Diritto e Fisco | Articoli

Saldo e stralcio, Isee e modello SA-ST

25 Maggio 2019
Saldo e stralcio, Isee e modello SA-ST

Sono una signora settantenne, pensionata, sola, con isee ordinario di € 4.661,00, con 8 cartelle non pagate  dell’Agenzia delle Entrate, che riguardano le seguenti voci: contributi IVS, versamento IVA, IRAP, IRPEF e addizionali, ritenute alla fonte. È possibile accedere al “saldo e stralcio”? Al 16% su quale importo? Va bene la compilazione del modello SA-ST? 

Il cosiddetto “saldo e stralcio” è una procedura di definizione per estinzione di debiti disciplinata dai commi 184 e seguenti dell’articolo 1 della legge n. 145 del 2018 (legge di bilancio per il 2019).

Possono accedere a questa procedura, presentando il modello SA – ST entro il 30 aprile 2019 (scaricabile dal sito dell’Agenzia delle entrate – riscossione), solo le persone fisiche che si trovino in una comprovata e grave situazione di difficoltà economica che sussiste se l’Isee del nucleo familiare non superi i 20.000,00 euro.

I carichi che possono essere inclusi in una procedura di saldo e stralcio sono solo quelli che includono:

– Irpef, cedolare secca, addizionali, Iva e Irap relativamente ad affidamenti all’agente della riscossione avvenuti tra il 1° gennaio 2000 e il 31 dicembre 2017 (lo stesso lasso di tempo previsto per i carichi ammissibili alla cosiddetta rottamazione ter) e derivanti o dall’omesso versamento degli importi risultanti dalle dichiarazioni annuali o dalle attività di liquidazione automatica disciplinate dagli articoli 36 bis del dpr n. 600/1973 e 54 del dpr n. 633/1972: non possono quindi essere inclusi nel saldo e stralcio l’Irpef, la cedolare secca, le addizionali, l’Iva e l’Irap se sono state oggetto di controlli non automatici ma formali da parte degli uffici;

– contributi previdenziali solo se dovuti alle casse previdenziali professionali (avvocati, ingegneri, ecc.) e alle gestioni separate Inps dei lavoratori autonomi (commercianti e artigiani) e se affidati all’agente della riscossione entro il 31 dicembre 2017.

Pertanto, le cartelle indicate nell’allegato inviato dalla lettrice possono essere incluse nella procedura di saldo e stralcio solo se relative a carichi del tipo appena evidenziato: il fatto che l’Agenzia delle Entrate – Riscossione abbia incluso le cartelle che riguardano la madre della lettrice fra quelle che possono essere oggetto di rottamazione ter non significa che possano essere anche oggetto di saldo e stralcio perché i carichi che possono essere oggetto di rottamazione ter non coincidono esattamente con quelli che possono essere oggetto di saldo e stralcio.

I carichi che possono essere oggetto di saldo e stralcio sono solo quelli sopra indicati e per accertarsi la lettrice, prima ancora di presentare eventuale domanda di saldo e stralcio, se le cartelle che gli interessano possono essere anche oggetto della procedura di saldo e stralcio dovrà verificare l’oggetto specifico di tali cartelle – indicato nel testo della cartella stessa che fu notificato a suo tempo a sua madre – e confrontarlo con i carichi sopra indicati che sono quelli che la legge ammette al saldo e stralcio.

In alternativa, qualora non riuscisse ad individuare l’oggetto specifico delle cartelle, la madre della lettrice può ugualmente inviare il modello SA – ST entro il 30 aprile 2019 tenendo però conto che è previsto che i carichi che eventualmente non possono essere oggetto della procedura di saldo e stralcio, e che il contribuente ha comunque incluso nel modello SA – ST, vengono automaticamente inclusi nella procedura di rottamazione ter ricorrendone le condizioni e previa comunicazione da parte dell’Agenzia delle Entrate – Riscossione (comunicazione nella quale sono fornite anche tutte le istruzioni relative al pagamento rateale per i carichi inclusi nel saldo e stralcio e per quelli inseriti automaticamente nella rottamazione ter).

Infine si sottolinea che per i carichi che possono essere ammessi alla procedura di saldo e stralcio è previsto, qualora l’Isee del nucleo familiare non superi gli 8.500,00 euro, il pagamento del 16% calcolato sul capitale, sugli interessi affidati all’agente della riscossione oltre che sull’aggio dell’agente della riscossione (calcolato sulle somme effettivamente dovute) e sulle eventuali spese di notifica della cartella e di procedure esecutive (ad esempio per fermi amministrativi): sono invece stralciati, cioè interamente cancellati dal calcolo degli importi dovuti, sia le sanzioni che gli interessi di mora.

Una volta presentata l’istanza (entro il 30 aprile), l’Agenzia delle entrate- riscossione è tenuta a dare risposta entro il 31 ottobre 2019 comunicando gli importi da versare e/o il rigetto totale o parziale dell’istanza.

È possibile scegliere, dichiarandolo nel modello SA – ST, di pagare l’importo che sarà ritenuto ammissibile al saldo e stralcio o in rata unica entro il 30 novembre 2019, oppure in cinque rate (il 35% entro il 30 novembre 2019, il 20% entro il 31 marzo 2020, il 15% entro il 31 luglio 2020, il 15% entro il 31 marzo 2021, il 15% entro il 31 luglio 2021); dal 1° dicembre sono applicati interessi sul dovuto del 2% annuo.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Angelo Forte



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube