Diritto e Fisco | Articoli

Equitalia blocca tutti i pignoramenti su pensioni e conti correnti

22 Aprile 2013 | Autore:
Equitalia blocca tutti i pignoramenti su pensioni e conti correnti

Fine dei pignoramenti sui conti correnti: Equitalia si dà nuove direttive; laleggepertutti.it ha vinto una grande battaglia

Forse l’allarme lanciato dal nostro portale è servito a qualcosa. Con immensa soddisfazione, laleggepertutti.it sembra aver ottenuto ciò per cui, in questi giorni, ha combattuto, a beneficio degli italiani e, in particolare, dei pensionati  (leggi l’articolo “Abolito di fatto il limite del “quinto” pignorabile: pensioni integralmente aggredibili” e la successiva petizione “Firma la petizione per il ripristino del quinto pignorabile della pensione”).

Con estrema soddisfazione siamo appena venuti a conoscenza che Equitalia, con una nota interna diramata ai propri uffici, ha deciso di interrompere tutti i pignoramenti sui conti correnti per lavoratori dipendenti e pensionati.

L’agenzia di riscossione intende infatti attendere gli approfondimenti che si sono resi necessari all’esito delle problematiche emerse in merito ai pignoramenti di conti correnti sui quali affluiscono stipendi e pensioni. Pertanto, si legge nella nota “si dispone con decorrenza immediata che per i contribuenti lavoratori dipendenti o pensionati non si proceda, in prima battuta, a pignoramenti presso istituti di credito o Poste”.

Equitalia precisa che da oggi il pignoramento del conto sarà possibile solo dopo che “sia stato effettuato il pignoramento presso il datore di lavoro o l’ente pensionistico e sempre che, anche dopo le trattenute effettuate a seguito del pignoramento, il reddito da stipendio o pensione risulti pari o superiore a cinquemila euro mensili”.

Una vittoria di internet. Una vittoria di www.laleggepertutti.it

Ringraziamo tutti i nostri lettori che hanno combattuto con noi questa battaglia, condividendo i nostri articoli e il nostro sdegno.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

6 Commenti

  1. Grazie a nome di tutte le persone che hanno bisogno in questo momento storico molto difficile!

  2. salve,ho un problema relativo alla scuola d’infanzia statale!
    mi spiego meglio : hanno eliminato il diritto di precedenza riguardo l’eta’ , quindi, nonostante avessi gia presentato l’anno precedente domanda di iscrizione e nn essendo rientrato come
    anticipatario per rmancanza di posti mi sn ritrovata anche quest’anno a nn aver un posto per mio figlio perche’ la sede che
    mi hanno fatto scegliere ha pochi posti disponibili e non ha diritto per eta’ maggiore ad esser inserito in altre sedi!
    a me sembra assurdo!

  3. vorrei sapere :perchè nessuno mai si muove per le partite iva…siamo carne da macello?Nel 2014 pensiamo ancora che chi ha una partita iva sia ricco??Sempre a tutelare chi uno stipendio almeno ce l’ha!Non abbiamo nessuna tutela, solo calci in faccia noi. scusate, ma avevo bisogno di sfogarmi:-))

Rispondi a f24 Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube