Donna e famiglia | Articoli

Consigli su come pitturare casa

2 Giugno 2019
Consigli su come pitturare casa

Pitturare casa può rivelarsi complicato e spesso non portare al risultato sperato. Per non sbagliare, basta seguire alcuni utili consigli.

Ti sei appena trasferito e vuoi dare una rinfrescata ai muri di casa? Ti sei stancato dei soliti colori e vorresti provare delle nuova tonalità per ridare vita alle pareti? Stai pensando di pitturare casa ma non sai da dove iniziare? Se hai risposto di sì ad almeno una di queste domande, allora non temere: pitturare casa a volte può sembrare difficile, oltre che noioso, ma con i giusti accorgimenti anche ritinteggiare ti sembrerà facile come una passeggiata. Non è detto che le pareti di casa tua abbiano davvero bisogno di essere pitturate, forse vuoi solo rinnovare l’aspetto delle stanze smorzando la monotonia delle solite tinte, o forse determinati colori ti intristiscono e vuoi dare un tocco di vivacità all’ambiente. Che sia per necessità o per semplice diletto non conta. In questi casi hai due scelte di fronte a te: puoi decidere di affidarti a mani esperte, chiamando una ditta professionale che si occupi di tutto il lavoro, oppure puoi rimboccarti le maniche e decidere di pitturare casa personalmente, trasformando quella che potrebbe sembrare una scocciatura bella e buona, in un momento di creatività e divertimento da trascorrere insieme alla tua famiglia. Certo, dovrai mettere in conto qualche ora di lavoro, un po’ di studio preliminare sui colori e sulle tinte giuste da adoperare, e dovrai munirti degli strumenti necessari, oltre che di tutto l’occorrente per dare una ripulita alla casa alla fine dei lavori. Ricorda che un po’ di polvere e sporco è inevitabile, ma tranquillo: si possono facilmente tenere i “danni” sotto controllo seguendo le dritte giuste. In questo articolo ti darò alcuni consigli su come pitturare casa, sui colori che più si addicono alle tue necessità e sugli accorgimenti che dovrai mettere in pratica per ottenere dei buoni risultati.

Pitturare casa: quando farlo?

Se hai deciso di pitturare casa, considera attentamente il periodo dell’anno in cui ti trovi. I mesi invernali sono di certo sconsigliabili: il freddo e l’umidità, infatti, ostacolano il processo di essiccazione della pittura.

Inoltre, tieni presente che, dopo aver finito di dare il colore alle pareti, dovrai far arieggiare gli spazi tenendo preferibilmente porte e finestre aperte; per questo, le stagioni migliori per dipingere le pareti sono la primavera e l’estate.

Generalmente, si ridà il bianco ogni cinque o sei anni, ma questo dipende molto dalle tue abitudini e da quanto una stanza viene realmente utilizzata. Com’è ovvio, la cucina e il salotto saranno quelle che tenderanno a sporcarsi prima.

Prima di pitturare valuta le condizioni delle pareti

Prima di metterti all’opera, è assolutamente necessario valutare in maniera scrupolosa lo stato di “salute” delle pareti. Se noti della muffa, dovrai rimuoverla utilizzando prodotti specifici. È un passaggio fondamentale sul quale non puoi sorvolare: non eliminando la muffa, infatti, rischi che questa riaffiori presto di nuovo in superficie, rendendo vano lo sforzo che avrai fatto per pitturare casa.

Se vivi in un condominio e hai notato macchie di muffa nel tuo appartamento, ti consiglio di leggere anche questo articolo: Umidità e muffa in appartamento condominio: chi paga?.

Controlla poi che la tua parete non sia danneggiata. Se ci sono buchi o crepe, dovrai munirti di stucco e procedere al ritocco dei difetti. Se i muri sono molto vecchi, noterai che la vernice tende a venire via facilmente. In questo caso, prima di procedere alla verniciatura, dovrai levigare il fondo e renderlo perfettamente liscio (o quasi), in modo tale da rimuovere la pittura precedente; per farlo puoi utilizzare spatola e carta vetrata.

Se vuoi rendere tutto più veloce e meno faticoso, sappi che esistono in commercio anche delle levigatrici automatiche, queste ultime ti consentiranno di lavorare in maniera molto più semplice e precisa. Farai meno sforzi ed eviterai di ritrovarti con un muro squamoso dalla superficie disomogenea.

Se, invece, ritieni che la parete sia già in buono stato, potrai procedere direttamente con la tinteggiatura, ma ricorda: prima di iniziare a pitturare, dovrai sempre rimuovere la polvere sui muri.

Scegli i colori giusti

Prima di dare sfogo alla tua vena artistica, fermati a riflettere. Non è ancora arrivato il momento di impugnare rullo e pennelli: la prima cosa da fare quando decidi di pitturare casa è scegliere i colori giusti. È una fase molto delicata a cui dovrai prestare la massima attenzione, senza farti influenzare troppo dalle tue preferenze personali.

Se ti piace il rosso, ad esempio, non vuol dire che questo colore stia bene sulle pareti di casa tua, né che si addica perfettamente agli ambienti e agli spazi che hai deciso di ritinteggiare. Non rischiare di fare una scelta frettolosa di cui potresti pentirti: sono molti i fattori che dovrai tenere in considerazione prima di decidere quali siano i colori giusti da adoperare. Vediamone alcuni.

I fattori da prendere in considerazione prima di pitturare

Innanzitutto, verifica l’esposizione alla luce: se una stanza è molto illuminata dalla luce naturale, allora dovrai tenere presente che qualsiasi tinta sceglierai apparirà molto più brillante durante le ore di esposizione; al contrario, se la stanza è poco illuminata, la tinta sembrerà più cupa. Stesso discorso anche per il tipo di luce artificiale: se adoperi lampadine a luce calda, allora sarebbe meglio scegliere colori caldi per le pareti, come l’arancione o il giallo, mentre se le tue lampadine sono a luce fredda, sarebbe meglio optare per colori come il verde o il blu.

Un altro elemento da valutare è, ovviamente, il destinatario della stanza. Se stai pensando di pitturare la cameretta dei bambini, per esempio, potresti pensare di utilizzare colori pastello, che si contraddistinguono per il loro essere tenui e poco accesi. Questo vale, in genere, per tutte le camere da letto: colori poco accesi conciliano meglio il sonno.

Via libera, quindi, al verde, al giallo e al blu. Nella scelta del colore giusto, tieni ovviamente conto anche dello stile che intendi dare alla casa, al tipo di arredamento e alla concordanza di tinte tra una stanza e l’altra: di certo non vorrai vivere in una casa arlecchino. Se sei un tipo da stile classico, allora potresti valutare il beige, un colore elegante che potrai abbinare facilmente. Se invece vuoi osare di più, puoi vivacizzare il tuo salotto giocando sui contrasti di colore.

Utilizzando un doppio colore, la parete acquisirà più dinamicità e l’ambiente sembrerà di certo meno piatto, soprattutto se si tratta di uno spazio relativamente piccolo. Per esempio puoi abbinare il bianco e il rosso, il blu e il grigio, il giallo e il verde o, ancora, il grigio e il bianco.

Cosa ti serve per pitturare?

Una volta deciso quali colori si addicono meglio alle stanze di casa tua, non ti resta che comprare tutto l’occorrente. Innanzitutto, le vernici. Misura le pareti di casa tua e recati dal tuo rivenditore di fiducia; lui saprà consigliarti la giusta quantità di vernice da utilizzare. Non essere parsimonioso: meglio un barattolo in più che uno in meno, se non vuoi ritrovarti a metà lavoro con una insufficiente quantità di pittura.

Per quanto riguarda gli attrezzi, quelli indispensabili sono fondamentalmente quattro: il secchio, i pennelli, il rullo con l’apposita vaschetta e ovviamente una scala. I pennelli sono indispensabili per raggiungere i punti in cui sarebbe complicato arrivare con il rullo, ad esempio dietro ai termosifoni, negli angoli e in prossimità dei battiscopa. Ricorda di cominciare a pitturare proprio dai punti più ostici. Una volta rifiniti, sarà molto più semplice dedicarti a tutto il resto. Non dimenticare: per fare un buon lavoro, occorrono almeno due mani di pittura, e tra l’una e l’altra dovrai sempre aspettare i dovuti tempi di asciugatura.

Pitturare evitando lo sporco

Prima di metterti a lavoro, assicurati di coprire bene le superfici che non vuoi sporcare. Di certo, non vorrai ritrovarti con mobili e pavimenti macchiati di vernice. Copri minuziosamente le prese, i battiscopa, i mobili (che ovviamente dovrai prima allontanare dalle pareti e disporre al centro della stanza), i termosifoni, gli oggetti, il pavimento  e, se intendi pitturare il soffitto, anche i lampadari. Rivesti, se necessario, anche porte e finestre; utili a questo scopo saranno il nastro carta, i teli di plastica o in tessuto e numerosi fogli di giornale.

Naturalmente, non dimenticare te stesso: per limitare i danni dello sporco indossa abiti vecchi, una cuffietta o un cappellino per proteggere i capelli, delle buste di plastica per coprire le scarpe e dei guanti per evitare di sporcarti eccessivamente le mani.

Pitturare casa divertendoti

Chi l’ha detto che pitturare casa è una scocciatura? Improvvisandoti imbianchino, puoi dare vita a momenti di svago e divertimento insieme alla tua famiglia, soprattutto se hai dei bambini. A loro piacerà moltissimo avere a che fare con pennelli e colori, e potresti farli partecipare in qualche modo alla tinteggiatura della loro cameretta.

A pittura ultimata, potresti valutare di lasciare le impronte colorate delle vostre mani su una parete, dando così un tocco di creatività alla stanza dei più piccoli e lasciando un ricordo tangibile della vostra giornata insieme: di sicuro loro apprezzeranno.

Pitturare casa: l’ultimo sforzo

L’ultimo sforzo prima del meritato riposo consiste nel sistemare e dare una ripulita alla casa. Se hai protetto mobili, oggetti e pavimenti ti risulterà tutto molto meno faticoso, dovrai solamente tirare via i teli e la carta di giornale. Assicurati di non aver fatto cadere gocce di vernice sulle superfici, dopodiché dai una spolverata e una rinfrescata all’ambiente.

Prima di risistemare i mobili, aspetta il tempo necessario affinché le pareti si asciughino completamente. Fai anche arieggiare gli ambienti, così andrà presto via l’odore della pittura fresca. Una volta fatto tutto potrai finalmente rilassarti: mettiti comodo sul divano e ammira con soddisfazione il lavoro fatto con le tue mani.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



// LLpT_336x280

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA