Diritto e Fisco | Articoli

Codice raccomandata 617

22 Aprile 2019 | Autore:

> Diritto e Fisco Pubblicato il 22 Aprile 2019



Avviso di giacenza: cos’è? Dopo quanto tempo c’è la compiuta giacenza? Cosa sono i codici raccomandata? È possibile risalire al contenuto della lettera?

Se occorre notificare un atto particolarmente urgente e non sei a casa, il postino potrà lasciarti nella cassetta delle lettere un avviso con il quale ti viene detto che puoi ritirare ciò che era a te destinato presso l’ufficio postale. In pratica, l’atto, non potendo essere consegnato, viene conservato per un determinato periodo di tempo presso le Poste. Potrai pertanto recarti lì e, mostrando il documento di identità, ritirare la busta. Per avere un’anticipazione di ciò che troverai ad attenderti all’ufficio postale, puoi fare riferimento al codice riportato sull’avviso di giacenza che il portalettere ti ha lasciato. Con questo articolo vorrei parlarti del codice raccomandata 617: si tratta di uno dei tantissimi numeri che potrai trovare sull’avviso che il postino ti lascia nel caso in cui non trova nessuno in casa. Se li vuoi conoscere tutti, ti consiglio di leggere il mio articolo dedicato all’avviso di giacenza raccomandata e codici per sapere che c’è dentro; altrimenti, se sei interessato a conoscere solamente il codice raccomandata 617, prosegui nella lettura.

Avviso di giacenza: cos’è?

Non posso parlarti del codice raccomandata 617 se prima non ti spiego cos’è un avviso di giacenza. In parte te l’ho già detto: si tratta di quel bigliettino che il portalettere lascia nella tua cassetta della posta quando in casa non trova nessuno che possa ricevere validamente la raccomandata o l’atto a te destinato.

L’avviso di giacenza può essere costituito da un cartoncino rettangolare, bianco oppure verde a seconda del tipo di atto: il secondo colore indica gli atti giudiziari, il primo le raccomandate. Sempre più spesso, però, l’avviso di giacenza assume la forma di uno scontrino bianco, predisposto dal postino inserendo tutti i dati utili al fine del recupero della raccomandata o dell’atto a te destinato.

Cosa c’è scritto nell’avviso di giacenza?

Nell’avviso di giacenza troverai diverse indicazioni. Nello specifico, il portalettere scriverà:

  1. di essere passato a casa tua e di non aver trovato nessuno;
  2. che potrai ritirare la raccomandata o l’atto presso l’ufficio postale;
  3. il codice raccomandata (ad esempio, il 617);
  4. che hai trenta giorni di tempo (nel caso di raccomandata) oppure sei mesi (nel caso di atto giudiziario) per provvedere al ritiro presso le Poste;
  5. la città da cui proviene la raccomandata o l’atto.

Giacenza: quanto dura?

Come detto nel precedente paragrafo, la busta a te destinata verrà conservata dalle Poste per trenta giorni, se trattasi di raccomandata, ovvero per centottanta giorni, se trattasi di atto giudiziario: questo periodo viene definito giacenza. Superati questi termini, se non ti sei presentato per il ritiro, la raccomandata o l’atto giudiziario verranno restituiti al mittente.

Cos’è la compiuta giacenza?

Diversa dalla giacenza è la compiuta giacenza: con quest’ultima espressione si intende il periodo decorso il quale l’atto si intende validamente notificato per il mittente. Mi spiego meglio.

Se una persona deve notificarti con urgenza un atto e tu non sei mai reperibile perché sei sempre fuori per lavoro, il mittente non potrà attendere i tuoi comodi, cioè che tu sia in casa per ricevere la raccomandata oppure che tu abbia il tempo di recarti alle poste per prelevare la busta in giacenza. Per tale ragione, ai fini del perfezionamento della notifica degli atti giudiziari è sufficiente che decorrano dieci giorni da quando il portalettere è venuto a casa tua e, non trovandoti, ti ha lasciato l’avviso di giacenza.

Pertanto, nel caso degli atti giudiziari, essi si intendono notificati dopo dieci giorni dall’avviso di giacenza, anche se tu non hai assolutamente preso visione dell’atto perché non sei andato alle poste per il ritiro oppure perché non ti sei nemmeno accorto di aver ricevuto l’avviso. Trascorsi dieci giorni, la legge presume che tu abbia avuto perfetta conoscenza dell’atto a te destinato.

Codice raccomandata 617: cosa c’è nella busta?

Mettiamo il caso che il portalettere, non trovando nessuno in casa, ti abbia lasciato lo scontrino di avviso di giacenza, indicando il codice raccomandata 617. Di cosa si tratta? A cosa si riferisce questo codice? Ebbene, non è facile dirlo, visto che il codice raccomandata 617 fa riferimento ad una molteplicità di atti. Ciò che possiamo dire con certezza è che non si tratta di un atto giudiziario: niente pignoramento, sfratto o atto di citazione, insomma.

Ma allora, cosa c’è nella raccomandata contrassegnata dal codice 617 sull’avviso di giacenza? Ecco di seguito alcune possibili ipotesi:

  • comunicazioni riguardanti il mancato pagamento del bollo auto;
  • comunicazioni provenienti da assicurazioni o banche, incluso il recapito di nuove carte di credito;
  • avvertimento di mancato pagamento di una bolletta o di altra fattura;
  • recupero crediti;
  • assegno di rimborso;
  • diffide da parte di un avvocato;
  • raccomandata semplice da parte di un privato.

Avviso di giacenza codice 617: cosa può essere?

Come avrai capito, non è possibile individuare un contenuto unico ed inequivocabile a proposito del codice raccomandata 617: ciò che si può dire con certezza è che non si tratta di un atto giudiziario. Questa indicazione può esserti utile per regolarti sui tempi di giacenza e sulla compiuta giacenza, come visto nei paragrafi precedenti.

Il fatto che non si tratti di un atto giudiziario non significa che la comunicazione sia meno importante: pensa ad una raccomandata proveniente da un avvocato oppure a quella che giunge dalla tua banca e che contiene una nuova carta di credito.

Pertanto, in presenza di un avviso di giacenza recante codice 617, farai bene a recarti il prima possibile presso l’ufficio postale indicato sullo scontrino, in modo da recuperare l’atto a te destinato.

Codici raccomandata analoghi al 617

La raccomandata individuata dai codici 648, 649 e 669 potrebbe contenere gli stessi, importanti documenti del codice raccomandata 617. In presenza dei detti codici, quindi, ricorda che si potrebbe trattare di una comunicazione della tua banca, della casa madre della tua automobile o di una diffida. La lettera potrebbe contenere anche solleciti di pagamenti per le utenze.

note

Autore immagine: Pixabay.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA