falsi, cui non prestare fede».

Bando Navigator

Mentre Boccia, rappresentante di Confindustria, critica le capacità dei Navigator – disoccupati che vogliono insegnare ad altri disoccupati come trovare lavoro – arriva anche il bando per partecipare al concorso. L’incarico di collaborazione avrà durata fino al 30 aprile 2021 e un compenso lordo annuo pari a 27.338,76 euro (circa 1.600 euro netti al mese), oltre a 300 euro lordi mensili a titolo di rimborso forfettario delle spese per l’espletamento dell’incarico, quali spese di viaggio, vitto e alloggio.

I controlli

A maggio, intanto, partiranno anche i controlli su chi percepisce il reddito di cittadinanza, controlli coordinati da parte dell’Ispettorato nazionale del lavoro (Inl). «Agiremo ex post, verificando la permanenza dei requisiti – spiega Danilo Papa, direttore centrale Vigilanza dell’Inl alla presentazione, ieri, a Roma dell’attività 2018 dell’Ispettorato, affiancato dal direttore Leonardo Alestra – l’obiettivo principale è individuare lavoratori in nero che percepiscono indebitamente la nuova misura varata dal governo. Stiamo per emanare la circolare esplicativa. Eventuali illeciti saranno comunicati subito all’Inps, anche prima del verbale. In questo modo l’Inps potrà sospendere le erogazioni».



16 Commenti

  1. ma scusatemi,io sono disoccupato,pago l’affitto in una casa popolare il mio isee risulta 0 euro,non possiedo altri redditi,quindi mi aspettano i 780 euro?

    1. In pratica, un reddito di cittadinanza pari a 780 euro mensili può essere teoricamente ottenuto soltanto da chi è single, non ha altri redditi e paga l’affitto, oppure paga il mutuo se è pensionato. Chi non è single, ha diritto a un aumento del reddito di cittadinanza in proporzione ai componenti del nucleo familiare: il reddito, in particolare, è aumentato dello 0,40 per ogni componente adulta e dello 0,20 per ogni componente minorenne, sino a un massimo di 2,1 (2,2 per le famiglie numerose con disabili gravi). Inoltre, se si possiedono altri redditi o non si paga l’affitto, l’importo base del reddito di cittadinanza non beneficia di aggiunte. Leggi il nostro articolo A quanto ammonta il reddito di cittadinanza? https://www.laleggepertutti.it/272113_a-quanto-ammonta-il-reddito-di-cittadinanza e scopri a quanto ammonta il reddito di cittadinanza a seconda della situazione nella quale ti trovi. Perché l’importo del reddito di cittadinanza risulti chiaro, in base alle situazioni, abbiamo pubblicato una tabella nella quale sono previsti tutti i casi in cui il nucleo familiare può rientrare.

      1. Praticamente chi lavora in nero e dichiara reddito 0 E non ha mai contribuito in questo paese attraverso la busta paga riceveva il beneficio,chi come me ha una casa vecchia va in stagione a farsi il mazzo per 1200 E 12 ore di lavoro e non supera i 9000 euro annui e ha un isee di 900 euro deve rinunciare e andare a cercarsi un lavoro nero o da schiavi perché prenderò una fesseria. È questo il reddito di cittadinanza? Mantenere i furbetti e parassiti e chi é nella merda e si tira le maniche e va a lavorare in posti di merda vieni disincentivo?

    2. Sono di Giovanni Maria-Anna nata a Erice TP il 20/02/1971 i miei titoli di studio licenza media sono disoccupata in cerca di lavoro sono anche separata il mio ex marito non mi da neanche il mantenimento posso compilare il modulo del reddito di cittadinanza? Grazie e distinti saluti di Giovanni Maria-Anna

      1. Ti consigliamo di leggere i nostri articoli:
        -Reddito di cittadinanza 2019 https://www.laleggepertutti.it/238893_reddito-di-cittadinanza-2019
        -Reddito cittadinanza: arriva il simulatore di calcolo https://www.laleggepertutti.it/286212_reddito-cittadinanza-arriva-il-simulatore-di-calcolo
        -Reddito di cittadinanza: novità https://www.laleggepertutti.it/243809_reddito-di-cittadinanza-novita
        -Reddito di cittadinanza: controlli per chi rifiuta il lavoro https://www.laleggepertutti.it/273524_reddito-di-cittadinanza-controlli-per-chi-rifiuta-il-lavoro
        -Reddito di cittadinanza, cosa rischia chi lavora in nero https://www.laleggepertutti.it/285744_reddito-di-cittadinanza-cosa-rischia-chi-lavora-in-nero

  2. ha,grazie per la risposta, dato che io sono single con isee a zero euro,non avendo altri redditi, e pago la’ffitto di casa popolare dovrei prendere i 780 credo,grazie 1000

    1. Ho isee 0.. Reddito 0..e sono in affitto.. Pago 250€ di affitto ma ho un contratto stipulato solo tra di noi mai dichiarato.. Risposta del proprietarioalla mia allora richiesta di dichiararlo è stata “si cerchi un:altra casa” semza contratto dichiarato io non prenderò 780€ ma bensì 500€ giusto?????

  3. Ma se io lavoro e ho due studenti a carico e ho un ise Pari a 6.900.00 anche se sono proprietaria di un piccolo appartamento quanto devo percepire. ..Anche se non ho ancora ricevuto una risposta dal inps

  4. Io ho 71 anni e prendo la pensione sociale di 649 euro, mi aspettavo l’integrazione a 780 euro, ma nella card c’erano 40 euro. Mi spiegate perché, per favore?

  5. Io ho un isee di 4.700 una moglie e 4 minori e mi anno dato 57.50 come si campa con sta cifra devo andare a rubare per spamare la mia famiglia .

  6. Spettabile redazione, scrivo sperando di ricevere risposta, vi seguo , il sottoscritto comproprietario con mio fratello di immobili ereditati a metà indivisa, ho dovuto fare la successione per salvare mio fratello da pignoramenti ed aste, io sono INSALVABILE dai pignoramenti, di conseguenza ho ereditato un immobile 50mq ad uso commerciale che mi ha reso ricco con il mio 50% di proprietà PIGNORATA DA EQUITALIA, sopravvivo con le 285€ di assegno d’invalidità dal 2005 quindi IMPOSSIBILITATO ad essere un italiano pagatore,MI CHIEDO ..come mai io non rientro tra i POVERI secondo la legge del REDDITO DI CITTADINANZA …… SPERO , MI AUGURO DI LEGGERVI …….

  7. Per quelli che vogliono percepire il reddito di cittadinanza in pieno, non avete capito una mazza… purtroppo come molti di voi, sono un lavoratore cui mantengo la mia famiglia a stenti, famiglia con 3 minori a casa.. La ma domanda è stata respinta in quanto nel 2017 ho avuto reddito superiore alla soglia ed nel 2019 mi trovo disoccupato senza un soldo.. questo è il RENDICONTO INPS, calcolano solo in base isee degli anni precedenti e non al momento attuale della domanda, quindi deduco che chi tutt’ora che negli anni precedenti lavoravano e lavorano in NERO hanno più privilegi di chi onestamente lavorando pagano le tasse… ADESSO sono più che convinto di una cosa in iTALIA viva il lavoro in NERO, hai ed avrai sempre diritti…. ma che leggi di merda fanno sti politici, e poi dicono che vogliono comportarsi come altri paesi europei…. prima dovrebbero informarsi come funziona e poi effettuare il loro… Conosco persone che lavorano in nero da anni ed hanno percepito il reddito di cittadinanza per ben 1,020 euro… allora mi chiedo, a chi aiuta lo stato ?
    VIVA CHI LAVORA IN NERO.

  8. scusate io non lavoro ho 2 figli minori mia moglie lavora ho un ise di 6,250 ,e ho preso 150 euro,
    sono in affitto case popolari,
    e scusate( la mia ignoranza) vorrei sapere se è giusto
    GRAZIE

  9. Buongiorno. Stamane vado in posta a ritirare la card RdC ma purtroppo ho ricevuto un accredito pari a € 58… allora ho cercato di comprare qualcosa da mangiare ma il negoziante non ha potuto accettare la carta, sono andato allo sportello postale, ho prelevato €40 e mia sgradita sorpresa ho notato che si son presi un euro di commissione!
    Non lavoro, vivo a carico di mia madre e mia moglie e mia figlia sono a carico dei miei suoceri. Non posso permettermi di avere una casa né tantomeno un’auto. Il mio reddito FISICO è ZERO ma lo stato me lo calcola in base a quello di mia madre PENSIONATA… in pratica siamo dei maghi, più persone nel nucleo, più reddito, moltiplicazione DIVINA! Conclusione, INPS e M5S sono un flop! Dovrei lavorare a nero? Devo rifiutare il RdC? Mi sa che andrò in comune a consegnare i documenti di domicilizazione dichiarando di essere un senza tetto, di essere un ladro per mangiare, mi farò chiamare Hamed Buzzunga, cambierò cittadinanza, mi dipingerò di nero così potrò avere tutti i miei diritti! Poi dicono “sii corretto”… certo, corretto per farselo mettere in culo dallo stato! VERGOGNA a chi difende queste leggi dimenticandosi che l’italia È BASATA SULLA REPUBBLICA… sui cittadini e non su 4 politici LADRI! M5S autorizza e si batte per il RDC, l’INPS calcola come fottere l’italiano per poter rimandare i proventi ai politici ed in fine, io dovrei dichiarare tutto? Ma facitm o piacer!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube