Lifestyle | Articoli

Qual è il miglior periodo per andare in Australia

22 Maggio 2019 | Autore: Roberta Jerace
Qual è il miglior periodo per andare in Australia

I diritti del turista; documenti necessari; scegliere quando partire in base al clima e alle zone geografiche; festival ed eventi; avvenimenti sportivi e destinazioni naturali

La natura spettacolare dell’Australia e le escursioni nei territori selvaggi sono un’esperienza che non puoi perdere se decidi di fare un viaggio in Australia, così come il contatto con la cultura aborigena e l’esplorazione delle loro tradizioni, magari attraverso gli spettacoli di danza e musica che i nativi australiani mettono in scena per raccontare la propria storia. Hai già deciso di visitare Ayers Rock o vedere la Grande Barriera Corallina, ma non hai ancora le idee chiare su qual è il miglior periodo per andare in Australia.  Esistono diverse semplici indicazioni che possono aiutarti a fugare ogni dubbio. In primo luogo, può aiutarti a definire il periodo di partenza con maggiore sicurezza, l’analisi del clima e delle stagioni di un territorio vastissimo che comprende zone tropicali e desertiche, stagioni di cicloni e piogge frequenti. Una volta chiariti questi primi fattori essenziali, puoi scegliere il momento migliore per recarti in Australia anche in base a quello che desideri fare, che sia la partecipazione ai grandi festival culturali e artistici delle metropoli, grandi eventi sportivi o la settimana del Naidoc.

I diritti del turista consumatore

Recarsi in Australia per un viaggio, equivale letteralmente ad andare “dall’altra parte del mondo” e probabilmente deciderai di rivolgerti a un’agenzia turistica o un tour operator per farti guidare in modo più sapiente e andare sul sicuro.

Nella maggior parte dei casi questa si rivela la scelta più efficace e corretta, ma potresti anche incorrere in contratti poco chiari e lacune organizzative da cui puoi proteggerti grazie al Codice del turismo. Puoi, infatti, tutelarti in qualità di turista consumatore, cioè di persona che acquista un pacchetto turistico “all inclusive”; con questa denominazione si intende un’offerta che comprende due o più di questi servizi:

  • trasporto;
  • alloggio;
  • servizi turistici non accessori ai primi due che facciano parte del pacchetto in modo significativo (escursioni, ingressi a musei o a strutture di interesse artistico, pranzo e cena, servizi di benessere, ecc.)

Il contratto con il turista dev’essere chiaro e contenere tutti i dettagli relativi ai servizi offerti. Se i termini del contratto non vengono rispettati e in quanto turista ti ritrovi ad affrontare dei disservizi, ricorda che il tour operator deve farsi carico della risoluzione dei problemi e risarcire l’eventuale danno.

Inoltre, se il mancato rispetto del contratto provoca un danno da vacanza rovinata, poiché non risponde ad aspettative del turista, come il relax, anche in questo caso avrai diritto a un rimborso per il danno che hai ricevuto.

Documenti necessari

Per entrare in Australia sono necessari alcuni documenti che ti permetteranno di viaggiare agevolmente e in sicurezza. In primo luogo, dovrai essere in possesso di un passaporto con almeno sei mesi di validità residua. Dovrai essere in possesso del visto d’ingresso, cioè l’e-Visitor Visa, necessario sia nei soggiorni di studio o di lavoro, sia nei soggiorni turistici, che puoi richiedere on-line tramite il sito internet per l’immigrazione australiano e puoi scegliere tra diverse tipologie in base alla durata della tua permanenza.

Tutte le tipologie di visto hanno durata annuale, ma mentre alcune consentono la permanenza per soli tre mesi continuativi (Visto Turistico Australia 651 e Visto Eta Australia 601), il visto turistico Visitor Visa permette anche un soggiorno fino a 12 mesi continuativi e può essere rinnovato sullo stesso territorio australiano. L’emissione del visto (qualunque esso sia), avviene in circa tre giorni dalla richiesta ed è completamente gratuito.

Scegliere in base alla stagione e alla zona geografica

Il primo passo per una scelta consapevole del periodo di partenza per l’Australia dev’essere una pianificazione pensata a partire dalla stagione e dalla zona geografica che intendi visitare.

L’Australia è, infatti, il sesto paese del mondo per estensione, è caratterizzata da climi molto differenti tra di loro e spesso molto diversi da quelli della nostra Italia.

La prima cosa che devi tenere in considerazione è che l’Australia si trova appunto nell’emisfero australe, dove le stagioni sono invertite rispetto alle nostre, quindi riassumendo in modo sintetico:

  • l’autunno va da marzo a maggio;
  • l’inverno si estende nei mesi tra giugno ad agosto;
  • la primavera abbraccia il periodo da settembre a novembre;
  • l’estate comprende i mesi tra dicembre e febbraio.

Se pensi di visitare il maggior numero di posti possibili senza doverti troppo preoccupare dell’inversione climatica allora il consiglio giusto è quello di spostarti nelle mezze stagioni, ottobre-novembre e aprile-maggio sono i mesi che ti permetteranno di spaziare di più con le esperienze di viaggio. Questo è valido soprattutto per il sud dell’Australia, in quanto zona sub-tropicale, infatti, ha inverni miti ed estati calde più o meno come il nostro sud-Italia. Anche le grandi metropoli australiane come Sidney, Canberra, Melbourne e Adelaide ti offriranno un clima temperato molto simile a quello mediterraneo.

Sopra la linea del tropico del Capricorno, si trovano le zone geografiche australiane dal clima tropicale, dove i mesi tra novembre e aprile sono caratterizzati da temperature molto alte, possibilità di cicloni e precipitazioni particolarmente frequenti, tanto da essere detta appunto la stagione delle piogge. Il periodo migliore, quindi, per vedere la Grande Barriera Corallina, il Kakadu National Park e città come Darwin e Kimberly è l’inverno australe.

Se desideri visitare da sempre la Tasmania e godere del contatto con la natura e delle escursioni che rappresentano il vero senso di un viaggio in quest’isola, il periodo ideale è quello tra dicembre e marzo. Sebbene il clima sia mite grazie all’influenza delle correnti dell’Oceano Indiano, questi mesi presentano un rischio minore di piogge e soprattutto hanno giornate più lunghe che ti permetteranno di avere maggiore libertà di scelta e di orari.

Il Red centre, cioè il cuore rosso dell’Australia costituito dalle zone più interne e remote del paese, è caratterizzato da forti escursioni termiche tra il giorno e la notte, estati calde e un clima semiarido ma più o meno costante durante tutto l’anno. Potrai inserire la visita del famoso massiccio roccioso di Ayers Rock qualunque sia la stagione in cui deciderai di partire.

Festival ed eventi

Un modo ingegnoso per scegliere il periodo migliore per visitare l’Australia è prendere in considerazione cosa ti piacerebbe fare durante questo viaggio. Se oltre a visitare le grandi città, hai voglia di partecipare al divertimento dei festival metropolitani, allora ecco qualche indicazione da seguire per individuare il momento migliore per partire:

  • il Festival di Sidney si svolge tra dicembre e gennaio e ti permetterà di assaporare la città tra manifestazioni teatrali all’aperto e spettacoli musicali, oltre a garantirti un Natale davvero originale magari da trascorrere sulla spiaggia dando una sfumatura in più alla tua “tintarella”;
  • se decidi di passare il Capodanno in Australia allora non puoi certamente mancare di assistere ai fuochi d’artificio di Sidney, uno degli spettacoli pirotecnici più belli al mondo;
  • il WOMADelaide è il festival di musica arte e danza che dura 4 giorni e si svolge durante la seconda settimana di marzo nel giardino botanico di Adelaide;
  • a Melbourne dal 2 al 20 ottobre 2019 si svolgerà l’edizione annuale del Melbourne International Festival, un festival che comprende le arti più variegate, dal teatro alla musica, dalle arti visive alle esibizioni del mondo circense. Gli eventi sono gratuiti e si svolgono tra le vie palpitanti di energia e in varie strutture di Melbourne;
  • il Byron Bay Blues Fest è un evento di musica blues di grande qualità, che si svolge a marzo nella città costiera di Byron Bay nello stato del New South Wales, distante solo un’ora di volo da Sidney;
  • luglio è il momento del Naidoc, una settimana di iniziative per celebrare la storia e la cultura aborigena che ha luogo nelle principali città partecipi della cultura indigena come Alice Spring, Shepparton e Mildura;
  • se per te visitare un paese straniero significa assaporare anche la cucina del posto, allora non puoi mancare al Good Food Month; si tratta di un festival gastronomico itinerante che si ferma in diverse città australiane per un mese alla volta e si svolge tra marzo e novembre. Grazie a questo festival che coinvolge oltre due milioni di ospiti all’anno potrai godere oltre che delle specialità tradizionali, anche di raffinate esperienze gastronomiche a prezzi ragionevoli.

Avvenimenti sportivi e destinazioni naturali

Gli eventi sportivi organizzati in Australia non sono da meno rispetto a quelli artistico-culturali e potrai trovare avvenimenti spettacolari da vedere o a cui potrai decidere di partecipare se sceglierai il periodo giusto.

Ecco alcuni tra i più importanti eventi sportivi e il periodo in cui si svolgono:

  • la Melbourne Cup è tradizionalmente conosciuta come “la festa che ferma la nazione”. Si tratta di una corsa di cavalli che si svolge il primo martedì del mese di novembre da oltre 150 anni, un evento così speciale merita certamente di essere visto se decidi di viaggiare in quel periodo;
  • tra gli eventi sportivi più popolari c’è sicuramente l’Australian Open che rappresenta un vero e proprio punto di riferimento per gli amanti del tennis. Non dimenticare di prenotare con largo anticipo i biglietti dell’evento che ti interessa, poiché il torneo richiama appassionati da ogni luogo del paese;
  • il Rip Curl Pro è l’evento che vede i migliori surfisti del mondo cavalcare le onde a Torquay sulle coste meridionali del Victoria australiano. Se viaggerai nel periodo di Pasqua non potrai perderti questo spettacolo mozzafiato;
  • se deciderai di partire durante l’inverno australe, non potrai perderti Threbdo nel New South Wale, una delle mete sciistiche più note al mondo, famosa per le piste più lunghe d’Australia, per le spa con le piscine all’aperto e per gli spettacoli pirotecnici che illuminano le montagne;
  • un ultimo suggerimento è quello dedicato a chi ha sempre desiderato vedere la tipica fauna australiana. Se desideri vedere canguri, koala e ornitorinchi allo stato brado, dovrai recarti preferibilmente in una delle riserve nazionali del Queensland, nei mesi tra giugno e ottobre.

GUARDA IL VIDEO



Di Roberta Jerace

note

Autore immagine: Australia di Taras Vyshnya


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube