Business | Articoli

Lavoro: la Rai assume diplomati e laureati

13 Gennaio 2018
Lavoro: la Rai assume diplomati e laureati

Lavorare in Rai: nuove assunzioni di  laureati e diplomati. Vediamo le offerte di lavoro, i requisiti richiesti e come presentare la domanda

Ti piacerebbe lavorare per la Tv? Se la risposta è sì, ci sono nuove opportunità di lavoro ad attenderti. La Rai, infatti, è sempre alla ricerca di personale da assumere e sono numerosi i profili professionali ricercati. Vediamo quali sono attualmente le posizioni aperte in Rai, quali i requisiti richiesti e come fare domanda.

Lavorare in Rai

La RaiRadiotelevisione Italiana, è la società concessionaria in esclusiva del Servizio Pubblico radiotelevisivo; realizza canali televisivi, radiofonici, satellitari, su piattaforma digitale terrestre. Oggi la Rai è strutturata in 6 aree:

  • editoriale Tv;
  • editoriale nuovi media;
  • editoriale radiofonia;
  • commerciale;
  • trasmissiva;
  • di staff.

Le aree editoriali ideano, sviluppano e realizzano i programmi ed i canali televisivi radiofonici, satellitari e su piattaforma digitale terrestre e nuovi media. L’ area di staff presidia l’efficienza gestionale, economica ed operativa dell’Azienda, mentre le altre aree costituiscono il punto di riferimento per la realizzazione della strategia multimediale, digitale e commerciale del Gruppo.

Rai: le offerte di lavoro

La Rai si ispira, nella ricerca di personale, ai principi di trasparenza, pubblicità ed imparzialità. Tutte le posizioni aperte, infatti, sono consultabili sul sito www.lavoraconnoi.rai.it e sul sito governativo www.cliclavoro.gov.it.

Rai: i profili di interesse

Ingegneri e tecnici, impiegati, operatori di ripresa, montatori e aiuto scenografi, assistenti ai programmi sono solo alcuni dei profili professionali più ricercati da Rai. Di seguito, si elencano le figure più ricercate in base alle diverse aree professionali.

Area editoriale

  • Assistente ai programmi;
  • Programmista-regista.

Area produzioni

  • Addetto ai costumi;
  • Arredatore;
  • Assistente alla regia;
  • Compositore video;
  • Consulente musicale;
  • Costruttore;
  • Costumista;
  • Montatore;
  • Operatore di ripresa;
  • Organizzatore/ispettore di produzione;
  • Realizzatore-decoratore;
  • Sarto;
  • Scenografo;
  • Specializzato della produzione;
  • Tecnico della produzione;
  • Truccatore/parrucchiere.

Area di staff

  • Impiegato;
  • Produttore abbonamenti;
  • Specializzato tecnologico;
  • Tecnico;
  • Tecnico ICT.

Rai assume 40 diplomati e 10 laureati

Attualmente, la Rai Radiotelevisione Italiana S.p.A. è alla ricerca di 50 risorse da impiegare nell’area tecnico-produttiva (Tecnici, Tecnici della Produzione, Tecnici ICT) da inserire in Azienda con contratto di apprendistato professionalizzante, di cui 40 diplomati e 10 laureati.

Si riportano, a seguire, le caratteristiche delle posizioni ricercate:

Tecnico: Il tecnico è incaricato della pianificazione, sviluppo e gestione dell’attività di progettazione, nonché della installazione, esercizio e manutenzione degli impianti ed apparecchiature anche tecnologicamente innovativi; inoltre, provvede direttamente o collabora alla introduzione in Azienda delle nuove tecnologie ed alla identificazione e/o proposta di nuove opportunità di business derivanti dall’utilizzo delle medesime. Nell’espletamento dei propri compiti si relaziona con i referenti delle varie strutture aziendali nonché, ove necessario, con enti e/o collaboratori esterni svolgendo anche tutte le attività strumentali che si rendano necessarie.

Tecnico della produzione: Il tecnico della produzione è incaricato della realizzazione, installazione e manutenzione di tutti gli impianti e apparecchiature anche tecnologicamente innovativi (apparati di registrazione, ripresa e trasmissione in standard digitale, sistemi di governo informatizzati, apparati telematici di collegamento a reti e sistemi di reti, etc.) nella disponibilità dell’Azienda, della regolazione e dell’esercizio di apparati e apparecchiature tecniche e del montaggio di prodotti, operando direttamente alla realizzazione di produzioni radio televisive e ad ogni altro contributo telematico originale/derivato  (es. internet) e, collaborando, in fase di impostazione dei programmi, oltreché sulla scelta e sull’impiego dei mezzi, anche per gli aspetti artistici delle produzioni stesse; provvede, inoltre, all’esercizio tecnico della trasmissione, come responsabile della qualità tecnica del prodotto per la fase del processo produttivo di competenza svolgendo anche tutte le attività strumentali che si rendano necessarie sia in interno che in esterno. Provvede a tutte le operazioni relative alla realizzazione e messa in onda di produzioni televisive non complesse e/o di produzioni radiofoniche e/o di ogni altro contributo telematico originale/derivato (es. internet) ed effettua la messa a punto delle telecamere ed il loro posizionamento.

Tecnico ICT: il tecnico ICT è coinvolto nel ciclo di produzione del servizio ICT per il cliente: ideazione, progettazione, realizzazione, collaudo, formazione all’utilizzo del servizio, esercizio ed evoluzione del servizio. Utilizza, a tal fine, gli impianti e le apparecchiature informatiche e di telecomunicazione in possesso dell’Azienda. Per le fasi di ideazione e progettazione del servizio del cliente e per un’efficace gestione del servizio rilasciato è indispensabile una conoscenza dei processi aziendali e delle entità trattate al fine di massimizzare il rapporto con il cliente. Per lo svolgimento della sua attività può tenere rapporti con enti nazionali e internazionali, pubblici e privati, con altre società del Gruppo, con fornitori esterni, collabora con i clienti e con i settori aziendali interessati per lo studio, l’avvio e la realizzazione dei servizi richiesti.

Lavorare in Rai: requisiti

La ricerca è riservata a coloro che sono in possesso di:

  • Età compresa tra i 18 e i 29 anni;
  • Diploma quinquennale di Scuola Media Secondaria Superiore: (Istituto Tecnico Industriale – previgente ordinamento; Istituto Tecnico settore Tecnologico – nuovo ordinamento; Istituto Professionale – previgente ordinamento – settore Industria e Artigianato e Indirizzi Atipici; Istituto Professionale – nuovo ordinamento, settore Industria e Artigianato; Liceo Scientifico);
  • Patente di guida automobilistica cat. “B”.

Per quanto riguarda la ricerca di n. 10 laureati, vale sempre il limite di età (fino a 29 anni) e si richiede: laurea magistrale o specialistica in Ingegneria elettronica, Ingegneria informatica, Ingegneria delle telecomunicazioni, patente B.

Le figure saranno introdotte nel settore tecnico-produttivo e saranno assunte con contratto di apprendistato professionalizzante.

Lavorare in Rai: come candidarsi

Per poter inviare la domanda di ammissione è necessario:

  • Registrarsi al sito www.lavoraconnoi.rai.it e/o effettuare la Login con le proprie credenziali;
  • Aderire all’iniziativa cliccando su “Selezione tecnici diplomati 2018” oppure “Selezione tecnici laureati 2018” e compilare i form richiesti seguendo tutte le istruzioni presenti sul sito.

La domanda di partecipazione alla selezione deve pervenire entro e non oltre le ore 12:00 del 31 gennaio 2018.


note

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube