Diritto e Fisco | Articoli

Guida col cellulare in mano: arrivano le multe automatiche

14 Maggio 2019


Guida col cellulare in mano: arrivano le multe automatiche

> Diritto e Fisco Pubblicato il 14 Maggio 2019



Inasprimento delle sanzioni per chi guida distratto; maggiori tutele per le biciclette e nelle strade vicino alle scuole.

Sarà molto più facile multare chi guida con un cellulare in mano: stanno infatti per partire i nuovi controlli automatici tramite telecamere, più o meno le stesse che vengono utilizzate per l’eccesso di velocità o per i divieti di sosta. È tutto scritto nel nuovo Codice della strada ormai approvato dalla Commissione trasporti della Camera e ora pronto per iniziare l’iter legislativo vero e proprio che lo porterà, entro il 3 giugno, ad essere discusso o votato in aula. 

Sta per cambiare dunque – ancora una volta – la legge fondamentale degli automobilisti e, come tradizione vuole, le modifiche arriveranno con la stagione estiva, durante gli esodi verso le località balneari. Tra le novità, viene consentito anche alle moto leggere, quelle da 120 cc in su, di entrare in autostrada, cosa che oggi non è possibile. In più, avranno spazio alcune disposizioni a tutela dei ciclisti. Alla classificazione delle strade, si aggiungerà il nuovo tipo di “strada scolastica” per le vie in prossimità di scuole e altri edifici a uso scolastico; in esse sarà consentita la sosta, il movimento e le manovre connesse alle scuole (come ad esempio prendere o lasciare i bambini). Su queste strade potranno essere disposte particolari limitazioni negli orari di attività didattica, come il limite di velocità a 30 km/h e la Ztl.

Strade piene di telecamere per fotografare chi prende in mano lo smartphone mentre sta alla guida

Negli scorsi mesi si è parlato molto di inasprire le sanzioni contro chi guida con il telefonino in mano e, nel nuovo Codice della strada, queste istanze vengono recepite. Si parte, quindi, con la possibilità di semplificare «i procedimenti per l’applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie e accessorie anche in relazione ai nuovi strumenti di controllo a distanza che consentono l’accertamento della violazione con contestazione differita»: in pratica, la polizia potrà passare con un’auto su cui viene montata una telecamera e riprendere chiunque ha una mano sullo sterzo e un’altra sul cellulare. Le immagini verranno poi visionate in centrale e di lì partiranno le multe direttamente a casa degli automobilisti. Automobilisti che, così, in deroga al principio attualmente in vigore, non subiranno la contestazione immediata dell’infrazione e, per difendersi, dovranno ricorrere al giudice (anticipando ovviamente le spese processuali).

Ricordiamo che la sanzione per guida con l’uso del cellulare scatta anche per chi non parla, ma si limita a prendere in mano lo smartphone: conta il fatto che venga distolta l’attenzione dalla strada.

Si vedrà poi se, tra le modifiche, entrerà anche la tanto richiesta sospensione della patente alla prima violazione, cosa che attualmente scatta solo nel caso di recidiva, ossia di infrazione ripetuta due volte in un biennio. «Nel mondo digitale e iperconnesso in cui viviamo è quotidiana l’immagine di chi invia sms, chatta su WhatsApp, controlla il profilo Facebook, si fa un selfie o video mentre sta al volante. Distrazioni che spesso si pagano care, anche con la vita – sottolinea l’Asaps, l’Associazione Sostenitori e Amici della Polizia stradale per bocca del suo Presidente – È la sbornia del Terzo Millennio, un fenomeno in espansione geometrica, ora prima causa di morte e feriti sulle strade italiane».


scarica un contratto gratuito
Creato da avvocati specializzati e personalizzato per te

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

3 Commenti

  1. Perfetto è ora di passare alle maniere forti sperando che molti automobilisti comprendano che nel momento in cui hanno un cellulare in mano mentre guidano, mettono in pericolo se stessi e gli altri.

  2. Maniere forti? Un paese che gestisce i comportamenti sociali con le “maniere forti” vuol dire che appartiene alla categoria delle repubbliche delle banane, piuttosto che dei Paesi democratici.
    Infatti dal Governo Berlusconi II, Lunardi (Trasp./Infrastrutture), Scajola (Interno) quando il Codice subì la prima manomissione all’attuale Governo Salvini/Di Maio, Toninelli (Trasp./Infrastrutture), Salvini (Interno) sono stati partoriti solo inasprimenti e furbate per boccaloni come le multe automatiche e le strade scolastiche; il prossimo sarà l’amputazione del piede destro? Quello non credo proprio!
    Proprio nell’era Berlusconi II scrissi che la differenza tra l’uso dell’allora telefonino senza e con il vivavoce era che senza si gesticolava con un braccio, mentre col vivavoce si poteva farlo con entrambe le braccia! Se dopo 17 anni di pantomime bisogna ricorrere ad inasprimenti e multe automatiche, è da qualunque punto di vista ammissione d’incapacità e/o copertura di finalità non attinenti al governo di un Paese civile e tanto più gravi, perché non è “la sbornia del terzo millennio” la prima causa di morti e feriti e neanche il piede pesante ma la sempre più drammatica carenza di competenza ed educazione civica e circolatoria e di questo peccato mortale o reato, l’utente ne ha una responsabilità individuale e ne risponde mentre l’Operatore Legislativo, Giuridico e comunque di Pubblico Servizio ne ha una collettiva visto che può indurne migliaia/anno di morti e feriti e questo non ne risponde!!!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA