HOME Articoli

Lo sai che? Shopping compulsivo: patologia che causa l’addebito nella separazione

Lo sai che? Pubblicato il 24 aprile 2013

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 24 aprile 2013

Ciascuno dei due coniugi deve destinare, parte dei propri guadagni, ai bisogni della famiglia, non potendoli spendere tutti per sé.

Vietato spendere tutto per sé quel che si guadagna. Ciascuno dei due coniugi deve contribuire ai bisogni della famiglia in proporzione alle proprie capacità di lavoro e professionali. Pertanto, l’eventuale separazione è addebitabile a chi, preda di shopping compulsivo, privi il resto della famiglia della propria parte di contribuzione economica e obblighi l’altro coniuge a provvedere da sé all’intero ménage. Lo ha deciso il Tribunale di Roma in una recente sentenza [1].

A inchiodare la moglie spendacciona sono gli estratti conto della carta di credito, le ricevute dei bancomat e gli addebiti sul conto del marito. La donna che non spende un euro per la casa e per i propri figli, ma pensa solo alle boutique femminili, visitate con costante frequenza, subisce l’addebito nella causa di separazione promossa dal marito.

La moglie ora dovrà pagare un altro conto salato: quello delle spese di lite imposta dal tribunale.

note

[1] Cass. sent. n. 7524 del 9.04.2013.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI