Lavoro e Concorsi | Articoli

Concorso scuola 2019: bando docenti per 66mila cattedre

24 Aprile 2019
Concorso scuola 2019: bando docenti per 66mila cattedre

Corsia preferenziale per stabilizzare i prof con 3 anni di servizio.

C’erano tutti i sindacati in pompa magna ieri sera dal premier Conte e dal ministro dell’Istruzione Marco Bussetti. Tutti per chiedere maggiori risorse, stabilizzazione dei precari e il rinnovo contrattuale. La trattativa si è chiusa con una promessa, necessaria ad impedire lo sciopero generale del 17 maggio indetto unitariamente dalle sigle Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal, Gilda. In sostanza è ufficiale (sempre secondo le promesse): si aprono le porte al nuovo maxi concorso per docenti nelle scuole. Ci sono ben 66 mila cattedre da assegnare, una corsia preferenziale per stabilizzare i supplenti, in primis coloro che hanno oltre tre anni di servizio alle spalle (su cui l’Ue sta per procedere all’ennesima condanna nei confronti del nostro Paese, come già era successo in passato) e l’impegno a reperire maggiori risorse per il rinnovo contrattuale in aggiunta agli 1,7 miliardi di euro stanziati per l’intero comparto pubblico dalla manovra 2019. 

Insomma, a parole sembra ormai cosa fatta il maxi concorso per insegnanti nelle scuole. https://www.laleggepertutti.it/281703_maxi-concorso-per-insegnati-nelle-scuole. Il Miur infatti è pronto a far partire due nuove selezioni ordinarie: una da 16.959 posti, già definita e destinato a infanzia e primaria; l’altra da 48.536 posti, in attesa degli atti preparatori e rivolta esclusivamente alle medie e alle superiori. 

Il primo concorso a cattedra

Come scrive il Sole24Ore stamattina in edicola: «Al concorso ordinario per infanzia e primaria potranno partecipare i diplomati magistrali ante 2001/2002, compresi quelli esclusi dalla procedura straordinaria da oltre 10mila posti indetta lo scorso anno (attualmente in corso), e i laureati in scienze della formazione primaria». 

Il secondo concorso a cattedra

«Alle 48.536 cattedre che saranno messe a bando, dopo gli ok di Mef e Funzione pubblica, per la secondaria (50% medie, il restante 50% superiori) potranno invece concorrere anche i laureati: è una importante novità». I candidati dovranno tuttavia aver conseguito 24 crediti formativi (Cfu) in materie antro-psico-pedagogiche. A chi è già abilitato, anche in altra classe di concorso, non saranno richiesti i 24 Cfu. 

Scompaiono quindi le vecchie abilitazioni che, nel tempo, hanno ricevuto diversi nomi: Ssis, Tfa, Pas. A chi è già abilitato, anche in altra classe di concorso, non saranno richiesti i 24 Cfu. 

Come si svolgerà il maxi concorso scuole 2019

Il concorso prevede due scritti, che si superano con la votazione di sette decimi. Non ci saranno i quiz preselettivi. 

Quanto all’orale, ci sarà un colloquio in cui verranno valutate le conoscenze e le competenze nelle discipline facenti parti la classe di concorso e la lingua straniera, «almeno al livello B2». 

Superato il concorso, gli insegnanti dovranno svolgere un anno di formazione e prova. Al termine giungerà la conferma in ruolo e si dovrà rimanere nello stesso istituto per almeno altri quattro anni. 

Assunzione di supplenti

Grazie a Quota 100, si prevedono oltre 100mila prepensionamenti e altrettante cattedre scoperte, che saranno quindi assegnate a supplenti. Il governo si è detto disponibile a trovare una soluzione per evitare di far nuovamente ricorso al precariato e ingigantire il problema già grave.

«Prima di incontrare i sindacati, Marco Bussetti ha firmato il decreto per aggiornare le graduatorie ad esaurimento (Gae), triennio 2019/2022». 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube